Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Mivebo
articoliPolitica

Green Pass, portuali Trieste: prima la resa poi la smentita. 'Scusate noi continuiamo'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Dopo un paio d'ore la nuova svolta con la smentita e le scuse del leader Stefano Puzzer che è tornato sulla propria decisione affermando che


Guarda i nostri video in anteprima, Iscriviti al nostro canale YouTube !

'Da domani torniamo al lavoro'. L'annuncio è arrivato in serata con un comunicato e una comunicazione pubblica. I Portuali di Trieste dopo aver promesso una protesta a oltranza fino alla eliminazione del Green Pass per tutti i lavoratori, sembravano essersi arresi. Una resa camuffata, parodossalmente, come una sorta di successo.'Questa prima battaglia l'abbiamo vinta - si leggeva nel comunicato - dimostrando la forza e la determinazione dei lavoratori portuali e di tutti coloro che li hanno affiancati nella difesa della democrazia e della libertà'. Una nota nella quale si festeggiava l'ottenimento di un incontro in Senato a fine mese. 'Il primo passo sarà il 30 ottobre quando delegazioni di portuali, delle forze dell'ordine, di sanitari, giornalisti saranno accolte al Senato a Roma per far valere le ragioni del Green Pass per lavorare'.

Il Governo Draghi sembrava aver vinto su tutta la linea: al porto di Trieste da si riprendeva come sempre l'attività e la protesta libera e pacifica dei portuali veniva convogliata nei binari classici della trattativa istituzionale. Una vittoria del Governo, una delusione netta per i tanti che avevano guardato a Trieste come 'resistenza civile' al passaporto sanitario per poter lavorare. Misura introdotta sinora solo in Italia.
Poi dopo un paio d'ore la nuova svolta (video sopra) con la smentita e le scuse del leader Stefano Puzzer che è tornato sulla propria decisione affermando che 'il presidio continua e non si molla'.

La rettifica dei portuali
Ma ecco il comunicato integrale di rettifica.
'I lavoratori portuali di Trieste e Monfalcone hanno iniziato la lotta per impedire l'applicazione del criminale e ricattatorio decreto Green pass, che nulla ha a che fare con la sicurezza sanitaria e la lotta contro il Covid, ma che ha lo scopo di dividere i lavoratori, costringendo una loro parte a pagare per poter lavorare. Il tutto dopo che per quasi due anni hanno lavorato in condizioni di sicurezza sanitaria che definire ridicole è molto gentile. La risposta che abbiamo avuto è stata l'offerta di tamponi gratuiti per i portuali di Trieste e Monfalcone - ma non per tutti (molte aziende, tra le quali quelle controllate dall'AdSPMAO non hanno accettato di farsi carico del costo dei tamponi) -. Una ulteriore discriminazione nella discriminazione, che crea lavoratori di serie A, che non devono pagarsi il tampone, e lavoratori di serie B, che invece devono pagarselo.
Ci siamo poi uniti agli altri lavoratori e cittadini che partecipavano alle manifestazioni del Coordinamento No Green Pass di Trieste. Ma neanche le manifestazioni sempre più imponenti tenutesi a Trieste e altrove hanno smosso chi doveva, responsabilmente, accogliere le giuste richieste dei manifestanti. Perciò abbiamo deciso, in accordo con i lavoratori triestini di altre categorie, di aderire allo sciopero indetto a partire dal 15 ottobre da varie sigle sindacali.
Questa nostra iniziativa ha suscitato una ondata di solidarietà da tutta Italia che ci ha sorpreso ma anche fatto capire che non eravamo soli. Siamo riusciti a fermare l'attività nei porti di Trieste e Monfalcone circondati dal sostegno di migliaia e migliaia di persone giunte da ogni parte d'Italia. Oggi abbiamo scoperto e denunciato che le aziende sono state costrette, per far fronte allo sciopero, a far lavorare lavoratori senza Green Pass, violando il decreto governativo.
Neanche questo pare avere smosso le istituzioni, che hanno cercato di impedire l'espressione democratica della volontà di una grossa parte della popolazione con minacce e falsità. E' quindi necessario fare un passo in avanti assieme alle migliaia di persone e gruppi con cui siamo entrati in contatto in questi giorni. Questa prima battaglia l'abbiamo vinta ma si continua, dimostrando la forza e la determinazione dei lavoratori portuali e di tutti coloro che li hanno affiancati e sostenuti nella difesa della democrazia e della libertà individuale. Chi intende andare al lavoro è libero di farlo come lo è sempre stato.
Il primo passo sarà il 30 ottobre, quando delegazioni di lavoratori portuali di Trieste e Monfalcone e degli altri scali italiani, delle forze dell'ordine, di sanitari, di giornalisti e di altre categorie di tutta Italia saranno accolte al Senato a Roma per far valere le ragioni di chi chiede l'abolizione del Green Pass per lavorare. Il presidio continua fino al 20 ottobre e non si molla'.



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 


Politica - Articoli Recenti
Di Maio in seggio emiliano blindato ..
Il video di allora: 'Io col partito che in Emilia Romagna toglieva i bambini alle famiglie ..
30 Luglio 2022 - 20:24
Pd regala collegio sicuro in Emilia a..
'Credo che Luigi Di Maio sia stata la persona che più ha compreso potenzialità e gli ..
30 Luglio 2022 - 19:51
Voto, Pd Modena fa la rosa dei ..
Fanno parte della lista l’ex direttrice sanitaria Ausl, appena andata in pensione, Silvana..
30 Luglio 2022 - 16:23
Dai 5 Stelle ad Articolo 1: la nuova ..
Porte aperte in Articolo 1 per Max Bugani e Marco Piazza, i due storici esponenti del ..
30 Luglio 2022 - 14:40
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58