Lunedì 26 luglio ore 17,30 Modena
Onoranze funebri Gibellini
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Lunedì 26 luglio ore 17,30 Modena
articoliIl Punto

Risveglio Pd a Modena, non confondere un grido d'aiuto con un applauso

La Pressa
Logo LaPressa.it

La carica dei 31mila partecipanti alle primarie ridà ossigeno al partito. Il centrodestra a traino Lega si affida solo ed esclusivamente alla forza di Salvini


Risveglio Pd a Modena, non confondere un grido d'aiuto con un applauso

Piegato dal voto del 4 marzo, con big come De Vincenti e Vaccari umiliati dai parvenu del centrodestra, e punito ripetutamente dai sondaggi, il Pd modenese ieri sulla scia del vento nazionale che ha portato ai gazebo 1,8 milioni di italiani, ha dato un importante segnale di risveglio. Oltre 31mila modenesi hanno deciso di partecipare alle Primarie, nonostante tutto, nonostante la disaffezione e le continue spaccature. Nonostante il senatore modenese renziano-non renziano Richetti e il suo mandare letteralmente a 'cagare' anche il compagno di staffetta Martina (un delirio ridicolo se non fosse vero), nonostante le continue promesse non mantenute (in primis su urbanistica, ambiente) da chi nelle istituzioni locali rappresenta il Pd. Nonostante il Sistema Modena incarnato da Muzzarelli, nonostante un assessore all'ambiente come la Filippi che ha svenduto, come fossero carciofi al mercato, tutte le battaglie di Legambiente (a partire dal No alla Bretella).
Ecco, nonostante tutto questo i modenesi hanno deciso di consegnare ancora una volta al centrosinistra le loro speranze e il loro no alle politiche leghiste nazionali, tradotte (malamente) dai piccoli leader locali.

Ora, restando a Modena, il Pd di Muzzarelli (non si offenda il pur encomiabile Davide Fava ma questo è il Pd oggi) ha due possibilità. Interpretare questo voto, la carica dei 31mila, come una conferma della bontà del suo operato o, viceversa, interpretarlo come un appello, un ennesimo (ultimo?) atto di fiducia dei modenesi a cambiare rotta dall'interno. Un atto generoso e disperato, un sos di chi non vuole arrendersi alla deriva leghista. O di chi l'ha fatto il 4 marzo e ora ne è pentito.

Nel primo caso nulla cambia, basta continuare sulla strada di sempre, basta continuare con gli slogan vuoti della 'lotta alla paura' e della 'città che guarda al futuro' e sperare in Dio. Continuare ad affidarsi a cortigiani pronti a stendere tappeti rossi a chiunque abbia potere, continuare a zittire ogni critica, creare liste e listine in casa spezzettando se stessi, inglobare e annullare il dissenso sempre e comunque (stile Maletti o Silingardi per ricordare le Primarie 2014) e sperare che questo atteggiamento, unito a un vago appello ai 5 Stelle, sia sufficiente a convincere gli elettori a non affidarsi alla Lega. Una Lega che a Modena punta tutto ed esclusivamente sul traino di Salvini, una Lega autoreferenziale, che ha annullato gli alleati, Forza Italia e Fratelli d'Italia, trasformandoli in succubi comprimari in attesa delle briciole e che ha come unico pensatoio il Circolo di estrema destra de La Terra dei Padri.

Nel secondo caso, invece, decidesse di cambiare, Muzzarelli dovrebbe farsi carico di una responsabilità enorme, capire che il voto dei 31mila non è un applauso ma un grido d'aiuto. E di fronte ai gridi di aiuto non si fa l'inchino soddisfatto, ma si corre e si rischia anche la propria stessa incolumità. Si mettono da parte orgoglio e rancori, ci si contamina. Si rompono i legacci con i mondi economici amici che hanno garantito la tenuta del Sistema sinora. Non si fanno appelli generici ai 5 Stelle, ma si discute con il diverso per cercare una nuova sintesi. Migliore.
Questo è il bivio che il Pd modenese ha di fronte e in fondo è lo specchio del bivio col quale deve misurarsi il Pd nazionale. Aprirsi e cambiare o interpretare questa insperata fiducia offerta dalle Primarie come una conferma. E questa volta non basterà il solito compromesso: scegliere a parole il cambiamento per poi nei fatti non cambiare nulla. Stavolta, con le Europee e le amministrative alle porte, si gioca davvero. E senza rete. Perchè il Sistema Modena, il Sistema Emilia per guardare a Bonaccini, crollerà comunque: bisogna decidere se smantellarlo da dentro salvando i muri portanti e i valori positivi o lasciare alle ruspe leghiste la gioia di abbattere tutto. Gettando alle ortiche bimbo, acqua sporca, bacinella e anche una fetta di se stessi.
Giuseppe Leonelli


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Onoranze funebri Simoni
Articoli Correlati
'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:167450
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa essere idioti’
Politica
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:107965
Il Sulpl risponde: Posso accompagnare mia moglie a fare la spesa?
Societa'
17 Marzo 2020 - 11:24- Visite:69645
Inchiesta sui minori 'Angeli e Demoni': indagati altri due sindaci
Politica
02 Luglio 2019 - 16:02- Visite:64025
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
Il Punto
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:63188
Ex primario Pronto soccorso Modena: 'Alle persone sane sconsiglio il ..
Politica
19 Giugno 2021 - 16:44- Visite:56936

Il Punto - Articoli Recenti
'Via D'Amelio, dopo 29 anni non può ..
Cinzia Franchini: 'La zona grigia, la sfiducia nello Stato, gli ormai inutili riti ..
19 Luglio 2021 - 11:11- Visite:218
Dalla pandemia al pensiero unico: il ..
Un 'pensiero unico' amorfo, clientelare, ecumenico, che cerca di difendere il potere ..
18 Luglio 2021 - 15:33- Visite:760
Modena, coscienza critica imbalsamata..
Tutto è piallato dal mainstream pensiero in un mescolone tra l'elogio dello sviluppo e ..
14 Luglio 2021 - 18:34- Visite:2226
La strana idea di democrazia del ..
Per Bellelli questa regola sarebbe 'semplice, democratica, giusta'. Calpestati in un secondo..
13 Luglio 2021 - 19:43- Visite:5444
Il Punto - Articoli più letti
Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla ..
La Coop utilizza l’intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36- Visite:64792
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi ..
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:63188
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0:..
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38- Visite:34508
Decreto antivirus demolito in 12 ore:..
Nessun limite agli spostamenti, treni regolari in ingresso e uscita, deroga dopo le 18 per i..
08 Marzo 2020 - 22:41- Visite:29713