Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
articoliParola d'Autore

Stato liberticida nel nome della salute: perché l'Italia non reagisce?

La Pressa
Logo LaPressa.it

Perch? il governo italiano si accanisce in maniera cosìimparagonabile a quella di qualsiasi altro governo del mondo democratico?


Stato liberticida nel nome della salute: perché l'Italia non reagisce?

Andrea, un amico toscano pensante e critico, chiede a me di rispondere al quesito che pongo da settimane: perché solo in Italia l’emergenza Covid si è trasformata in un’occasione per ledere diritti costituzionali fondamentali come quelli al lavoro e all’uguaglianza? Perché il governo italiano si accanisce in maniera così imparagonabile a quella di qualsiasi altro governo del mondo democratico nel limitare le libertà dei suoi cittadini, finendo per meritarsi addirittura un richiamo di Amnesty International per le “discriminazioni” messe in atto?

L’esperimento sociale cui siamo sottoposti avviene perché siamo un popolo docile, che non ha mai tagliato la testa al suo re, che “franza o spagna purché se magna”, che la rivoluzione non l’ha mai saputa fare e la guerra neanche. Terra di conquista, l’Italia, per secoli. E il nostro Risorgimento e la nostra Liberazione non sarebbero mai avvenuti se a risorgere e a liberarci non fossero intervenute potenze straniere, che poi hanno sempre richiesto dazio.
Siamo un popolo senza libera stampa, influenzato dalla tv generalista pubblica in mano al governo che la domina con piglio autoritario tanto che propongo di tornare a chiamare la Rai con il più appropriato Eiar. La tv privata pure è di proprietà di un politico che sta nella maggioranza di governo mentre il terzo editore televisivo ha in mano anche il quotidiano tradizionalmente più letto e più filogovernativo d’Italia. In altri Paesi stampa e tv sono dialettici con il potere politico, quindi se lesioni vere fossero inferte a loro e ai cittadini, la reazione sarebbe immediata. Da noi no. Da noi tolgono dalla sera alla mattina per decreto lo stipendio a milioni di lavoratori e il sindacato dei lavoratori si accuccia ai piedi del governo. Da noi funzionano così i “corpi intermedi”.

Di più. Economicamente l’Italia vive di un reticolato di piccole e piccolissime imprese, spesso familiari, che resiste alla globalizzazione. Da noi ci sono centoventisettemila pizzerie, non c’è Pizza Hut; ci sono quarantamila tassisti, poca ciccia per mister Uber; ci sono centosessantasettemila bar, non sono Starbucks o Costa Caffè; ci sono duecentoventiduemila ristoranti e non KFC o Wendy; ci sono duecentotredicimila strutture ricettive, la stragrande maggioranza sotto le dieci stanze, non gli Hilton.

Da noi “piccolo è bello” ma la globalizzazione odia questo slogan. Lo sa bene anche Andrea a Prato. La globalizzazione uccide l’impresa familiare e abbatte i salari dei lavoratori, perché ci sarà sempre un cinese a fare lo stesso lavoro per meno. L’italiano però resiste. Per trecentotrenta milioni di americani e anche per un miliardo e mezzo di cinesi la pizza può essere Pizza Hut, not big deal: la libertà e cambiare il topping di un impasto standardizzato e uguale a ogni latitudine. Per noi pizza è il pizzaiolo di fiducia, intriso di ricordi, che te la fa bassa e abbruciacchiata nei bordi come piace a te o gonfia e morbida e digeribilissima come la migliore napoletana o croccante come la romana e anche a Roma e anche a Napoli o a Treviso o a Crotone non troverai mai un pizzaiolo identico a un altro. Ognuno sarà geloso della propria identità, della propria bottega, del proprio marchio di fabbrica come il povero Maurizio che la pizza me la faceva anche con lo zucchero, poverissima, costava mille lire, io a cena con il mio papà che prendeva la sua pizza “alla Maurizio” piena di ogni ben di Dio e con un tuorlo d’uovo che regnava morbido al centro, mangiavo la mia pizza con lo zucchero reso solido e brillante da un filo d’olio d’oliva che scoppiettava sui cristalli bianchi incandescenti. Ma se devi governare il settore della pizza, è meglio che ci sia un solo signor Pizza Hut con cui trattare, non centosessantasettemila pizzaioli autonomi. E il Covid arriva perfetto alla bisogna. Abbatte la piccola bottega e se poco poco provi a rialzarti io invento che per entrare da te a mangiare la pizza con lo zucchero ci vuole il supergreenpass rafforzato. Il tuo fatturato crolla. Devi chiudere. Si aprono le praterie per Pizza Hut a cui Maurizio invierà il curriculum per stendere a novecento euro al mese l’impasto sempre uguale nelle teglie. La globalizzazione dovrà trattare solo con il signor Pizza Hut e ogni aspetto dell’economia sarà così evidentemente più controllabile, a partire dai diritti dei lavoratori. Perderanno i piccoli, si imporranno i grandi.

