Scuola scelta e negata, parlano i genitori: il caso di G.
Udicon
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Udicon
articoliSocieta'

Scuola scelta e negata, parlano i genitori: il caso di G.

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il problema dei criteri di accesso applicati dalle singole scuole superiori in caso di esuberi nelle iscrizioni degli studenti all'ultimo anno delle medie raccontato da chi lo ha vissuto


Scuola scelta e negata, parlano i genitori: il caso di G.
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'Tre anni anni fa ho iscritto mia figlia, frequentante la terza media, alle scuole superiori. Prima scelta Selmi biologico, seconda scelta istituto d'Arte Venturi. Il giorno in cui scadeva il termine per le iscrizioni ho ricevuto una chiamata dalla Presidenza del Selmi. Mi veniva comunicato che G., mia figlia, non era stata accettata in nessuna delle due scuole da lei scelte. La motivazione era legata ad un parametro applicato dalla scuola e relativo sostanzialmente ai voti in uscita dalle scuole medie. Nella prima scuola. il Selmi, avevano preso tutti gli studenti usciti con voti 8, 9 e 10, mentre lei aveva un 7. Nella seconda scuola scelta, viste le tante iscrizioni, non avevano nemmeno preso in considerazione chi aveva indicato quella scuola come seconda scelta. In sostanza a mia figlia era di fatto impedito di frequentare entrambe le scuole scelte in quanto più vicine alle proprie aspirazioni'.

E' la prima parte della testimonianza di una madre che si è trovata di fronte, insieme alla figlia, all'uscita della scuola media inferiore, con la scelta della scuola superiore trasformatasi in una grossa delusione quella appunto di vedersi negata la possibilità di frequentare la scuola superiore scelta.

Il problema, che in provincia di Modena ha interessato negli ultimi due anni centinaia di ragazzi, è stato portato di recente all'attenzione delle istituzioni da un gruppo di genitori delle scuole Ferraris di Modena che dopo un primo incontro autoconvocato ha coinvolto altri comitati dei genitori di altre scuole modenesi (leggi l'articolo), con i quali ha sottoscritto una PEC inviata all'Ufficio Scolastico regionale, provinciale, oltre alle istituzioni locali, tra cui la Provincia di Modena, competente per gli spazi e le strutture delle scuole superiori.

L'obiettivo è chiaro messo nero su bianco nella lettera: sensibilizzare nuovamente e preventivamente sul problema al fine di sollecitare le istituzioni ed i singoli dirigenti scolastici a mettere in campo strumenti affinché si garantisca ai ragazzi di frequentare la scuola superiore scelta, rivedendo eventualmente anche i criteri di quella che senza esserlo ufficialmente si trasforma in una vera e propria selezione degli studenti da parte delle singole dirigenze scolastiche, sulla base di parametri discutibili nel merito e liberamente applicati dalle singole dirigenze. Tra questi la media dei voti del secondo quadrimestre delle scuole medie o, in alcuni casi, il sorteggio a parità di voti. Con esiti che possono fortemente segnare il futuro dei ragazzi, lo stato d'animo con cui approcciano la nuova scuola che, ricordiamo è, per il biennio superiore, pur sempre scuola dell'obbligo. 

Sentimenti e delusioni che hanno riguardato anche G. la ragazza che attraverso una lettera firmata dalla mamma, ha voluto raccontare il suo caso che ha trovato una soluzione attraverso una scelta non scontata. 'Di fronte al diniego al Selmi e all'impossibilità di essere accettata al Venturi, in caso non avessimo trovato posto in altra scuola, avremmo inserito G. in una scuola della provincia, o liceo o professionale. Che poteva essere a Pavullo così come a Mirandola. Unico criterio in questo caso era, tristemente, il primo posto disponibile. Dopo una serie di verifiche sulle scuole di Modena, siamo riusciti a trovare all'Istituto Tecnico Corni, dove G. ha frequentato il biennio al termine del quale abbiamo fatto domanda, finalmente accettata, all'Istituto Venturi, la scuola dove veramente può fare e studiare ciò che davvero le piace. Purtroppo per arrivarci, come il nostro caso conferma, non è stato facile e non vorremmo che nessuno vivesse la stessa situazione. Per questo ci pare giusto e doveroso affrontare nel merito un problema che, a quanto pare, ha raggiunto dimensioni molto più importanti rispetto ad altre province della regione portandolo all'attenzione delle istituzioni nell'auspicio di una veloce e risolutiva risposta'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon

Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
Al via gli esami di Terza Media anche nel modenese
Si comincia oggi con la prova di italiano. Tre le tipologie di tracce, precedentemente ..
10 Giugno 2024 - 08:38
Modena, gita in barca a vela per sei ragazzi guariti dal cancro al Policlinico
Nell’ambito del progetto di Sea Therapy è stato possibile far partecipare un gruppo di ex..
09 Giugno 2024 - 12:58
Modena, sindacato in lutto: è morto Adelmo Bastoni
Storico dirigente sindacale, 94 anni, originario di Castelfranco Emilia, dove ha continuato ..
09 Giugno 2024 - 12:46
Tanta acqua e ancora tanta neve: risorsa idrica garantita in tutto il bacino del Po
Grandi Laghi e corsi d'acqua sopra il 100% di disponibilità: Il Po ha registrato a marzo la..
09 Giugno 2024 - 00:28
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24