La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
articoliSocieta'

'Troppi morti e contagi tra i sanitari, commessi errori fatali'

La Pressa
Logo LaPressa.it

La lettera/appello del Presidente FNOMCeO pubblicata sul British Medical Journal: 'Carenza di protezione e di percorsi Covid. Il mondo impari da questi errori'


'Troppi morti e contagi tra i sanitari, commessi errori fatali'
Pubblicata sul British Medical Journal la lettera a firma del presidente nazionale FNOMCeO (Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri) dottor Filippo Anelli a nome di tutti gli Ordini dei Medici italiani.

Una lettera che è anche un appello alle istituzioni affinché si introducano misure urgenti per limitare il contagio degli operatori sanitari. Un numero in continuo aumento: 'Ieri (mercoledi), secondo i dati dell'Istituto Superiore di Sanita', erano saliti a 6205- prosegue la lettera- vale a dire piu' del 9% dei casi totali. Si allunga purtroppo anche l'elenco dei medici che non ce l'hanno fatta: sul portale FNOMCeO i nomi sono 33, ma ieri in tarda serata e' giunta notizia della scomparsa di altri tre colleghi, tutti di Bergamo'.

Sono dati peggiori di quelli registrati in Cina che si e' fermata a 3300 sanitari contagiati e 23 decessi - ha sottolineato il presidente provinciale dell'Associazione, oltre che medico di medicina generale a Varese, dr. Roberto Stella.

'È lecito supporre che questi eventi sarebbero stati in larga parte evitabili se gli operatori sanitari fossero stati correttamente informati e dotati di sufficienti dispositivi di protezione individuale adeguati: mascherine, guanti, camici monouso, visiere di protezione, che invece continuano a scarseggiare o ad essere centellinati in maniera inaccettabile nel bel mezzo di un'epidemia a cui pure l'Italia si era dichiarata pronta solo a fine due mesi fa'.

Un recente articolo sul New England Medical Journal (a firma di Rosenbaum e colleghi) ha dimostrato che, oltre ai rischi personali che gli operatori sanitari si trovano ad affrontare, gli ospedali e il personale medico possono diventare un possibile veicolo di diffusione per l'infezione. L'articolo ha anche affrontato il problema dell'enorme percentuale di soggetti infettati che rimangono asintomatici e del loro ruolo nella diffusione dell'epidemia. Allo stesso tempo, come sottolineato dal direttore generale dell'Oms Tedros Ghebreyesus, e' stato accertato che in Cina circa il 41% dei casi di Covid-19 confermati a Wuhan e' il risultato di una trasmissione correlata all'ospedale'.

'È da queste considerazioni che siamo partiti per lanciare il nostro appello e le nostre richieste dalle pagine del British Medical Journal affinche' possano farne esperienza e trarne le dovute indicazioni anche tutti i colleghi delle diverse parti del mondo dove ancora ci sono margini di tempo per prepararsi- spiega il presidente FNOMCeO Anelli all'agenzia Dire- In particolare abbiamo voluto sottolineare l'inadeguatezza del modello ospedalo-centrico per far fronte ad epidemie di questa portata, com'e' diventato evidente dopo la chiusura di interi ospedali in Italia per la diffusione dell'infezione tra medici, infermieri e pazienti. Errore fatale e' stato e in taluni casi rischia di continuare ad essere l'assenza di percorsi dedicati esclusivamente al Coronavirus quanto ad accesso, diagnostica, posti letto e operatori sanitari. Inoltre, va chiarito che nessuna epidemia si controlla con gli ospedali, come si e' forse erroneamente immaginato: e' sul territorio che va espletata l'identificazione dei casi con test affidabili ma anche con rapidi kit di screening e la sorveglianza con la tracciabilita' dei contatti, il monitoraggio e l'isolamento'

