Nei Pronto Soccorso è emergenza personale, Cgil: 'Situazione grave e l'Ausl non ci convoca'
App
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Udicon
articoliSocieta'

Nei Pronto Soccorso è emergenza personale, Cgil: 'Situazione grave e l'Ausl non ci convoca'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Mancano almeno 10 infermieri al PS di Carpi, almeno 8 a Mirandola, a Modena mancano anche gli autisti di ambulanze. E il sindacato sottolinea: 'Basta una assenza per mandare in tilt il sistema. Da 8 mesi i lavoratori attendono di essere convocati dall'Ausl'


Nei Pronto Soccorso è emergenza personale, Cgil: 'Situazione grave e l'Ausl non ci convoca'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Giornate dure per tutti i lavoratori dei Pronto Soccorso della Provincia di Modena che già negli ultimi giorni del 2023, a cavallo delle feste natalizie, sono stati impegnati con un accesso enorme di utenti e con carichi di lavoro elevatissimi. E purtroppo nel 2024 il calvario, con questi numeri, continuerà.
Gli organici sono talmente all’osso che basta un’assenza improvvisa, una malattia o un congedo parentale per mandare in default tutto il sistema.

'La verità è solo una - dichiara Giulia Casamassima responsabile Sanità della Fp Cgil di Modena - mancano i lavoratori in tantissimi servizi e i pronto soccorso e l’emergenza urgenza non sono affatto esonerati dal problema. Non ci sono lavoratori da mandare in sostituzione e il lavoro va portato avanti con chi c’è - spiega la sindacalista - e la situazione è davvero grave.

Mancano almeno 10 infermieri al Pronto Soccorso di Carpi, almeno 8 al Pronto Soccorso di Mirandola, tanta carenza di lavoratori nell’ultimo mese anche  al Pronto Soccorso di Pavullo, meno 6 infermieri al Pronto Soccorso di Vignola dove mancano anche diversi operatori socio sanitari. Il personale sanitario e tecnico del pronto soccorso del Policlinico e di  Baggiovara e dell’Ospedale di Sassuolo ha lavorato senza sosta per gestire la grande affluenza, ma anche qui - specifica Casamassima - siamo al limite sugli organici. Gli autisti di ambulanza sono in carenza di almeno 8 figure, se si considera che è stata soppressa una ambulanza h12 per i trasporti interospedalieri, altrimenti sarebbero molti di più. E’ saltata un’ambulanza a Carpi il 25 dicembre e accadrà ancora il 31 dicembre. Causa mancanza di personale'.

E così le attese si allungano e la tensione sale nelle sale d’attesa.

Ancora una volta registriamo aggressioni verbali contro il personale sanitario.
'Nelle giornate successive al Natale c’è stata un’aggressione verbale fortissima nei confronti del personale del Pronto Soccorso di Carpi da parte di un’utente in codice verde e al Pronto soccorso dell’ospedale Civile di Baggiovara il parente di una paziente è arrivato a sfondare il vetro del triage perché voleva entrare assolutamente a vederla, anche qui si trattava di un codice verde' - afferma la sindacalista.

Gli operatori, insomma, non sanno davvero più come gestire tutte queste tensioni. 'Otto mesi fa - incalza Giulia Casamassima - con le altre sigle sindacali Cisl e Uil del territorio, abbiamo chiesto un incontro all’Azienda Ausl di Modena per discutere di queste tematiche e ad oggi dopo mesi, nonostante vari solleciti, non siamo ancora stati convocati. Le ambulanze e le auto infermieristiche scarseggiano. Da quest’anno non ci sarà più l’auto infermieristica notturna a Mirandola, e gli operatori del Servizio Emergenza Territoriale sostituiscono, quando possono, le esigenze di servizio girando tutta la provincia'.

'Nei prossimi giorni, se non riceveremo la convocazione da parte dell’azienda Ausl, sentiremo i lavoratori in assemblea e passeremo ad una fase diversa della vertenza perché pensiamo sia anche poco dignitoso per i lavoratori attendere otto mesi per avere un incontro e discutere delle problematiche con il proprio datore di lavoro. Abbiamo bisogno di dare risposte a tutti gli operatori anche in termini di sicurezza sul loro luogo di lavoro. Non è bello essere insultati ogni giorno mentre si fa il proprio lavoro e l’azienda deve manifestare solidarietà con soluzioni concrete che possiamo sviluppare insieme con il confronto' - continua la sindacalista.

'Con i finanziamenti stanziati per la Sanità dall’ultima manovra finanziaria sappiamo già che non ci saranno soldi per assumere tutti i lavoratori necessari e per questo il personale ha risposto con adesioni altissime allo sciopero del 17 novembre scorso. Quella è una vertenza che continueremo a tenere viva perché c’è un problema enorme nel Paese e nella Sanità e i cittadini devono essere informati su come si sta smantellando il sistema sanitario nazionale'.

Nella foto, l'accesso al Pronto Soccorso dell'ospedale di Mirandola

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon

Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
Al via gli esami di Terza Media anche nel modenese
Si comincia oggi con la prova di italiano. Tre le tipologie di tracce, precedentemente ..
10 Giugno 2024 - 08:38
Modena, gita in barca a vela per sei ragazzi guariti dal cancro al Policlinico
Nell’ambito del progetto di Sea Therapy è stato possibile far partecipare un gruppo di ex..
09 Giugno 2024 - 12:58
Modena, sindacato in lutto: è morto Adelmo Bastoni
Storico dirigente sindacale, 94 anni, originario di Castelfranco Emilia, dove ha continuato ..
09 Giugno 2024 - 12:46
Tanta acqua e ancora tanta neve: risorsa idrica garantita in tutto il bacino del Po
Grandi Laghi e corsi d'acqua sopra il 100% di disponibilità: Il Po ha registrato a marzo la..
09 Giugno 2024 - 00:28
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24