Per far funzionare bene questo sito, a volte installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di dati che si chiamano "cookies". Anche la maggior parte dei grandi siti fanno lo stesso. Puoi scegliere a quali cookies vuoi negare il tuo consenso deselezionando le voci seguenti e cliccando su SALVA LE MIE SCELTE. Maggiori informazioni sulla nostra Privacy Policy.

Cookies Essenziali
Cookies Analitici
Cookies Advertising
Cookies Social

La Pressa redazione@lapressa.it Quotidiano di approfondimento Politico ed Economico
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
articoliPolitica

Dia: 'Mafie integrate in Emilia'

Data: / Categoria: Politica
Autore:
La Pressa
Logo LaPressa.it

Cutresi «perfettamente integrati» E la Camorra ora «è più presente»


Dia: 'Mafie integrate in Emilia'

E’ dell'estate 2016 la relazione del Ministro dell’Interno dell’attività svolta dalla Direzione investigativa antimafia nel secondo semestre 2015. Tanti gli elementi che interessano anche il nostro territorio. Ricordiamo tra l’altro che l’ultimo rapporto della Direzione nazionale antimafia, nel quale si faceva riferimento a una società emiliano- romagnola «omertosa», era stato criticato dalla giunta guidata da Stefano Bonaccini, in particolare dall’assessore regionale alla legalità Massimo Mezzetti , che aveva parlato «generalizzazione ingenerosa » . Ma ecco, stando all’ultima relazione della Dia, come le varie mafie sono diramate a Modena e in regione.

La mafia siciliana in Emilia

La fotografia della mafia siciliana in Emilia viene scattata dalla Dia in questi termini: «In provincia di Bologna si segnalano presenze di esponenti delle famiglie dei Corleonesi, dei Portanuova di Villabate, nonchè di soggetti contigui alle famiglie mafiose del capoluogo etneo. La provincia di Modena registra la presenza di soggetti legati ai clan gelesi, quella di Parma vede presenti elementi delle cosche Emanuello-Rinzivillo di Gela, oltre ad appartenenti alle famiglie originarie della zona di Barcellona Pozzo di Gotto. Nella provincia di Reggio Emilia si segnalano esponenti della famiglia Provenzano di Palermo, mentre a Ferrara è stata rilevata in passato la presenza della famiglia siciliana Villabate. Infine a Forlì Cesena risultano presenti personaggi vicini ai Corleonesi e ai clan del quartiere palermitano di Brancaccio, mentre in provincia di Ravenna si registra la presenza di appartenenti al clan Nicotra di Misterbianco. A fattor comune il traffico di stupefacenti rappresenta il principale ambito criminale per i clan operativi sul territorio emiliano. Il settore peraltro richiama l’interesse di formazioni criminali di diversa estrazione e nazionalità che concorrono anche in questa regione a creare un sottobosco malavitoso attivo nel rifornire di stupefacenti tanto l’Emilia Romagna quanto la Sicilia».

La ‘ndrangheta calabrese in Emilia

«Le proiezione ‘ndranghetiste in Emilia Romagna sono espressione soprattutto della cosca Grande Aracri di Cutro che negli anni risulta essersi perfettamente integrata nel tessuto socio-economico del territorio intessendo relazioni con gli apparati politici ed imprenditoriali locali - si legge nella relazioni -. Oltre che nel capoluogo di Regione dove nel tempo sono state registrate anche presenze di cosche reggine la famiglia crotonese risulta stabilmente insediata nelle province di Reggio Emilia Parma e Piacenza come peraltro confermato dalle investigazioni dell’inda gine Aemilia. Un’organizzazione molto attiva anche nel post sisma 2012. Un ulteriore sviluppo dell’indagine Aemilia ha portato a luglio al sequestro di una società di costruzioni di San Felice del valore di circa 20 milioni di euro intestata a una donna indagata per concorso esterno in associazione mafiosa con l’aggravante di aver favorito le attività della cosca Grande Aracri». «In provincia di Modena emergono anche soggetti legati alla cosca calabrese Arena di Isola Capo Rizzuto, famiglia presente anche nel par mense».

