Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
articoliParola d'Autore

Sacchetti di plastica, per un pugno di centesimi

La Pressa
Logo LaPressa.it

La norma è del tutto carente in quanto non va nel cuore del problema che è la riduzione se non l’eliminazione dei sacchetti di plastica


Sacchetti di plastica, per un pugno di centesimi

La recente decisione del governo di far pagare alcuni centesimi i sacchetti di plastica biodegradabili e compostabili e con un contenuto minimo di materia prima rinnovabile non inferiore al 40 per cento, ha sollevato un mare di polemiche; per fortuna, non ci sono state manifestazione e scontri, come la gravità del problema avrebbe potuto far presagire. Comunque, essendone obbligatorio l’uso, non si potrà verificare una riduzione così come era accaduto per le sportine (circa del 50%) che, da quando sono diventate a pagamento, in molti casi, sono state sostituite da altre riutilizzabili. Ma cerchiamo di approfondire il tema.

BOTTIGLIE E SACCHETTI: UN’INVASIONE IN TUTTO IL MONDO

Secondo l’ONU la produzione di plastica a livello globale, nel 2013-2014, ha superato i 300 milioni di tonnellate di cui almeno 8 milioni sono finiti, ogni anno, negli oceani. Più di un milione ogni minuto, 20mila al secondo, sono le bottiglie di plastica acquistate nel mondo.


Ma c’è chi le riutilizza, come in Germania.

Forse 1.000 miliardi nel mondo, all’anno, sono i sacchetti di plastica, di cui 100 miliardi negli Stati Uniti e altrettanti in Europa; nel nostro continente, si va dai 20 pro capite, all’anno in Irlanda, ai 540 in Estonia

I SACCHETTI E L’AMBIENTE

Un sacchetto di plastica dura dai 20 ai 500 anni e più; i raggi del sole e il calore lo degradano in frammenti via via sempre più minuscoli; questi frammenti entrano poi nella catena alimentare a partire dagli organismi più piccoli. I sacchetti di plastica sono leggeri e, quindi, anche con poco vento vengono dispersi nell'ambiente.

Non correttamente smaltiti finiscono anche nei fiumi, laghi e mari e quindi nei pesci che noi mangiamo. Il problema del loro smaltimento non è solo dei paesi più industrializzati; anche gli altri paesi ne sono soffocati; molti di essi, come Bangladesh, Kenia, Ruanda, Tunisia, Marocco, Uganda, Tanzania, Somalia, Botswana, Etiopia, Mauritania, Eritrea li hanno vietati con controlli e pene più o meno severi, fino alla galera. Una organizzazione no profit di Washington, la ORB media, ha condotto una ricerca, con alcuni limiti per metodo di rilevazione e numero di campioni, sulle acque potabili di diversi paesi del mondo. I risultati, seppur parziali, dimostrano che nelle acque dei nostri acquedotti, ci sono piccoli frammenti di plastica e questo accade in Europa, come i America, come in Africa ed Asia, con una media “mondiale” superiore all’ 80%.

IL BIODEGRADABILE E’ LA SOLUZIONE?

Le plastiche biodegradabili, che vengono utilizzate per borse della spesa, bottiglie d’acqua e contenitori per alimenti, sono progettate per essere meno durevoli e in grado di degradarsi più rapidamente nell’ambiente. Esse rappresentano quindi un tentativo frutto di buone intenzioni, ma insufficiente.

E I SACCHETTI IN BIOPLASTICA?

I sacchetti in bioplastica, differiscono dai precedenti perché sono completamente di origine vegetale e non derivati dal petrolio. Per produrli servirebbero migliaia di ettari di terreno agricolo sottratto, quindi, alle tradizionali culture e milioni di metri cubi di acqua. E’ una soluzione? Non sembra.

LA PLASTICA: UNA MERAVIGLIOSA INVENZIONE O UNA GRANDE MALEDIZIONE?