L’Italia è un boccone appetibile. Ma indisciplinato, pieno di imprevisti e ruvidezze. Ci stanno per far arrivare un sacco di soldi e sono soldi a debito. Come fanno a essere sicuri che li restituiremo? E qui i supergreenpass rafforzati servono a capire che l’italiano subisce di tutto e non reagisce. Hanno tolto milioni di stipendi ai non vaccinati? È accaduto qualcosa? C’è stata una rivolta? No, qualche piazzetta, una finta occupazione della Cgil innescata dal governo stesso che ha permesso di incarcerare il gruppetto dei più facinorosi (se vuoi andare verso la Cina, va sempre di moda il Mao di colpirne uno per educarne cento) e qualche chat di Telegram composta da incazzati non organizzati e inutilmente roboanti.

Se a fronte della lesione profonda di questi diritti costituzionali e delle libertà nella vita concreta di milioni di italiani nulla è accaduto, vorrà dire che quando ci chiederanno di ripagare il debito dimezzando l’importo delle pensioni, noi borbotteremo e pagheremo. Si chiama operazione di grecizzazione dell’Italia. Il debito che abbiamo contratto con il Pnrr e non solo, lo abbiamo garantito con la nostra docilità a fronte dei supergreenpass rafforzati e dei milioni di stipendi sospesi a cittadini immeritevoli di subire tale violenza. Ci impediscono di salire su un autobus o su un treno, di prendere un caffè anche all’aperto, addirittura ora di entrare in una libreria o in un negozio di cosmetici. Abbiamo subito silenti. I nostri creditori hanno avuto le loro garanzie: pagheremo con una libbra di carne, gli italiani borbotteranno ma come sempre subiranno il sopruso.

Altri popoli no. Altri avrebbero reagito. Per questo ciò che è stato fatto, è stato fatto solo in Italia: per ragioni politiche legate al controllo della cittadinanza; per ragioni economiche legate alla nostra coriacea resistenza alla globalizzazione; per ragioni finanziarie legate alla nostra condizione di Paese immensamente indebitato, ancor di più dopo le finte elargizioni del Pnrr.

Ora hai capito Andrea perché solo in Italia?

Mario Adinolfi



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 


Parola d'Autore - Articoli Recenti
Italia ridotta a colonia, ma gli Usa ..
Ma gli strateghi del Pentagono e i consiglieri di Biden hanno pensato a come uscire da ..
19 Settembre 2022 - 12:06
Ucraina, non tutti sono d’accordo ..
Qualcuno coraggiosamente, a viso aperto e con parole cariche di pathos osa opporsi a questa ..
15 Settembre 2022 - 12:18
La sanguinosa vittoria Ucraina e ..
Finora Putin si è sempre rifiutato di ordinare un cambio di passo nel suo approccio ..
14 Settembre 2022 - 11:49
E Carpi continua a perdere colpi
Il centro storico carpigiano è grande ma in realtà sembra piccolo, spoglio, triste, senza ..
11 Settembre 2022 - 10:21
Parola d'Autore - Articoli più letti
'Altro che Tachipirina, ecco come ..
L'ex primario del Pronto soccorso di Modena: 'Antinfiammatori ai primi sintomi e poi, se il ..
31 Gennaio 2021 - 14:37
Obbligo vaccinale per insegnanti, ..
'A questo punto consiglio a tutti i bravi cittadini di offrire senza esitazione il braccio ..
25 Novembre 2021 - 19:40
Follia Green pass, i bambini prime ..
A questo punto davanti a questi adulti privi di cuore e di anima, non ci resta che sperare ..
08 Febbraio 2022 - 12:52
'Il vaccino non rende immuni: questo ..
Giovanardi: 'Stupisce e sconforta che gli Ordini Professionali si accaniscano contro ..
29 Dicembre 2021 - 21:23