'Altrettanto tassative sono l'informazione, la formazione e la protezione adeguata di tutti gli operatori sanitari e in particolare di quelli piu' direttamente esposti sia per il controllo dell'epidemia sia per continuare a fornire tutte le cure necessarie alle persone con infezione da Covid-19, nonche' a per continuare a garantire le cure a tutti gli altri pazienti che necessitano di trattamenti a domicilio o in ospedale. In queste ore stanno emergendo situazioni di grave sofferenza proprio nelle persone piu' fragili e delle loro famiglie: penso ai bambini autistici privati delle attivita' nei centri diurni e degli interventi riabilitativi, ai pazienti psichiatrici o affetti da tumori, SLA ed altre malattie cronico-degenerative che hanno difficolta' a vedersi garantiti i servizi socio-sanitari essenziali'. 'La nostra proposta immediata- segue il presidente FNOMCeO- per consentire di far fronte all'epidemia e una ripresa almeno parziale dell'erogazione delle prestazioni essenziali almeno ai soggetti piu' vulnerabili garantendo un'adeguata protezione non solo agli utenti ma anche agli operatori sanitari - consiste nello sbloccare immediatamente e senza ritardi le forniture di dispositivi di protezione individuale ma anche di eseguire test di screening a risposta rapida in maniera sistematica per lo meno a tutti gli operatori sanitari operanti nel pubblico e nel privato - inclusi i medici di medicina generale e operatori di case di riposo o RSA, centri diurni - che mostrano sintomi di infezione da Covid-19 (anche lieve e in assenza di febbre) o che sono stati in contatto con casi sospetti o confermati'. 'Lo screening deve avvenire mediante test a risposta rapida validati, registrati presso il ministero della Salute italiano, che presentano un'abilita' del 100% di rilevare i casi negativi (altissima specificita') e rendono disponibile il risultato entro 15 e 45 minuti. In questo modo soltanto il personale risultato negativo potra' continuare a lavorare in ospedale, ambulatori o strutture di assistenza domiciliare e a lungo termine per le persone anziane e pazienti critici. I test a risposta rapida dovranno essere confermati eseguendo tamponi faringei con analisi PCR in doppio controllo settimanale. Soltanto cosi' si potra' finalmente avviare, sia pure in ritardo, una fase piu' controllata dell'attuale andamento epidemico', conclude Anelli.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
Modena in zona rossa: cosa prevede la bozza del decreto
Societa'
07 Marzo 2020 - 21:45- Visite:62100
Coronavirus, scuole tutte chiuse in Emilia Romagna per altri 8 giorni
Societa'
29 Febbraio 2020 - 08:00- Visite:45065
La pandemia globale di Coronavirus? Simulata nel 2019
Oltre Modena
03 Marzo 2020 - 09:43- Visite:42546
Coronavirus, Venturi: basta cazzeggio o state a casa o vi fermiamo noi
Societa'
16 Marzo 2020 - 18:32- Visite:40992
Covid a Modena, 13 sanitari contagiati al Policlinico e a Baggiovara
Societa'
13 Marzo 2020 - 22:16- Visite:35279
Coronavirus, il Governo chiude anche la provincia di Modena
Societa'
07 Marzo 2020 - 20:36- Visite:35094
Societa' - Articoli Recenti
Modena, domani un minuto di ..
'Le comunità cristiane, pur impossibilitate alla vicinanza fisica, non fanno mancare la ..
26 Marzo 2020 - 19:27- Visite:85
La mappa dei contagi: 17 nuovi casi a..
Due decessi a Carpi e due a Fiorano sui 10 complessivi avvenuti oggi. A Modena città 24 ..
26 Marzo 2020 - 18:43- Visite:1811
Nuovi mostri: contro i runner per ..
Il rispetto dei medici non è indossare mascherine quando si è soli... Ma garantirle in ..
26 Marzo 2020 - 18:19- Visite:146


Societa' - Articoli più letti


Modena in zona rossa: cosa prevede la..
Spostamenti bloccati, permessi solo per emergenza. Chiuse palestre, piscine e centri ..
07 Marzo 2020 - 21:45- Visite:62100
Coronavirus, scuole tutte chiuse in ..
Il contagio in queste tre Regioni ha un'evoluzione veloce e l'Organizzazione mondiale della ..
29 Febbraio 2020 - 08:00- Visite:45065
La pandemia globale di Coronavirus? ..
E' tutto ancora on line. Il John Hopkins Center for Health Security con il World Economic ..
03 Marzo 2020 - 09:43- Visite:42546
Coronavirus, Venturi: basta cazzeggio..
Venturi: se serve impediremo anche le passeggiate. Con 197 persone in terapia intensiva, 28 ..
16 Marzo 2020 - 18:32- Visite:40992