E allora, utilizziamo la plastica, che è stata una formidabile invenzione, per le cose che servono veramente e limitiamola per le altre. Da una parte, pensiamo al suo buon uso nel biomedicale e dall’altra diamo un’occhiata ai bordi delle strade ridotti a discariche di sacchetti e bottigliette. E quindi, la ricetta è, prima di tutto, di migliorarne la raccolta e la gestione dei rifiuti. Ma la vera sfida, almeno per sacchetti e, in parte per le bottiglie, è smettere di usarli e, quindi, anche di produrli, bio o non bio che siano.

Da questo punto di vista, la recente norma è del tutto carente in quanto non va nel cuore del problema che è, ripetiamo, la riduzione se non l’eliminazione; il pagamento di qualche centesimo ci rende sì più consapevoli di quello che stiamo facendo, ma poi non ci consente di fare altrimenti.

Franco Fondriest



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Franco Fondriest
Franco Fondriest

Sono di origine trentine, ma ho trascorso la maggior parte della mia vita a Modena. Mi sono laureato in pedagogia ed ho svolto la mia attività lavorativa prevalentemente nella mia ..   Continua >>


 

Articoli Correlati
Dossier inceneritore, il bluff del riciclo della plastica
Dossier Inceneritore
27 Ottobre 2017 - 07:02- Visite:17035
Inceneritore, il bluff del riciclo della plastica: si recupera solo 6%
Dossier Inceneritore
16 Novembre 2018 - 10:27- Visite:14790
'Lasciamo i sacchetti a pagamento e mettiamo gratis i preservativi'
Oltre Modena
05 Gennaio 2018 - 00:13- Visite:12270
Il Comune aderisce a 'plastic free', poi con Hera la brucia ..
Societa'
24 Maggio 2019 - 08:20- Visite:11059
Savignano: 'Perché sono spariti i contenitori per il riciclo della ..
Lettere al Direttore
21 Settembre 2019 - 13:10- Visite:4247
Lega: 'Troppa plastica nell'inceneritore: la Regione chiarisca'
Politica
03 Giugno 2019 - 18:06- Visite:1669

Parola d'Autore - Articoli Recenti
Ciao Cristina, la tua voglia di ..
Mondo del giornalismo in lutto per la morte a 52 anni di Maria Cristina Ruini. Il ricordo ..
26 Novembre 2021 - 17:31- Visite:2395
Obbligo vaccinale per insegnanti, ..
'A questo punto consiglio a tutti i bravi cittadini di offrire senza esitazione il braccio ..
25 Novembre 2021 - 19:40- Visite:83984
Il funerale di mio nonno: regole ..
Eppure la nostra coscienza non ha bisogno di nessun permesso, nessuna autorizzazione, nessun..
22 Novembre 2021 - 12:12- Visite:2030
Ecco perchè oggi nessuna legge può ..
L'ex primaio del Pronto soccorso di Modena, Daniele Giovanardi: 'L’autorizzazione ..
04 Novembre 2021 - 18:23- Visite:7415
Parola d'Autore - Articoli più letti
'Altro che Tachipirina, ecco come ..
L'ex primario del Pronto soccorso di Modena: 'Antinfiammatori ai primi sintomi e poi, se il ..
31 Gennaio 2021 - 14:37- Visite:292624
Obbligo vaccinale per insegnanti, ..
'A questo punto consiglio a tutti i bravi cittadini di offrire senza esitazione il braccio ..
25 Novembre 2021 - 19:40- Visite:83984
'Festa Unità: è il vuoto totale, a ..
Il Psi: 'Da Muzzarelli lettera piena di dignità e di passione ma anche di un inascoltato ..
31 Agosto 2018 - 11:38- Visite:46937
Lettera all'essere umano: parole di ..
Prima di diventare quella che voi definite 'no vax' mi chiamavo Camilla, avevo 19 anni e ..
29 Agosto 2021 - 19:51- Visite:30202