Vaccino covid terza dose
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliPolitica

Nel giorno di Natale 1991 morì l'Unione sovietica

La Pressa
Logo LaPressa.it

Ma nessun ex comunista italiano l'ha voluto ricordare


Nel giorno di Natale 1991 morì l'Unione sovietica

Proprio trentanni fa di questi giorni la bandiera rossa con la falce e il martello veniva ammainata per l'ultima volta dal pennone del Cremlino e si dissolveva così nel nulla la patria del comunismo internazionale che per 70 anni aveva illuso e ammaliato milioni di lavoratori di tutto il mondo che guardavano all'Urss come un modello da seguire e da applicare per la loro emancipazione economica e sociale.

Invece l'esplodere delle contraddizioni interne al sistema sovietico (superpotenza nucleare e costosi armamenti di ultima generazione a fronte di un grave sottosviluppo economico con vaste aree di arretratezza specie nelle campagne), il crollo del Muro di Berlino di due anni prima abbattuto dagli operai e dagli studenti della Germania dell'est e l'opera silenziosa ma preziosa di due uomini protagonisti del ventesimo secolo come Papa Wojtyla, il Papa polacco e il presidente degli Usa Reagan, dettero la spinta decisiva insieme al tentativo generoso ma disperato di Gorbaciov di salvare il salvabile con la 'trasformazione' dell'Urss in un sistema di comunismo dal 'volto umano', contro il quale si era posto anche Eltsin.
Fu tutto inutile. Il Natale del 1991 vedeva la dissoluzione di una idea che alla prova dei fatti si era dimostrata inattuabile, nata nel 1922 dopo la rivoluzione bolscevica del 1917 e la fine dell'impero zarista. Ma dopo l'era Lenin, ecco Stalin prendere il potere ed instaurare una feroce e terribile dittatura che eliminò ogni libertà personale e politica e quindi ogni opposizione interna, con un sistema poliziesco che andò avanti fino alla sua morte, nel 1953. Il 'modello' sovietico prosegui con altri dittatori dimostrando sempre più le sue crepe, le sue ingiustizie politiche e sociali, l'incapacità di risolvere i problemi economici del paese e di perseguire la tanto sbandierata giustizia sociale, fino alla sua ingloriosa caduta dopo 70 anni di brutalità, di persecuzioni e di assassinii denunciati peraltro dallo stesso Gorbaciov anni prima nel corso di un famoso congresso del Pcus ma venuti alla luce grazie anche ai libri scritti dai coraggiosi scrittori Sakarov e Solgenitsin sui lager siberiani nei quali morirono di fame, di freddo e di torture migliaia di oppositori interni del regime ma anche persone innocenti incarcerate, perseguitate ed eliminate ingiustamente dal regime stalinista. Con un silenzio colpevole di Togliatti, il futuro segretario del Pci, che trascorse parecchi anni nella Mosca sovietica e che “non poteva non sapere cosa accadeva dentro il palazzo del Cremlino”, come gli rinfacciarono molti suoi compagni di partito quando tornò in Italia a Liberazione avvenuta e a guerra finita.

E ora a trentanni dalla sua fine ingloriosa, ha fatto scalpore la censura del regime di Putin alla organizzazione 'Memorial' sorta in difesa dei diritti umani nella Russia di oggi che continua, insieme ai romanzi di Sakarov e Solgenitzin, ad alzare il velo di omertà sull'orrore carcerario dei gulag e sulla brutale repressione che sembra continuare ora con l'arresto di Alexei Navalny, il più importante e coraggioso oppositore dell'attuale regime putiniano. Cosi come è di questi giorni la condanna di uno dei maggiori storici fortunatamente scampato nell'arcipelago gulag, Yurj Dnitriev, che prosegue l'encomiabile ricerca di Sakarov e Solgenitzin sul 'sistema' dei lager e a cui si deve la scoperta di una fossa comune nella foresta della Carelia coi resti di settemila vittime del regime stalinista.

Ma non abbiamo letto o sentito nessun ricordo da parte degli ex comunisti italiani, quelli cioè che hanno militato sino al 1991 nelle file del Pci italiano e che ora sono nel Pd, per rendere omaggio alla memoria delle vittime innocenti dello stalinismo, come in Italia e in Europa rendiamo omaggio alle vittime innocenti del fascismo e del nazismo.

E avrebbero potuto farlo condividendo un parere espresso in grande libertà, serenità e onestà intellettuale da Dacia Maraini, da sempre donna di sinistra, che scrisse una pagina esemplare divenuta famosa ma che al momento mise in grande imbarazzo i dirigenti del Pci di allora. Essa scrisse: “Il comunismo è la più grande catastrofe culturale di tutti i tempi. Forse anche peggio del nazismo, perchè più subdolo, sotterraneo, seduttivo e infingardo, perchè falso e ipocrita”.

Oppure l'altra significativa e coraggiosa affermazione, quella dell'onorevole Emanuele Macaluso, storico dirigente del Pci insieme a Togliatti, Longo, Pajetta, Secchia, Ingrao, che ha detto: “E' stato necessario prendere pubblicamente atto del fallimento della ideologia comunista come forma di governo dei popoli ma il Pci perse in quel momento la storica occasione per fare un salto di qualità e divenire un moderno partito socialdemocratico e laburista affiancandosi a quelli esistenti in tutta Europa”.

Cesare Pradella



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Cesare Pradella
Cesare Pradella

Giornalista pubblicista, è stato per dieci anni corrispondente da Modena del Giornale diretto da Indro Montanelli, per vent'anni corrispondente da Carpi del Resto del Carlino, per ..   Continua >>


 

Vaccino covid terza dose
Articoli Correlati
Carpi, la rigenerazione di via Unione Sovietica: progetto al via
Societa'
08 Giugno 2020 - 15:47- Visite:1312

Politica - Articoli Recenti
Effetti avversi vaccino, il Governo ..
'Il risarcimento vale per tutti quei cittadini che si sottopongono a vaccino e, qualora ..
21 Gennaio 2022 - 23:59- Visite:483
Il Comune dalla parte del DDL Zan, ..
Il sindaco risponde all'interrogazione del Consigliere Fdi-PDF Rossini sulla partecipazione ..
21 Gennaio 2022 - 17:38- Visite:373
Orrore Green Pass, nel silenzio di ..
Talmente immersi nell'abisso da pensare che l'oscurità che ci pervade sia il cielo e il ..
21 Gennaio 2022 - 17:33- Visite:18380
Incubo è ufficiale: senza green pass..
Senza il green pass non si potrà nemmeno ritirare la pensione all’ufficio postale o ..
21 Gennaio 2022 - 12:51- Visite:8599
Politica - Articoli più letti
'Vaccini, ecco il rapporto tra la ..
Esposto del Codacons all'Autorità nazionale anticorruzione
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:194220
Il sindacato dei carabinieri: ..
‘Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39- Visite:184154
Obbligo vaccinale over 50, Travaglio:..
Marco Travaglio, da sempre punto di riferimento della galassia 5 Stelle (formazione che è ..
07 Gennaio 2022 - 08:41- Visite:134504
Green Pass, nelle grandi aziende ..
Al di là della deroga per le piccole imprese, il lavoratore che non esibisce il Green Pass ..
09 Ottobre 2021 - 15:08- Visite:124957