Per far funzionare bene questo sito, a volte installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di dati che si chiamano "cookies". Anche la maggior parte dei grandi siti fanno lo stesso. Puoi scegliere a quali cookies vuoi negare il tuo consenso deselezionando le voci seguenti e cliccando su SALVA LE MIE SCELTE. Maggiori informazioni sulla nostra Privacy Policy.

Cookies Essenziali
Cookies Analitici
Cookies Advertising
Cookies Social

La Pressa redazione@lapressa.it Quotidiano di approfondimento Politico ed Economico
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
articoliPolitica

Inceneritore Modena: in aumento anche i rifiuti radioattivi

Data: / Categoria: Politica
Autore:
La Pressa
Logo LaPressa.it

In un solo anno sono stati 122 gli allarmi registrati tra i rifiuti in ingresso all'impianto di via Cavazza. Dal 2014 gli allarmi vengono gestiti direttamente all'interno della struttura.


Inceneritore Modena: in aumento anche i rifiuti radioattivi

Nei giorni scorsi abbiamo documentato l'aumento costante, negli ultimi 10 anni, dei rifiuti conferiti all'inceneritore di via Cavazza a Modena. Un aumento che porterà presumibilmente alla fine del 2017, stando alle stime basate sui dati di maggio, a sfiorare la quota limite delle 240.000 tonnellate. Abbiamo documentato poi l'aumento altrettanto costante nella produzione dei rifiuti, aumentati anche nell'ultimo anno di circa l'1,2% su scala regionale.
Tutti elementi di fatto in controtendenza con gli obiettivi e gli indirizzi politici che animano il Piano Regionale sui rifiuti basato sostanzialmente su tre azioni: riduzione della produzione di rifiuti (al contrario aumentata nell'ultimo anno del 1,2%), aumento del riciclaggio e della raccolta differenziata (che in Emilia-Romagna e in provincia di Modena è aumentata grazie al comportamento virtuoso dei cittadini), che avrebbe dovuto portare ad una riduzione dei rifiuti urbani indifferenziati da conferire per buona parte all'inceneritore. Cosa che, come si dimostrava, non è avvenuta. Questo principalmente perché negli anni la costante riduzione dei rifiuti indifferenziati urbani generata da una sempre maggiore quantità di rifiuti urbani differenziati (e quindi non conferibili in inceneritore), è stata compensata da una costante crescita di rifiuti speciali gettati nel forno dell'inceneritore. Una crescita costante, perché quella bocca, capace di inghiottire 240.000 tonnellate di rifiuti all'anno, ha bisogno di essere alimentata sempre per sostenere il lavoro di un impianto enorme. E se i rifiuti non ci sono, bisogna importarli, anche da altre regioni, anche speciali.

Non a caso il quantitativo di rifiuti speciali trattati complessivamente nel 2015 dall'inceneritore di Modena è stato di 50.304 tonnellate, praticamente il quantitativo massimo autorizzato fssato a 50.400 t.

La parte preponderante è costituita da rifiuti speciali derivanti da operazioni di trattamento dei rifiuti (individuati dai codici CER 19.12.xx), che costituiscono il 95,2% del totale. Di questi, il 94% è di provenienza extra-regionale.

'L’avvio della linea n.4, in esercizio con rifiuto dal mese di aprile 2009 e a pieno regime dal mese di aprile 2010 - conferma Arpae -  ha portato ad un costante e consistente incremento dei quantitativi inceneriti, sia con riferimento ai rifiuti speciali (che negli ultimi anni si attestano costantemente su quantitativi prossimi al valore massimo consentito), sia con riferimento ai rifiuti urbani, per i quali è aumentata la quota relativa ai rifiuti provenienti da fuori provincia. 

Dal mese di ottobre 2007 ogni carico di rifiuti in ingresso all’impianto di via Cavazza viene sottoposto a misura di radioattività. E gli esiti di tali controlli dimostrano una realtà che forse non ci aspetta. 

Nel 2015, ultimo dato disponibile per questa tipologia di rilevazione, sono stati segnalati 122 allarmi totali per radiottività di cui 96 rispetto a rifiuti urbani e 26 rispetto ai rifiuti speciali.

