Lunedì 26 luglio ore 17,30 Modena
Onoranze funebri Gibellini
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
progettiQuelli di Prima

Mirandolexit ad un passo: approvato l'atto, tra 7 giorni voto finale

La Pressa
Logo LaPressa.it

Stasera in Consiglio Comunale, seconda votazione delle tre previste. La prima con maggioranza 'semplice'. Si di Lega e FDI, no di PD, 5Stelle e Più Mirandola


Mirandolexit ad un passo: approvato l'atto, tra 7 giorni voto finale
Tutto come previsto, anche nel secondo dei tre passaggi in programma per l'approvazione dell'atto di uscita del Comune di Mirandola dall'Unione Comuni Area Nord. Nella seduta del Consiglio comunale convocata per le ore 18,30.

A differenza della scorsa seduta, quando era necessaria la maggioranza dei due terzi del Consiglio Comunale per approvare la delibera (quindi non approvata), oggi bastavano 10 voti a favore, ovvero la maggioranza 'semplice', per la prima approvazione delle due previste, del'atto che sancisce l'uscita dall'Unione. Una maggioranza garantita da Lega e FDI, compatte sul SI, e sufficienti per prevalere sul fronte del No, altrettanto compatto (anche se con diverse ragioni), posto da PD, Movimento 5 Stelle e la Lista Più Mirandola.

La delibera quindi passa, ma per essere esecutiva, sancendo l'uscita ufficiale di Mirandola dall'Unione, dovrà passare anche la prossima votazione, prevista nella seduta del prossimo lunedì, 29 giugno, nei termini della scadenza del 30 giugno, oltre la quale l'amministrazione dovrebbe aspettare un altro anno per riproporre la scelta. Una votazione, quella di oggi, anticipata da un ampio dibattito che ha coinvolto anche assessori e consiglieri ma nel quale la parte da padroni è spettata ai Capigruppo.

'Questa giunta è fatta da persone pratiche, che non vivono di politica, e che come persone pratiche si sono resi conto di una Unione che non funziona e che per 17 anni non ha funzionato' - ha affermato il Capogruppo Lega Guglielmo Golinelli. 'Mirandola non potrà avere altro che vantaggi dall'uscita, così come potranno averne altri comuni visto che il nostro comune sarà sempre favorevole ad agire in convenzione. Ho parlato in questi giorni con il sindaco di Fiorenzuola, uscito dall'Unione territoriale in cui il Comune era, che mi ha confermato quanto condividere con altri comuni i servizi in convenzione porti ad una maggiore efficenza in quanto contestualmente si elimina tutto lo scontro politico che oggi caratterizza l'Unione'

L'appello a non uscire, e a 'scongiurare una azione giudicata sbagliata e senza garanzie né per Mirandola né per gli altri comuni', è il capogruppo PD Roberto Ganzerli. 'Crediamo ci possano essere ancora gli spazi per aprire una discussione per capire se in un tempo determinato si possano essere ancora le condizioni affinché questa unione possa essere salvata, riformandola dal suo interno come tra l'altro lo stesso sindaco, assumendone la presidenza, si era dichiarato disposto a fare. In settimana l'appello a non uscire è stato espresso da diverse parti della società civile e politica, anche da altri sindaci di centro-destra. Purtroppo vediamo che fino ad ora l'unico segno distintivo di questa amministrazione non è stato costruire e avere nuove idee, ma distruggere senza fornire una alternativa'

'L'alternativa c'è eccome ed è quella che questa amministrazione, in linea con la promessa di cambiamento fatta in campagna elettorale e che gli elettori hanno premiato, ha scelto di dare a questa città e all'Unione stessa' - replica il Capogruppo FDI Marian Lugli annunciando il proprio voto a favore. 'Per uscire da una situazione che penalizza tutti, sia Mirandola sia gli altri comuni. Una scelta che garantirà un miglioramento della situazione e che questa amministrazione ha avuto la forza, con ragione, di portare avanti. Con quella onestà e trasparenza che la contraddistingue'

'Credo che ormai gli spazi di discussione garantiti da questa amministrazione siano inesistenti. La funzione di questa come della prossima seduta consigliare è solo funzionale a predisporre tutte le condizioni per uscire dall'Unione' - ha affermato il Consigliere e Capogruppo di Più Mirandola, Giorgio Siena. 'Ciò che possiamo fare è quello di mettere a fuoco e puntualizzare, per i prossimi quattro anni, le ragioni e di una parte politica e dell'altra per potere poi valutare quando sia grave questa scelta; una scelta ideologica che porterà ad effetti negativi sul comune di Mirandola e sugli altri comuni'

Annuncia e conferma il voto contrario ma critica il PD per essersi accorto tardi i problemi dell'Unione, la capogruppo del Movimento 5 Stelle Nicoletta Magnoni: 'Giudico legittime le analisi fatte dal sindaco sulle criticità che ci sono e delle quali prendo atto il PD parla solo ora che le criticità sono emerse. Ma giudichiamo la scelta di uscire ora sbagliata, per questo confermo il voto contrario'


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Articoli Correlati
'Commissione Bibbiano, M5S inizia opera di insabbiamento'
Politica
07 Agosto 2019 - 14:23- Visite:78756
Orrore di Bibbiano, onlus coinvolta è la stessa della Bassa modenese
La Provincia
27 Giugno 2019 - 15:22- Visite:35975
Case riposo provincia di Modena: i dati che certificano una apocalisse
Societa'
21 Aprile 2020 - 09:04- Visite:27401
Mirandola, vigilessa trovata morta, il Sulpl: 'Suicidio annunciato'
La Nera
04 Aprile 2018 - 13:58- Visite:22952
La mappa dei nuovi contagi: 6 casi a Carpi, 2 a Castelvetro e Fiorano
Societa'
17 Marzo 2020 - 18:19- Visite:20303
Coronavirus, la mappa dei contagi: 21 casi a Modena e 9 a Maranello
La Provincia
16 Marzo 2020 - 18:11- Visite:17929

Feed RSS La Pressa
Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi così tanto tempo ..
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39- Visite:12192
Libera, le consulenze di Enza Rando
L’avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36- Visite:16285
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25- Visite:13766
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi «perfettamente integrati» E la Camorra ora «è più presente»
02 Gennaio 2014 - 13:54- Visite:12879
Quelli di Prima - Articoli più letti
AeC, la moglie di Muzzarelli nel ..
L’azienda, coinvolta nell’inchiesta ‘Cubetto’, finanziò la campagna elettorale del ..
01 Gennaio 2014 - 20:45- Visite:21354
Libera, le consulenze di Enza Rando
L’avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36- Visite:16285
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25- Visite:13766
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06- Visite:12999