Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliSocieta'

'Omicidio Perini, fondamentale supportare le donne nella denuncia'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Aldrovandi: 'Il fatto che alcune donne che trovano il coraggio di denunciare, talvolta vengono uccise dal loro carnefice, non deve rappresentare un deterrente'


'Omicidio Perini, fondamentale supportare le donne nella denuncia'

Mentre proseguono le indagini relative all’omicidio di Alessandra Perini, in questi giorni abbiamo raggiunto l’avvocato Elisabetta Aldrovandi, presidente dell’Associazione Nazionale Sostegno Vittime, cui abbiamo chiesto alcuni chiarimenti non tanto in merito alla vicenda che ha sconvolto la comunità Pavullese, quanto su aspetti relativi alle violenze domestiche e alle segnalazioni da parte di terzi.

In un primo momento infatti, gli investigatori avevano denunciato il silenzio che aveva circondato Alessandra Perini ma successivamente è emerso che vicini, amici e conoscenti avevano segnalato le violenze del marito alle forze dell’ordine. Cerchiamo dunque di capire cosa non ha funzionato in questa vicenda.

Avvocato, dall’omicidio Perini è emerso che attorno alla vittima alcune persone avevano sporto denuncia ma poi la donna non ha confermato le accuse. Perché accade questo?

'Purtroppo la violenza domestica non si denuncia per diversi fattori, principalmente psicologici.

Da un lato c’è una dipendenza psicologica tra vittima e carnefice, da un altro spesso ci sono dipendenze economiche che rendono difficile l’emancipazione e la piena consapevolezza della propria situazione. Prima di denunciare la vittima deve rendersi conto di essere tale'.

Ma una donna materialmente cosa può fare quando subisce violenza?

'A oggi, dopo l’entrata in vigore della legge 69 del 25 luglio 2019 è stato introdotto il cosiddetto Codice Rosso, che ha innovato e modificato la disciplina penale e processuale della violenza domestica e di genere. Quando le donne denunciano reati come maltrattanti in famiglia e stalking o violenza sessuale, possono essere riascoltate dal giudice entro 72 ore dalla ricezione della denuncia da parte del Pubblico Ministero. Il magistrato poi può assumere provvedimenti limitativi della libertà, dal divieto di avvicinamento fino alla detenzione cautelare, verso il denunciato, in casi di conclamata gravità'. 

E nel caso invece di una denuncia sporta da terzi?

'Se manca il contributo della persona offesa non si può fare nulla, indipendentemente dal tipo di segnalazioni e dal numero'.

Nemmeno i servizi sociali possono intervenire?

'I servizi sociali possono intervenire su segnalazioni di insegnanti in base ai comportamenti dei figli a scuola. In maniera già diretta possono intervenire se ci sono casi di violenza assistita (dove i figli hanno visto le violenze) o di abusi sui minori. Nel merito della vicenda, diciamo che se questa donna si fosse rivolta a un avvocato o da un centro anti violenza forse avrebbe trovato la forza di denunciare; non bisogna scordare che spesso abbiamo a che fare con persone sole senza nessun supporto esterno. Vero è che le istituzioni a volte non assumono iniziative tempestive, ma il contributo della vittima alla propria salvaguardia attraverso la denuncia è fondamentale. E il fatto che alcune donne che trovano il coraggio di denunciare, talvolta  vengono comunque uccise dal loro carnefice, non deve rappresentare un deterrente, poiché se non si denuncia le probabilità di restare vittima di un simile delitto è sicuramente più elevata'.

Stefano Bonacorsi




Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Stefano Bonacorsi
Stefano Bonacorsi

Modenese nel senso di montanaro, laureato in giurisprudenza, imprenditore artigiano, corrispondente, blogger e, più raramente, performer. Di fede cristiana, mi piace dire che sono ..   Continua >>


 


Societa' - Articoli Recenti
Covid, 10 morti in Emilia Romagna. ..
I pazienti attualmente ricoverati nelle terapie intensive dell’Emilia-Romagna sono 49 (+6 ..
31 Luglio 2022 - 15:09
Palazzina ex fonderie: slitta di un ..
Dal Comune ok alla richiesta di deroga presentata dalla ditta appaltatrice. Da mesi il ..
31 Luglio 2022 - 10:04
Imparare l’inglese online: consigli..
La soluzione da remoto è molto flessibile per quanto riguarda l’aspetto organizzativo
31 Luglio 2022 - 08:47
Biden di nuovo positivo al Covid: ..
La notizia della ricaduta è stata data dalla Casa Bianca che ha divulgato una nota del ..
31 Luglio 2022 - 00:02
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto ..
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
'Altro che Tachipirina, ecco come ..
L'ex primario del Pronto soccorso di Modena: 'Antinfiammatori ai primi sintomi e poi, se il ..
31 Gennaio 2021 - 14:37
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 ..
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green ..
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39