Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliSocieta'

Salute mentale: il 2% dei modenesi in cura ai servizi, soprattutto per psicosi

La Pressa
Logo LaPressa.it

Nel 2019 molti anche i casi di nevrosi. Nel 2020, l'emergenza Covid ha aumentato ansia e piccoli disturbi tra cui dipendenza dal web. Ma nel lockdown dimezzati i TSO. Oggi al via Màt, la settimana della salute mentale


Salute mentale: il 2% dei modenesi in cura ai servizi, soprattutto per psicosi

Nel 2019 circa il 2% della popolazione residente in provincia di Modena a Modena (12.052 soggetti), è stato trattato presso i Centri di Salute Mentale Circa lo 0,4% della popolazione (2.353 soggetti) era al primo contatto nella vita con i servizi. Hanno ricevuto consulenza psichiatrica 1.922 soggetti presso l’Ospedale di Baggiovara, 1.162 soggetti presso l’Ospedale di Carpi e 964 presso il Policlinico di Modena. Circa 400 i soggetti provenienti da altre province.

 

La diagnosi più frequentemente formulata per le persone trattate presso i CSM è stata la psicosi (40,3%), per i soggetti al primo contatto quella di nevrosi (50,2%). Anche per l’utenza in carico (9.371 soggetti), ovvero cittadini per i quali sono presenti trattamenti successivi all’accoglienza/primo contatto, la diagnosi più frequente è stata la psicosi (47,5%). La prestazione erogata più frequentemente ai pazienti in carico è il colloquio/visita individuale (55,0%).

La somministrazione farmaci rappresenta il 15,8% delle prestazioni erogate, mentre gli interventi psicoeducativi ne rappresentano il 2,7%.

 

Sono alcuni dati che accompagnano l'apertura della nuova edizione di Màt, la settimana di eventi e conferenze pubbliche distribuite in tutta la provincia, dedicata alla salute mentale

 

Apertura ufficiale e primo appuntamento oggi alle ore 15.30 in Piazza Roma alla presenza del Direttore Generale dell’Azienda USL di Modena Antonio Brambilla e Fabrizio Starace, Direttore del Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche di Modena. Ospite speciale sarà Dainius Puras, Special Rapporteur delle Nazioni Unite con una lettura magistrale su Diritti Umani e Salute Mentale. In caso di maltempo l’evento si svolgerà al Cinema Multisala Astra, Via Francesco Rismondo 21, Modena. Il programma completo delle oltre 80 iniziative è consultabile su www.matmodena.it

Tornando alle patologie trattate presso i centri di salute mentale, ma riferendoci al periodo del lockdown e dell'emergenza Covid, al netto degli accessi ordinari cessati se non limitati, Nel periodo del lockdown, in provincia di Modena, si è registrata una riduzione del 50 per cento di TSO, ovvero i trattamenti sanitari obbligatori disposti in caso di motivata necessità o emergenza per problemi inerenti alla salute mentale. Dagli esperti questo è spiegato dal fatto che nell'isolamento del lockdown tutti hanno vissuto quello stato di sofferenza data da una dimensione di isolamento che i soggetti con patologie gravi vivono di fatto in maniera continuativa. Su questo piano c'è stata una sorta di condivisione di uno stesso stato mentale che ha di fatto avvicinato, con effetti anche positive le persone con patologie e quelle prive di patologie.

Dopo il lockdown, con la ripresa delle attività dei centri di salute mentale si è registrata una graduale ripresa del contatto nostri servizi pubblici ma soprattutto in conseguenza a stati di ansia, depressione, insonnia, ma si tratta di disturbi che maggior parte dei casi non hanno avuto bisogno di interventi specifici e sono stati gestiti soprattutto a livello di medicina di base.

Tra queste forme di disagio ci sono anche quelle derivanti dall’utilizzo delle piattaforme informatiche e web diventate unico strumento per potere proseguire le proprie attività in termini di comunicazione, rapporti di lavoro e sociali, che hanno comportato l’aumento di quei disturbi legati all'abuso di questi mezzi e alla necessità di non staccarsi da loro, generando in diversi casi ad una vera e propria dipendenza




Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 


Societa' - Articoli Recenti
Covid, 10 morti in Emilia Romagna. ..
I pazienti attualmente ricoverati nelle terapie intensive dell’Emilia-Romagna sono 49 (+6 ..
31 Luglio 2022 - 15:09
Palazzina ex fonderie: slitta di un ..
Dal Comune ok alla richiesta di deroga presentata dalla ditta appaltatrice. Da mesi il ..
31 Luglio 2022 - 10:04
Imparare l’inglese online: consigli..
La soluzione da remoto è molto flessibile per quanto riguarda l’aspetto organizzativo
31 Luglio 2022 - 08:47
Biden di nuovo positivo al Covid: ..
La notizia della ricaduta è stata data dalla Casa Bianca che ha divulgato una nota del ..
31 Luglio 2022 - 00:02
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto ..
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
'Altro che Tachipirina, ecco come ..
L'ex primario del Pronto soccorso di Modena: 'Antinfiammatori ai primi sintomi e poi, se il ..
31 Gennaio 2021 - 14:37
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 ..
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green ..
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39