La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliParola d'Autore

Disobbedienza civile? E' la sconfitta delle associazioni di categoria

La Pressa
Logo LaPressa.it

Troppo zelanti a chiedere il tesseramento e troppo timide per contrastare azioni che, di fatto, oltre a limitare libertà personale, limitano diritto al lavoro


Disobbedienza civile? E' la sconfitta delle associazioni di categoria

Disobbedienza civile. Le due parole piacciono tantissimo ai fan di Gandhi, di solito riconducibili nell’area politica che, guarda caso, fino a oggi ha guidato il governo e che li respinge con forza o con quello che resta, anche ai piani bassi, dove si arriva a dire che “chi istiga alla disobbedienza civile ha altri interessi”.

Ma la misura è colma, chi decide di aprire in barba ai Dpcm, peraltro costituzionalmente illegittimi, lo fa per non chiudere per sempre, per aggrapparsi a una speranza e non appendersi a un cappio. E la cosa che lascia più perplessi non è tanto l’appello alla responsabilità, che può starci, se non fosse che non è colpa di baristi, commercianti e gestori di palestre e piscine se nessuno ha potenziato gli ospedali, le terapie intensive e i trasporti; ciò che lascia straniti è l’appello delle associazioni di categoria al rispetto delle regole.

Regole che, è sufficiente una lezione di diritto di prima ragioneria per capirlo, se fatte per Dpcm non sono tali, perché i decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri sono atti amministrativi, non hanno forza di legge. E basta ricordare la Costituzione, troppo spesso sbandierata a caso, per smontarne la valenza.

Le associazioni di categoria, con questa protesta, sono state brutalmente scavalcate dai loro associati perché troppo zelanti a chiedere il tesseramento e troppo timide per contrastare azioni che, di fatto, oltre a limitare la libertà personale, limitano il diritto al lavoro, costituzionalmente garantito.

Ora che fanno appello alla responsabiltà, al rispetto delle regole, sono ridicole. Le partite Iva hanno rispettato le regole del gioco, chi doveva difenderle nelle sedi appropriate ha fallito. Chi lavora si è fatto in quattro per rispettare le regole sugli assembramenti e quanto occorreva per evitare l’aumento del contagio, ma gli è comunque stato chiesto di fermarsi. I ristori non sono arrivati o sono stati insufficienti. Ci sono ristoratori che hanno cambiato il codice Ateco per trasformarsi in sorta di mense, per poter fare coperti almento coi lavoratori a partita Iva che sono spesso fuori per il pranzo e, soprattutto, dare da lavorare ai loro dipendenti e poter ridare lo stipendio dato che la cassa integrazione l’hanno vista col binocolo.

Strepitino pure gli amministratori locali, mentre tergiversano nelle responsabilità su case di riposo, reparti nuovi che fanno letteralmente acqua e argini che non tengono. Invitino alla calma i sindacalisti d’impresa. Chi dal 15 riaprirà, non lo farà in maniera sconsiderata: rispetteranno le regole sul distanziamento e sugli assembramenti, su questo ci potremmo mettere la mano sul fuoco. La colpa non è loro, nè dei loro avventori. La colpa è di chi ha mal gestito la situazione. E in questo, le associazioni di categoria, hanno fatto la loro parte.

Stefano Bonacorsi


Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Stefano Bonacorsi
Stefano Bonacorsi

Modenese nel senso di montanaro, laureato in giurisprudenza, imprenditore artigiano, corrispondente, blogger e, più raramente, performer. Di fede cristiana, mi piace dire che sono ..   Continua >>


 

Parola d'Autore - Articoli Recenti
Modena, i primi venti giorni ..
Dal caos vaccini alle proteste dei ristoratori, dalle proteste in via Zarlati allo scontro ..
21 Gennaio 2021 - 11:15- Visite:368
Albergatori, sciatori, studenti, ..
Non ha portato fortuna nemmeno al Modena che ha perso domenica la partita casalinga... ..
18 Gennaio 2021 - 18:31- Visite:2432
Carpi, picchia la compagna convivente..
Notte di terrore per una donna da tempo vittima delle violenze del compagno, 25enne. Ieri ..
18 Gennaio 2021 - 12:37- Visite:294
Ristoratori, o li facciamo lavorare o..
Molti non hanno aderito alla iniziativa 'Ioapro', ma tutti hanno posto il medesimo ..
16 Gennaio 2021 - 22:42- Visite:618


Parola d'Autore - Articoli più letti


'Festa Unità: è il vuoto totale, a ..
Il Psi: 'Da Muzzarelli lettera piena di dignità e di passione ma anche di un inascoltato ..
31 Agosto 2018 - 11:38- Visite:45899
E dopo il Modena calcio toccherà al ..
In difesa di Stoytchev. Ngapeth non è un bell’esempio per i giovani della pallavolo che ..
18 Aprile 2018 - 14:41- Visite:26502
Crisi Coop Alleanza 3.0, ex leader ..
Vezzelli: 'Ricordiamo che Alleanza 3.0 ha la proprietà della più grande rete televisiva ..
13 Gennaio 2019 - 18:31- Visite:23546
Nidi e infanzia, dibattito surreale: ..
Qualcuno pensa, senza dichiararlo pubblicamente, che la scuola statale faccia schifo? Se ..
11 Maggio 2020 - 10:09- Visite:19443