Ram service
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
SANFELICE 1893 Banca Popolare
articoliEconomia

Sconforto ristoratori: 'Dpcm Covid, ma quali ristori... Attendiamo ancora aiuti di aprile'

La Pressa
Logo LaPressa.it

A fare il punto della situazione è Biagio Passaro del Gruppo Regina Margherita (gruppo che conta 7 ristoranti tra Modena e Bologna) e membro dell’Associazione ristoratori modenesi


Sconforto ristoratori: 'Dpcm Covid, ma quali ristori... Attendiamo ancora aiuti di aprile'
La narrazione ripetuta ossessivamente dal Governo Conte è quella di una compensazione immediata delle perdite che i ristoratori sono costretti a subire a causa delle pesanti restrizioni anti-Covid, ma la realtà è ben diversa e descrive un settore in ginocchio, per il quale i famosi ‘ristori’ promessi appaiono come chimere anche alla luce dell’attesa, da parte di molti, degli aiuti del Decreto di Aprile ancora non arrivati.
A fare il punto della situazione è Biagio Passaro del Gruppo Regina Margherita (gruppo che conta 7 ristoranti tra Modena e Bologna) e membro dell’Associazione ristoratori modenesi.
Partiamo del Decreto Ristori e del Decreto Ristori bis. Solo col primo sono stati annunciati stanziamenti per 2,4 miliardi di euro a fondo perduto. Sono strumenti adatti a compensare le perdite imposte dalle chiusure serali?
“Forse lo sarebbero se non fosse che i fondi del Decreto di Aprile sono finiti ad agosto e coloro che hanno fatto domanda dopo il 15 luglio ancora non hanno ricevuto gli aiuti dovuti. Non solo: gli stanziamenti a fondo perduto promessi nel Decreto d’Agosto per i centri storici e per la filiera agroalimentare, nel secondo caso parliamo di stanziamenti da 10mila euro per chi ha avuto perdite superiori ai tre quarti del fatturato, sono andati nel dimenticato. Non solo non sono stati liquidati, ma la piattaforma per presentare le domande non è ancora stata attivata. Ora mi chiedo come è possibile credere a una immediata erogazione dei Ristori quando c’è chi attende ancora le risorse finalizzate a compensare il primo lockdown”.
Poi c’è il tema delle fasce di rischio. E’ un vantaggio o una penalizzazione essere inseriti in fascia gialla, quella con meno restrizioni?
“E’ proprio sbagliato il meccanismo delle fasce a mio avviso perché crea una assurda competizione e rivalità a livello nazionale. I ristoratori che, come noi, sono in fascia gialla invidiano coloro che sono in fascia rossa e arancione perché potranno contare su contributi decisamente superiori. Chi è in fascia rossa e arancione, viceversa, invida chi è in fascia gialla per la maggiore libertà consentita, anche se a questa libertà non è collegato un vero ritorno economico”.
Il punto è proprio la sopravvivenza economica. Qual è la situazione che si attende per i prossimi mesi?
“I ristoratori a causa delle chiusure serali devono fare fronte in media a una riduzione di due terzi del proprio fatturato, va considerato infatti che solitamente sul monte complessivo incassi il pranzo incide per il 30% e la cena per il 70%. Con questo drastico calo di liquidità diventa difficile far fronte alle spese e, soprattutto, pagare i dipendenti. La soluzione della proroga del blocco dei licenziamenti fino al 31 marzo ha una ratio se le aziende vengono aiutate in modo rapido. Invece oggi si è solamente imposto agli imprenditori di non licenziare, ma nulla si è detto sui tempi coi quali verrà erogata la cassa integrazione straordinaria. Faccio presente che molti lavoratori devono ancora vedere la cassa integrazione di giugno, logico pensare che gli ammortizzatori di novembre arriveranno non prima dell’anno nuovo. Sarà difficile per tutti far fronte alle spese correnti e nemmeno la moratoria sui mutui rischia di essere sufficiente. Aggiungiamo che molti ristoratori hanno chiesto ai proprietari delle mura dei loro locali di rivedere le locazioni o di accettare di essere sostituiti di imposta per evitare esborsi immediati in attesa degli sgravi, ma quasi sempre le richieste sono cadute nel vuoto”.
Il quadro è drammatico. Ma a fronte della emergenza sanitaria qual era a suo avviso l’alternativa che il Governo avrebbe potuto adottare?
“Le strade erano due. O si seguiva il modello Usa lasciando aperti i ristoranti imponendo loro massimo rigore e osservanza delle regole, oppure si chiudeva un mese intero completamente garantendo la copertura per tutti delle spese fisse (affitto, dipendenti, utenze) in base ai bilanci. Non parliamo degli utili ovviamente, ma solo delle spese. Invece si è scelto il modello confuso delle divisione del Paese in tre fasce che non fa che creare scontri e rivalità interne. Temo però che questo sistema barocco sia voluto per evitare di liquidare in modo immediato il dovuto alle categorie penalizzate. Ricordo che in Germania i ristoranti fino a 50 dipendenti hanno avuto un rimborso istantaneo del 75% del fatturato e quelli con fatturato fino a un milione e più di 50 dipendenti, un rimborso del 58%”.

Giuseppe Leonelli

Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Società Dolce: fare insieme
Articoli Correlati
'Altro che Tachipirina, ecco come bisogna curare a casa il Covid'
Parola d'Autore
31 Gennaio 2021 - 14:37- Visite:210896
Morti nelle Rsa per Covid, in Emilia Romagna dati peggiori d'Italia
Societa'
19 Aprile 2020 - 18:05- Visite:134897
Primario di Baggiovara: 'Esiste un dramma dei pazienti No Covid'
Societa'
23 Novembre 2020 - 17:35- Visite:54079
Modena, l'allarme Ausl: 'Circolazione virale alta: proteggetevi'
Societa'
15 Novembre 2020 - 18:12- Visite:51121
Ex primario Ps Modena: 'Covid, ecco terapia domiciliare che consiglio'
Societa'
06 Novembre 2020 - 20:51- Visite:43599
Covid, allarme dal pronto soccorso di Modena. Ma non era prevedibile?
Lettere al Direttore
29 Ottobre 2020 - 06:04- Visite:40105
Economia - Articoli Recenti
Fondazione Modena chiude il bilancio ..
I conti del 2020 certificano un attivo di poco inferiore al miliardo di euro e un patrimonio..
08 Maggio 2021 - 18:20- Visite:51
Coop Alleanza 3.0, l'obiettivo ora è..
Presidente Cifiello: 'Prosegue percorso di rilancio'. Pesa azzeramento della distribuzione ..
08 Maggio 2021 - 15:56- Visite:216
Coop Alleanza 3.0, ancora bilancio in..
Bene la gestione caratteristica, male quella finanziaria e così la perdita passa da 163,9 ..
08 Maggio 2021 - 11:35- Visite:2786
Bper, utili in crescita. Ad Montani: ..
'I risultati assumono ancora più valore se vengono messi in relazione all’ambiente ..
07 Maggio 2021 - 18:11- Visite:746


Economia - Articoli più letti


Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla ..
La Coop utilizza l’intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36- Visite:64134
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi ..
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:62140
Bper, correntisti ex dipendenti ..
'Se Bper non manifestasse un reale interesse a mantenere le migliaia di correntisti tra ..
03 Dicembre 2019 - 17:52- Visite:34828
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0:..
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38- Visite:34024