Incidenti stradali: un morto ogni 3 ore
Villa  La Personala
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
VLP Events
articoliSocieta'

Incidenti stradali: un morto ogni 3 ore

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il rapporto ACI-ISTAT sull'incidentalità 2022, segna 3.159 morti (+9,9% rispetto al 2021), 223.475 feriti (+9,2%), Aci Modena: 'L'incidente non è una fatalità, il problema p culturale, puntare sulla prevenzione a partire dalle scuole primarie'


Incidenti stradali: un morto ogni 3 ore
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Dati impressionanti sia in termini assoluti sia per la crescita costante da un anno all'altro quelli che emergono dal Rapporto ACI-ISTAT sull'incidentalità stradale 2022: 3.159 morti (+9,9% rispetto al 2021), 223.475 feriti (+9,2%), in 165.889 incidenti stradali (+9,2%). Tutti valori in crescita rispetto all’anno precedente, anche se ancora in diminuzione, nel confronto con il 2019 (benchmark per il decennio 2021-2030) per incidenti e feriti (rispettivamente -3,7%, -7,4%) e pressoché stabili per le vittime (-0,4%).

Nel dettaglio temporale, in media, ogni giorno si sono verificati 454 incidenti (18,9 ogni ora) con 8,7 morti (1 ogni 3 ore) e 612 feriti (25,5 ogni ora). Il costo sociale degli incidenti stradali 2022 ammonta a quasi 18 miliardi di euro (0,9 % del Pil nazionale): + 9,8% rispetto ai 16,4mld. del 2021.

Guardando la distribuzione per età, le vittime risultano concentrate soprattutto nelle classi 45-59 anni e 20-29 anni per gli uomini, tra i 75 e gli 84 anni e 20-24 anni per le donne. L’aumento più consistente si registra, però, nella fascia 60-64 anni (+35,5%). In forte aumento anche le vittime tra giovanissimi (15-19 anni: +21,2%) e giovani (25-29enni: +10,4%). Nota particolarmente negativa la quota di bambini (0-14 anni) deceduti in incidente stradale: 39 nel 2022, dei quali 27 tra 5 e 14 anni, in aumento (+17,4%) rispetto ai 23 del 2021. Il valore, che non accenna a diminuire, risulta più alto persino di quello registrato nel 2019; i bambini 0-14 deceduti erano infatti: 28 nel 2021, 37 nel 2020 e 35 nel 2019.

Il commento di Vincenzo Credi, presidente di Aci Modena: 'Esaurita la fase acuta della pandemia, il 2022 si caratterizza per una netta ripresa della mobilità; le necessità di spostamento per il lavoro e lo studio con lo smart working e la didattica a distanza sono ormai diminuite fortemente, di contro è aumentato il trasporto privato e l’uso di biciclette e altre modalità quali i monopattini elettrici.

L’Automobile Club Modena sottolinea la necessità di un maggior coinvolgimento di tutti gli utenti e dei soggetti in grado di incidere sul fenomeno dell’incidentalità e un impegno forte a perseguire il miglioramento della sostenibilità della mobilità continuando nel lavoro di sensibilizzazione, di cambiamento dei comportamenti attraverso un'azione educativa e informativa e di miglioramento delle infrastrutture stradali. È diventato essenziale, ormai, porre l’accento sulla prevenzione.

L’incidente, che non è una fatalità, è provocato soprattutto dal comportamento dell’utente della strada, come dimostrano anche gli ultimi dati, ed è legato ad abitudini indubbiamente errate, distrazione, “mode stravaganti”, eccessi ed abusi di alcool e droghe. Quindi, occorrono più informazione e campagne di sensibilizzazione che diano coscienza e consapevolezza a tutti, ai giovani, agli adulti e alle famiglie, del fatto che la vita è un bene prezioso che va reciprocamente rispettato. Ciascuno è chiamato a fare la propria parte per fermare la “strage stradale” e per sostenere la necessità di una guida responsabile. Tutti siamo obbligati a dare il nostro contributo per far crescere la cultura della sicurezza stradale. L’incidentalità stradale è infatti, a nostro avviso, soprattutto un problema culturale; un problema culturale presuppone un’azione che riesca a modificare nel tempo il comportamento delle persone, che insegni loro a ragionare per raggiungere autonomamente la condivisione di regole del vivere civile, siano esse quelle della strada o di altro. È necessario che, oltre sul singolo rischio dell’incidente, si continui ad insistere sull’individuo, affinché vi sia una elevazione generale della sua percezione dei rischi nel loro complesso. Siamo convinti che non siano più sufficienti iniziative sporadiche ed estemporanee, ma occorre invece un’azione educativa costante che deve iniziare fin dalla più tenera età iniziando dalla scuola.

Le iniziative che Automobile Club Modena ha intrapreso sono proprio legate alla diffusione di una cultura della sicurezza stradale; è incessante, infatti, il lavoro che AC Modena sta portando avanti all’interno delle Scuole della provincia di Modena istituendo corsi formativi e informativi di educazione alla sicurezza stradale, nella certezza che, per migliorare le condizioni di sicurezza ed ottenere una riduzione dei livelli di incidentalità, occorre aumentare la conoscenza delle norme e la responsabilizzazione dei cittadini, partendo dai più giovani; l’aumento del numero delle vittime tra i 15 e 19 anni (+ 21,2 %) e tra i 25 e i 29 anni ( + 10,4%) ci sconfortano e ci portano a portare avanti il lavoro che abbiamo intrapreso. Il costo sociale relativo agli incidenti stradali mette, poi, in evidenza il livello di gravità del fenomeno dell’incidentalità nella nostra regione, e quindi, la necessità di proseguire con costanza e continuità nelle iniziative di miglioramento sia infrastrutturali che di educazione e di controllo. Lavorando tutti insieme possiamo invertire questi drammatici dati che oggi purtroppo leggiamo”.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon

Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
Le alghe invadono il Naviglio, animali in difficoltà e rischio in caso di piena
Il livello di copertura sopra e sotto la superficie è altissimo. La rimozione, un tempo ..
08 Luglio 2024 - 02:11
Il cardinale Ruini colto da malore: è ricoverato in terapia intensiva
'Il paziente è vigile e collaborante e le sue condizioni cliniche sono al momento stabili. ..
07 Luglio 2024 - 19:36
Comuni ricicloni: primato Aimag in Emilia-Romagna e nel territorio modenese
La società di Mirandola gestisce la raccolta a Carpi e nella maggior parte dei comuni ..
07 Luglio 2024 - 00:23
Simona Ventura e Giovanni Terzi si sono sposati oggi a Rimini
Nozze blindate con 200 ospiti, il rito celebrato da Bonaccini
06 Luglio 2024 - 21:11
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24