L'inceneritore di Modena formalmente non è autorizzato al conferimento di rifiuti sanitari, ma di rifiuti categoria 19.12 ....ovvero, sulla base della classificazione 2014/955/UE, rifiuti prodotti dal trattamento meccanico dei rifiuti (ad esempio selezione, triturazione, compattazione, riduzione in pellet). Una categoria nella quale rientrano molte tipologie. Dal legno ai metalli ferrosi, dai prodotti tessili ai minerali, fino ad arrivare ai rifiuti prodotti dal trattamento meccanico di rifiuti contenenti sostanze pericolose. 

Nel corso del 2013 - fa sapere Arpae - sono state riviste le modalità di smaltimento dei rifiuti radioattivi caratterizzati dalla presenza di radionuclide con tempi di decadimento rapido e riconosciuto fra quelli utilizzati normalmente in ambito ospedaliero (anche se l'inceneritore di Modena non risulta autorizzato al trattamento di rifiuti ospedalieri).

Elementi di radioattività che la letterattura scientifica descrive come diffusi.  Nel 2011, per l'inceneritore di Modena, fu documentato il caso  una bussola con quadrante contaminato da 226Ra, un elemento che si usava per verniciare i quadranti di strumenti tecnici e per garantire, per esempio, la visibilità notturna. 

Fatto sta che quando viene individuato un materiale contenente elementi radioattivi nel carico di rifiuti in ingresso, la porzione contaminata viene individuata, separata e depositata all’interno di un box con pareti in piombo appositamente realizzato; al termine del periodo prestabilito, un esperto qualificato, con apposita misurazione, ne verifica l’effettivo decadimento prima dello smaltimento finale. O in discarica  o in inceneritore. In questo modo sono stati direttamente gestiti all'interno della struttura di via Cavazza anche tutti i 122 casi di allarme registrati nel 2015.

 



Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione poli..   Continua >>


Profilo Facebook di Redazione La Pressa Profilo Google+ di Redazione La Pressa Profilo Twitter di Redazione La Pressa Profilo Linkedin di Redazione La Pressa Profilo Instagram di Redazione La Pressa Indirizzo Email di Redazione La Pressa 


Articoli Correlati


'Rifiuti Spilamberto, l'ipocrisia della raccolta differenziata'
Editoriali
23 Ottobre 2017 - 10:12- Visite:14925
Alea, da Forlì una alternativa all'inceneritore fuori da Hera
Politica
03 Novembre 2017 - 07:30- Visite:13320
Dossier inceneritore, l'inquinamento e l'acquario
Dossier Inceneritore
01 Novembre 2017 - 07:30- Visite:11888
'Rifiuti, Hera senza vergogna e senza limiti e i sindaci tacciono'
Politica
06 Agosto 2017 - 11:44- Visite:11721
Dossier inceneritore, il bluff del riciclo della plastica
Dossier Inceneritore
27 Ottobre 2017 - 07:02- Visite:11625
Politica - Articoli Recenti
Lapam Modena: emergenza criminalità? No..
'Modena non è una città violenta e il centro è ragionevolmente ..
19 Giugno 2018 - 22:45- Visite:87
Gualmini: 'In Emilia Romagna nessuna ..
Replica della assessore: 'In accordo con le loro comunità, la Regione ..
19 Giugno 2018 - 22:23- Visite:214
ER, punti nascita, i pediatri si ..
Diffuso un manifesto in 5 punti: le famiglie scelgano grandi centri, meglio..
19 Giugno 2018 - 22:09- Visite:255
Cpr, Muzzarelli alza asticella: 'Servono..
I punti condivisi con le rappresentanze dei sindacati di Polizia che ..
19 Giugno 2018 - 20:49- Visite:116

Derma Più

Politica - Articoli più letti


'Vaccini, ecco il rapporto tra la ..
Esposto del Codacons all'Autorità nazionale anticorruzione
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:116513
Restituiti a Gatti e Montanari i pc, i ..
Laboratorio e casa dei due ricercatori oggetto del blitz della Finanza il ..
22 Marzo 2018 - 08:51- Visite:39673
Censura Lorenzin: 'Il Sindaco blocchi la..
Il Ministro e candidato ha scritto a Giancarlo Muzzarelli chiedendo di ..
14 Febbraio 2018 - 17:23- Visite:37186

Assiteca


Contattaci

Feed RSS La Pressa