Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Udicon
articoliSocieta'

Test attitudinali per magistrati, ok dal CDM, Aimi (CSM): 'La dote dell’equilibrio viene prima della stessa preparazione tecnica'

La Pressa
Logo LaPressa.it

La norma entrerà in vigore per i concorsi banditi dal 2026. Sarà il CSM a scegliere i docenti universitari della commissione giudicante. Il membro laico del CSM difende il provvedimento: 'Norma utile e ragionevole'


Test attitudinali per magistrati, ok dal CDM, Aimi (CSM): 'La dote dell’equilibrio viene prima della stessa preparazione tecnica'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

È arrivata la decisione del Consiglio dei Ministri sui test psicoattitudinali per i giudici: la norma è stata approvata dal Consiglio dei Ministri riunito nel pomeriggio di martedì ed entrerà in vigore per i concorsi banditi dal 2026. Sarà il Csm, su indicazione del Consiglio universitario nazionale, a scegliere i docenti universitari in materie psicologiche che costituiranno la commissione giudicante. 

'L’introduzione dei test psicoattitudinali per l’accesso in magistratura non va visto né come uno strumento punitivo per i magistrati, né come una camicia di forza all’ordine giudiziario, ma come il riconoscimento della fondamentale funzione che la Magistratura esercita in un Paese di elevata cultura democratica come il nostro' - afferma Enrico Aimi, membro laico del Consiglio Superiore della Magistratura. 'Valutare positivamente l’ipotesi dell’introduzione di simili test non è un tabù se finalizzato a garantire l’ingresso in magistratura delle più alte professionalità: possedere la dote dell’equilibrio, per questa categoria, paradossalmente viene prima della stessa preparazione tecnica, è – o dovrebbe essere – addirittura un prerequisito'.

'Poiché quell’alta funzione esercitata finisce per ricadere su tutti coloro che vivono tra i confini di questa Repubblica, appare doveroso porre serio rimedio a tale grave lacuna normativa.
Prevedere dunque una norma utile, ragionevole, che già esiste per tutti i settori più delicati della Pubblica Amministrazione (basti pensare alle forze dell’ordine) e in tantissimi Paesi esteri senza che ciò’ abbia destato scandalo, rappresenta una garanzia di ordine generale. Peraltro, come da più parti ribadito, le occasioni di valutazione dei magistrati, anche dal punto di vista dell’equilibrio, è già previsto nel nostro ordinamento. Conseguentemente non si comprende l’aperta e aprioristica presa di posizione di quella parte della magistratura che vede nell’introduzione dei test, nella fase di accesso, come un attacco alla propria autonomia e indipendenza'.

'Al momento, e fino a quando non vi sarà un’esplicitazione nel dettaglio della innovazione legislativa, trovo fuorviante una levata di scudi contro il principio in sé.

Ritengo che il Consiglio Superiore debba prudentemente attendere e rispettare la norma di dettaglio ed offrire il proprio contributo, quando sarà chiamato a farlo,  con l’espressione di un  motivato parere ai sensi dell'art. 10 della legge 24.3.1958 n. 195, nell’interesse dell’amministrazione della Giustizia e dei cittadini. Abbiamo, purtroppo, assistito a vicende che hanno coinvolto magistrati che hanno dato scarsa prova di equilibrio ed il Consiglio, a cui si è posto rimedio, ma intanto il  cittadino che si è imbattuto in situazioni imbarazzanti, a volte seriali, ha perso fiducia anche nei confronti delle migliaia di magistrati capaci, preparati ed equilibrati. Questo è il vero vulnus. Il buon senso non dovrebbe destare né scandalo, né timori'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
Acquisti online: comprano prodotti a ..
La denuncia del presidente regionale del Codacons Fabio Galli
02 Aprile 2024 - 13:53
Ex Mercato Bestiame: dopo 20 anni ..
Il Piano Periferie ha solo accellerato un processo che sconta errori di programmazione e ..
02 Aprile 2024 - 10:03
Modena: spacciatore arrestato al Novi..
E' un 33enne tunisino. Il giudice ha disposto per lui il divieto di dimora. Lo hanno ..
02 Aprile 2024 - 01:10
Una Fondazione per affrontare le ..
Nata dall'unione tra il comitato di famiglie di persone con autismo di Modena, le ..
02 Aprile 2024 - 00:39
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto ..
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 ..
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green ..
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda ..
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24