La camorra campana in Emilia

Sulle organizzazione camorristiche operanti nella nostra Regione la Dia afferma: «vi è stato un cambio di strategia dei sodalizi criminali che sembrano prediligere un approccio non più ancorato al predominio militare del territorio, ma volto alla corruttela e alla ricerca di connivenze. Una condivisione degli interessi, specie quelli legati alla ricostruzione post sisma a Bologna, Ferrara, Modena e Reggio». «Il sodalizio casertano per mascherare il legame con alcune ditte e superare così i vincoli imposti dalla normativa antimafia aveva indotto queste stesse imprese a simulare di avere subito intimidazioni ed estorsioni da parte dei Casalesi ed a costruire un’associazione antiracket per accreditarsi di fronte all’opinione pubblica e alle istituzioni». E ancora: «Le investigazioni condotte negli ultimi anni sulla Regione testimoniano una presenza maggiore della camorra, in particolare di soggetti legati al clan dei Casalesi, con riferimento alle province di Ferrara, Modena, Ravenna, Reggio, Rimini e Parma».

La criminalità pugliese e lucana in Emilia

«La particolare propensione a commettere furti e rapine manifestata dai gruppi foggiani è stata al centro di indagini che hanno riguardato anche la procura di Modena e Parma con una importante operazione di polizia conclusa a settembre - aggiunge la relazione della Dia -. Un’associazione composta per lo più da foggiani aveva messo a segno una serie di furti di consistenti quantità di generi alimentari da destinare al mercato clandestino tra le province di Modena, Mantova, Reggio, Alessandria e L’Aquila . Lo stesso dinamismo si coglie nel traffico di sostanze stupefacenti dove prosegue l’interazione con i sodalizi albanesi».



Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione poli..   Continua >>


Profilo Facebook di Redazione La Pressa Profilo Google+ di Redazione La Pressa Profilo Twitter di Redazione La Pressa Profilo Linkedin di Redazione La Pressa Profilo Instagram di Redazione La Pressa Indirizzo Email di Redazione La Pressa 


Articoli Correlati


E' morto Riina: manifesto funebre (anonimo) per festeggiare
Oltre Modena
17 Novembre 2017 - 17:37- Visite:295982
'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:116511
M5S: 'Lavoro festivo, ridare diritti ai lavoratori del commercio'
Politica
27 Marzo 2018 - 15:08- Visite:30637
'Lo Ius Soli sarà per noi il primo punto nella nuova legislatura'
Pressa Tube
01 Febbraio 2018 - 01:00- Visite:26282
E dopo il Modena calcio toccherà al Modena volley finire nella ..
Sport
18 Aprile 2018 - 14:41- Visite:23031
Edicola La Rotonda, l'appello del titolare: 'Così non ce la faccio'
Pressa Tube
01 Novembre 2017 - 19:22- Visite:17806
Politica - Articoli Recenti
Lapam Modena: emergenza criminalità? No..
'Modena non è una città violenta e il centro è ragionevolmente ..
19 Giugno 2018 - 22:45- Visite:87
Gualmini: 'In Emilia Romagna nessuna ..
Replica della assessore: 'In accordo con le loro comunità, la Regione ..
19 Giugno 2018 - 22:23- Visite:213
ER, punti nascita, i pediatri si ..
Diffuso un manifesto in 5 punti: le famiglie scelgano grandi centri, meglio..
19 Giugno 2018 - 22:09- Visite:255
Cpr, Muzzarelli alza asticella: 'Servono..
I punti condivisi con le rappresentanze dei sindacati di Polizia che ..
19 Giugno 2018 - 20:49- Visite:116

Derma Più

Politica - Articoli più letti


'Vaccini, ecco il rapporto tra la ..
Esposto del Codacons all'Autorità nazionale anticorruzione
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:116511
Restituiti a Gatti e Montanari i pc, i ..
Laboratorio e casa dei due ricercatori oggetto del blitz della Finanza il ..
22 Marzo 2018 - 08:51- Visite:39673
Censura Lorenzin: 'Il Sindaco blocchi la..
Il Ministro e candidato ha scritto a Giancarlo Muzzarelli chiedendo di ..
14 Febbraio 2018 - 17:23- Visite:37186

Assiteca


Feed RSS La Pressa

Feed RSS La Pressa