Voto a Modena, tra Negrini e Mezzetti parte la sfida
VLP Events
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
VLP Events
articoliIl Punto

Voto a Modena, tra Negrini e Mezzetti parte la sfida

La Pressa
Logo LaPressa.it

Mezzetti contro Negrini: Golia contro Davide. E chissà che, per una volta, nella fionda non finisca la biglia giusta


Voto a Modena, tra Negrini e Mezzetti parte la sfida
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Da una parte Massimo Mezzetti. Sessantun'anni, diplomato al liceo scientifico, ha studiato alla Facoltà Valdese di Teologia di Roma. Dal 1985 fino a metà degli anni 90 ha avuto diversi incarichi dirigenziali prima nella Federazione giovanile comunista e poi nel Partito democratico della sinistra e dal 2010 al 2019 è stato assessore regionale.
Dall'altra parte Luca Negrini. Trentatrè anni, noto imprenditore modenese, un passato da calciatore di buon livello, già candidato in una lista civica nel 2019, attuale presidente cittadino di Fdi.

Mezzetti contro Negrini: la politica della tradizione con le radici ben salde nel Partito comunista dal quale il candidato Pd arriva, contro una politica slegata dalle appartenenze strette e dalle ideologie, perchè Negrini sarà pure il presidente cittadino di Fdi, ma non arriva dalla storia missina del partito. Viceversa ha coltivato un approccio laico e, anzi, proviene da una famiglia di sinistra.

Come tante a Modena, rimaste politicamente orfane dopo le mille svolte e piroette che hanno portato all'attuale Partito democratico.

Negrini contro Mezzetti: il primo che parte con l'etichetta dell'outsider, individuato in modo colpevolmente tardivo dalla dirigenza del suo partito, ma che non per questo ha messo nel cassetto la speranza di poter realizzare uno storico sgambetto, il secondo che si è lanciato con tutti i favori del pronostico, con l'acclamazione del Sistema di potere locale e con la convergenza sul suo nome di un campo larghissimo che va da Calenda al Movimento Cinque stelle, ma che lascia pericolosamente fuori la sinistra civica di Modena Volta pagina.

Mezzetti contro Negrini: il candidato Pd che ha cancellato una intera generazione di 40enni (i famosi 8 candidati Pd alle primarie lasciati a bocca asciutta), che ha preso furbescamente le distanze dal vecchio re Muzzarelli, che ha un po' presuntuosamente detto di aver cresciuto sotto la sua ala Bonaccini e Muzzarelli stesso, contro il candidato di Fdi che si trova a fare i conti col pieno sostegno del suo partito, ma anche con i malumori degli alleati, a partire da Forza Italia.

Negrini contro Mezzetti: ancora una volta una sfida tra un Sistema che da 80 anni rinnova se stesso, che costruisce la narrazione ad hoc intorno a un candidato oggettivamente più preparato di quelli cresciuti nel catino del centrosinistra modenese (e su questo il Pd dovrebbe riflettere), contro il tentativo di scardinare le fondamenta di un modello arruginito, autoreferenziale, conservatore e immobile. Un Sistema che fa quadrato, forte dello stretto legame che lega Partito, istituzioni e una fetta di mondo economico e associativo. Un'opposizione (prima Forza Italia, poi Lega, oggi Fdi) che nei vertici provinciali ha dimostrato negli anni di averla data troppe volte persa, ma che stavolta, nell'entusiasmo un po' ingenuo di un candidato 33enne trova inaspettata linfa. Un tentativo di provarci, nonostante tutto, quasi a dispetto di chi lo ha voluto candidare, semi vittima sacrificale. Provarci perchè se a livello regionale il sorpasso è possibile, come dimostra l'impegno di Galeazzo Bignami nel crederci, non si vede perchè Modena debba essere data persa a priori.

Mezzetti contro Negrini: Golia contro Davide. E chissà che per una volta, nella fionda non finisca la biglia giusta. Chissà che stavolta, l'ennesimo candidato presentato a perdere, non faccia un dispetto a tutti. In primis a chi lo ha scelto, indicandolo ad appena tre mesi dal voto, per veleggiare verso una nuova, onorevole, sconfitta. Chissà che, per una strana congiuntura astrale, la vittima sacrificale non si trasformi in leader.
Giuseppe Leonelli

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Modena: Azione sotto le aspettative, ma Zanca vince in strategia
Il commissario del partito di Calenda di meriti storici ne ha di certo, ma in queste ..
09 Luglio 2024 - 23:08
Modena, Solomita lascia: a lui non mancherà il Pd ma al Pd mancherà lui
Solomita nella sua gestione ha certamente usufruito dell’appoggio di Bonaccini e Baruffi, ..
07 Luglio 2024 - 19:59
Modena, virata a sinistra di Mezzetti: l'opposizione ringrazia
Ma per costruire le basi di qualcosa di nuovo occorre capire cosa si è sbagliato, ..
03 Luglio 2024 - 09:18
‘Mi si nota di più se non vengo?’ La sindrome dell’addio al potere di Muzzarelli
Quanto emerge chiaramente dalla prima uscita pubblica ufficiale di Mezzetti, è la distanza ..
02 Luglio 2024 - 21:47
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58