Modena a rischio alluvione, ma opere di messa in sicurezza al palo: da due anni denuncia in Procura
Villa  La Personala
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
VLP Events
articoliSocieta'

Modena a rischio alluvione, ma opere di messa in sicurezza al palo: da due anni denuncia in Procura

La Pressa
Logo LaPressa.it

Lo ricordano quattro comitati modenesi: 'Le relazioni tecniche documentano da anni la pericolosità del nodo idraulico e la necessità di adeguare il sistema a piene centenarie, ma la Regione ha confermato di non avere nemmeno i progetti. Auspichiamo che la magistratura indaghi'


Modena a rischio alluvione, ma opere di messa in sicurezza al palo: da due anni denuncia in Procura
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

A due anni dalla denuncia querela contro ignoti depositata in Procura da un gruppo di cittadini di Modena, Campogalliano, Bastiglia e Soliera dopo l’alluvione 2020, sulle responsabilità delle alluvioni che hanno colpito Modena dal 2014 ad oggi, nessuna risposta e soprattutto nessun significativo avanzamento nelle opere che dovrebbero innalzare il livello della sicurezza a piene centenarie il nodo idraulico modenese con particolare riferimento al fiume Secchia che anche a livello di casse di espansione mantiene un livello di protezione soltanto rispetto a piene con tempo di ritorno 20 anni, ovvero piccole o piccolissime.  

E di fronte all'immobilismo storico e attuale, rimasto tale nonostante le due alluvioni generate da due rotte di Secchia e Panaro, nel giro di 6 anni, la preoccupazione aumenta, insieme alla richiesta di risposte.

'Dopo l'alluvione del Secchia nel 2014 provocata da una rotta arginale con una piena piccola sono state pubblicate varie relazioni tecniche da parte degli enti preposti alla sicurezza idraulica che descrivono lo stato dei fiumi modenesi Secchia e Panaro e gli interventi necessari per la loro messa in sicurezza. 
Il risultato di questi studi - scrivono i comitati Salute ambientale di Campogalliano, Arginiamo, Secchia e
Respiriamo aria pulita di Modena - si può riassumere in due principali punti:

- la cassa di espansione del Secchia è adeguata solo alle piene piccole e con gravi errori di progetto
- la cassa di espansione del Panaro è adeguata alle piene medie ma con dubbi per la tenuta del sistema arginale a valle.

Ci siamo quindi attivati per capire quali fossero le intenzioni della Regione per la messa in sicurezza del nodo idraulico modenese.

Come pool di comitati della pianura modenese abbiamo ottenuto un incontro in Regione dal governatore Bonacini e dall'assessore Priolo nell'ottobre 2020 in cui ci è stato spiegata la mancanza dei progetti per la messa in sicurezza sia di Secchia che del Panaro e quindi l'impossibilità di ottenere i fondi Pnrr.

La linea di condotta espressa dell'assessore Priolo è stata il Panaro è in sicurezza per una piena media e va bene così, per il Secchia abbiamo un progetto migliorativo per adeguarlo ad una piena media ma non ci sono i tempi per richiedere i fondi europei e la Regione non può metterli di tasca propria.

Era quindi evidente l'intenzione di lasciare tutto come era con i fiumi lontanissimi da un livello di sicurezza minimo, ovvero la piena centenaria. 

Usciti sbalorditi dall'incontro perché consapevoli della mancanza di volontà della Regione dopo due mesi nel dicembre 2020 abbiamo assistito all'alluvione del Panaro a Nonantola causata sempre da una rotta arginale con una piena medio piccola'

'Di fronte a questa situazione intollerabile di pericolo costante per la popolazione modenese e l'atteggiamento della regione che non ha ascoltato i tecnici abbiamo reagito' - ricordano i comitati. Da qui è nata la denuncia querela contro ignoti alla Procura della Repubblica per individuare le responsabilità di questa inerzia pluriennale da cui non si riesce ad uscire'. Considerazioni che riportano direttamente a quanto è successo in Romagna dove tutti i principali fiumi sono esondati esondati con piene medio piccole, come documentato nell'analisi dell'evento fatta dall'università di Modena e Reggio. Per questo siamo ancora più convinti della necessità di un'indagine della magistratura per individuare le responsabilità di questa colpevole inerzia.
Oggi il Panaro è nelle stesse condizioni dell'alluvione del 2020 in teoria sicuro per le piene medie. 
Il Secchia in sicurezza per le piene piccole. Per entrambi - concludono i Comitati - i progetti per la messa in sicurezza minima e cioè la piena centenaria, non ci sono'

Nella foto il tratto della provinciale alle porte di Nonantola invaso dall'acqua del fiume Panaro a seguita delle rotta del 6 dicembre 2020

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon

Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
Le alghe invadono il Naviglio, animali in difficoltà e rischio in caso di piena
Il livello di copertura sopra e sotto la superficie è altissimo. La rimozione, un tempo ..
08 Luglio 2024 - 02:11
Il cardinale Ruini colto da malore: è ricoverato in terapia intensiva
'Il paziente è vigile e collaborante e le sue condizioni cliniche sono al momento stabili. ..
07 Luglio 2024 - 19:36
Comuni ricicloni: primato Aimag in Emilia-Romagna e nel territorio modenese
La società di Mirandola gestisce la raccolta a Carpi e nella maggior parte dei comuni ..
07 Luglio 2024 - 00:23
Simona Ventura e Giovanni Terzi si sono sposati oggi a Rimini
Nozze blindate con 200 ospiti, il rito celebrato da Bonaccini
06 Luglio 2024 - 21:11
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24