Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Incontro Ucraina La Pressa
articoliIl Punto

Sogno un 25 Aprile senza bandiere di parte: libertà è valore condiviso

La Pressa
Logo LaPressa.it

Dare un nuovo valore alla festa della Liberazione per liberarla dalla retorica di vuoto simulacro nella quale è avvolta oggi


Sogno un 25 Aprile senza bandiere di parte: libertà è valore condiviso
E’ ormai lontano quel 25 aprile 1945, quando i soldati delle truppe Alleate, da sud a nord, liberarono il nostro paese dalla feroce dittatura nazifascista. Oggi, in un altro 25 aprile, siamo ancora qui a ricordare quegli eventi affinché nessuno dimentichi quei tragici anni. Un promemoria collettivo utile innanzitutto ai più giovani i cui nonni sono nati dopo quel 1945, quindi senza alcun legame diretto con i fatti del Ventennio. Ragazzi per i quali la guerra è soltanto un racconto sentito o letto sui libri di storia. Un ricordo utile dunque per quelle generazioni, ormai tutte, che la guerra non l’hanno vissuta in prima persona.
Ricordo bene quando casa per casa, da bambina, vi era chi, incaricato da non sapevo ancora quale realtà, passava per consegnare le bandiere che poi venivano affisse con i merletti del bucato alla ringhiere dei balconi di casa.

E ricordo ancora quando mio padre, bambino ai tempi di guerra, mi raccontava di ‘Pippo’, il nome con cui venivano chiamati gli aerei da caccia notturna, che sorvolavano in perlustrazione il cielo di casa sua, nelle campagne di Albareto, e di come per lui e i suoi fratellini più piccoli quello si trasformasse in una sorta di adrenalitico ‘gioco’ per spegnere in fretta ogni fonte luminosa e per chiudere tutte le imposte affinché non passasse un filo di luce, non realizzando, non potendolo fare a 5-6 anni, la drammaticità di quei sorvoli.
In questi 76 anni tutto è profondamente cambiato. L’evoluzione economica e tecnologica ha trasformato la quotidianità e le abitudini di tutti e se uno di quei giovani che persero la vita in guerra potesse per un attimo riaffacciarsi a questa vita faticherebbe molto a riconoscere il nuovo mondo.

E faticherebbe molto, rivedendoli oggi, a distinguere i partiti di allora.

E, di fronte a un mondo completamente cambiato, forse è tempo di dare un nuovo valore alla festa della Liberazione per liberarla dalla retorica di vuoto simulacro nella quale è avvolta oggi. Ecco allora che il mio 25 Aprile è assai differente da quello che anche stamattina ho visto in piazza a Modena. Penso a questo giorno come una occasione in cui condividere, al di là degli steccati politici, la fine della guerra e la condanna di ogni conflitto e dittatura. La condanna ferma dell’idea che un popolo possa essere geneticamente superiore ad un altro. Una festa quindi collettiva, inclusiva, il più inclusiva possibile. Vorrei vedere unite, senza alcuna bandiera di parte ma solo quella della nostra nazione, tutte le forze politiche, tutte quelle che si riconoscono in questi principi. Null’altro.
Senza strumentalizzazioni e sovrapposizioni forzate che finiscono per diluire il valore autentico del 25 Aprile, togliendo bandiere di Che Guevera, dell’ArciGay, delle associazioni antimafia, riferibili sempre allo stesso partito. Evitando iperboli che consentano di appicciare l’etichetta di ‘nuova Resistenza’ a ogni fatto umano purché nell’orbita delle forze politiche che si sono (indebitamente) appropriate del significato di questo giorno. Confondendo tutto, snaturando quel 25 aprile del ‘45 e finendo per lanciare un messaggio che va proprio nella direzione opposta rispetto a ciò che la storia ci ha insegnato.
Cinzia Franchini


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Onoranze funebri Simoni
Articoli Correlati
A 100 anni dalla nascita, Maranello ricorda Don Giussani
Che Cultura
30 Novembre 2022 - 11:18
Modena, 25 aprile: la festa torna in piazza
Societa'
19 Aprile 2022 - 23:31
22 aprile: Modena festeggia la sua liberazione
Societa'
22 Aprile 2021 - 08:01

Il Punto - Articoli Recenti
Almanacco Modena 2023: Muzzarelli una..
Buon Anno ai nostri lettori e non solo. Buon anno in particolare a chi ha perso una sfida, ..
31 Dicembre 2022 - 06:00
Punti nascita, la sconfitta di ..
Uno smacco che può pesare in modo significativo sulla sua corsa alla guida nazionale Pd. Il..
30 Dicembre 2022 - 18:33
Le nostalgie missine del presidente ..
L'impressione è che La Russa, Isabella Rauti e tanti altri, non siano elementi ..
28 Dicembre 2022 - 06:49
Modena, il discorso di fine anno del ..
Sola anche la sua giunta che non è riuscita a coinvolgere l’opposizione nemmeno su cose ..
27 Dicembre 2022 - 20:39
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58