La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
articoliPolitica

Regionali, Zingaretti è vincitore. Nel Pd Bonaccini resta in panchina

La Pressa
Logo LaPressa.it

Vincitore sulla Lega e Fratelli d'Italia, ma anche su coloro che all'interno del Pd ne attendevano con malcelata speranza uno scivolone


Regionali, Zingaretti è vincitore. Nel Pd Bonaccini resta in panchina
'La destra si può battere' affermava con enfasi Bonaccini rivendicando quella che fino a ieri era l'esperienza emiliano-romagnola. 'Io ho battuto Salvini' ripeteva orgoglioso il governatore emiliano preparandosi a sostituire Zingaretti alla guida del Pd nazionale in caso di sconfitta in Toscana o in Puglia. E invece della eccezionalità emiliana, della unicità della sconfitta di Lucia Borgonzoni, dopo il voto di ieri e di oggi non resta nulla. Cioè la vittoria resta, ma oggi appare una vittoria normale, addirittura inferiore rispetto a quelle ottenute in Puglia e in Toscana.
Queste Regionali hanno infatti dimostrato che, nelle regioni storicamente rosse, per battere la destra non serve un cavaliere bianco in ray-ban e barba scolpita, come Bonaccini sognava di essere, ma basta un renziano come Giani o un Emiliano dato da tutti come in declino. 
Basta un candidato normale e i cittadini che hanno sempre votato a sinistra rispondono presenti al richiamo della foresta e al solito ululato anti fascista. Il territorio, caratterizzato da rapporti di forza ben definiti a da tempo intrecciati, segue la corrente e non si lascia suggestionare dalle sirene di un cambiamento che appare ancora come un salto nel buio. La destra, insomma, si batte senza tanti clamori e senza racconti epici. Non servono eroi. La destra si batte perchè nella rossa Emilia e in Toscana non c'è storia.
Ma la paura (vera o costruita a tavolino non importa) stavolta c'è stata e Zingaretti, proprio in virtù di questa narrazione, esce vincitore. Vincitore sulla Lega e su Fratelli d'Italia certo, ma vincitore anche su coloro che all'interno del Pd ne attendevano con malcelata speranza uno scivolone.
In questo senso Stefano Bonaccini che negli ultimi giorni di campagna elettorale le ha provate tutte per differenziarsi da Zingaretti, dall'attaccare i 5 Stelle sul reddito di cittadinanza all'aprire a Renzi e Bersani, esce sconfitto. 
Il Pd dopo il voto di oggi non avrà alcun new deal bonacciniano e resterà saldamente nelle mani del mite e sudato fratello di Montalbano. Un non-leader che si ostina a usare il 'Noi' al posto dell''Io' e a mantenere il look anonimo di un impiegato di banca. Perchè in fondo il popolo Pd, tra democristiani d'annata ed ex comunisti da pugno sinistro alzato, preferisce il profilo basso, il segretario della porta accanto, alla costruzione in laboratorio (o sarebbe meglio dire in camerino) di un uomo sedicente forte. E allora gli avversari del mite Zingaretti ripongano le armi e restino in panchina (panchina, peraltro, nel caso di Bonaccini tutt'altro che irrilevante), oppure se hanno irrefrenabili ambizioni di carriera, possono sempre tentare di scalare Forza Italia... Da quelle parti è partita da tempo la caccia a un erede per il vecchio Re ancora in sella e il profilo dell'uomo che non deve chiedere mai, a destra piace sempre.
Giuseppe Leonelli

Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
Morti nelle Rsa per Covid, in Emilia Romagna dati peggiori d'Italia
Societa'
19 Aprile 2020 - 18:05- Visite:127949
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa essere idioti’
Politica
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:104532
Inchiesta sui minori 'Angeli e Demoni': indagati altri due sindaci
Politica
02 Luglio 2019 - 16:02- Visite:62933
Così il M5S appena un mese fa donava soldi alla onlus Hansel e Gretel
Politica
28 Giugno 2019 - 22:51- Visite:54168
Sanità, svolta in Emilia-Romagna: la regione apre ai privati
Politica
10 Luglio 2018 - 14:14- Visite:52067
Lgbt, la legge è stata approvata dopo 51 ore di dibattito: asse ..
Politica
27 Luglio 2019 - 06:19- Visite:49096
Politica - Articoli Recenti
L'odissea di Casari e i limiti ..
La storia di Casari è raccontata in un libro - In mano alla Giustizia, il caso Cpl ..
29 Novembre 2020 - 10:20- Visite:639
'Pavullo, numeri Covid allarmanti e ..
Durissima lettera aperta dell'Associazione Sei di Pavullo se, rivolta al sindaco Biolchini: ..
29 Novembre 2020 - 06:20- Visite:2317
Ordinanza Speranza: Emilia-Romagna ..
Emessa questa sera, entrerà in vigore domenica 29, quando la nuova ordinanza del Presidente..
27 Novembre 2020 - 22:08- Visite:2015
Cantiere Divisione Acqui, a processo ..
Comune parte civile. Vandelli: 'La vendita degli alloggi alle 20 famiglie è finalmente ..
27 Novembre 2020 - 14:07- Visite:654


Politica - Articoli più letti


'Vaccini, ecco il rapporto tra la ..
Esposto del Codacons all'Autorità nazionale anticorruzione
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:148548
Segretario Pd: ‘Votare Lega ..
Gianluca Fanti, segretario Pd Madonnina si lancia in ardite affermazioni
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:104532
'Commissione Bibbiano, M5S inizia ..
Il capogruppo di Forza Italia in Regione Andrea Galli critica la richiesta di soggetti da ..
07 Agosto 2019 - 14:23- Visite:77068
Autostrade, la concessione resta: la ..
La neo ministro De Micheli, è stata una delle principali animatrici del laboratorio di ..
08 Settembre 2019 - 11:50- Visite:72009