Aiutaci a mantenere gratuita La Pressa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Aiutaci a mantenere gratuita La Pressa
articoliSocieta'

'Variante inglese al 40% dei casi a Modena, ma i vaccini funzionano'

La Pressa
Logo LaPressa.it

I risultati di uno studio su un campione di nuovi contagiati reso noto dal Direttore Ausl. 'Modena zona rossa? Basta rispettare bene le regole dell'arancione'


'Variante inglese al 40% dei casi a Modena, ma i vaccini funzionano'

'Una analisi effettuata in questi giorni su un piccolo campione di soggetti positivi, campione che sarà esteso nei prossimi giorni, ha fatto emergere che la variante inglese, l'unica riscontrata ad oggi in provincia di Modena, si attesta intorno al 40% dei nuovi casi riscontrati. Si tratta di una variante con un livello minore di patogenicità ma con più alto livello di diffusione, che spiegherebbe anche il nuovo aumento dei casi di positività a Modena, ma sappiamo anche che i vaccini ora a disposizione, sia Pfizer che Astrazeneca che Moderna, hanno dimostrato piena efficacia anche su questa variante'.

Lo ha reso noto questa mattina, in una videoconferenza stampa organizzata ad un anno dal primo caso riscontrato di positività in provincia di Modena riscontrato a Carpi, il Direttore Generale dell'Ausl di Modena Antonio Brambilla in risposta ad una nostra domanda sulle varianti del virus. 'C'erano dubbi sull'efficacia del vaccino Astrazeneca sulla variante sudameriana, ma poi fugato da risultati positivi sull'effiacia anche da parte di questo vaccino'.

Un anno in cui la provincia di Modena, da quel primo caso del 24 febbraio, ha pagato un prezzo altissimo, con 1.386 decessi, 'il 14% in più rispetto alle stesse previsioni' dell'Ausl. - ha sottolineato Brambilla. Un anno che ha segnato profondamente sul lato professionale e umano ovviamente tutti gli operatori del comparto sanitario. E proprio rispetto ad una domanda sul vissuto personale che il Direttore Generale Ausl racconta il dolore derivato dalla perdita di un fratello contagiato dal Covid nella prima fase della pandemia e dalla necessità di gestire sempre al massimo delle possibilità, in un periodo in cui - ha affermato - 'seguivamo linee di indirizzo ma molto era improvvisato', la risposta del comparto sanitario travolto, con i suoi 5000 operatori all'attivo in provincia di Modena, da una emergenza senza precedenti nella storia. 'Una risposta straordinaria, quella modenese, che mi ha dato forza'- ha detto il Direttore Generale.

Una emergenza che, ad un anno dal primo caso e delle prime forti restrizioni arrivate con il primo DPCM dell'8 marzo 2020, continua purtroppo oggi e che ci porta a chiedere al Direttore Generale Ausl la sua posizione rispetto al sistema a colori per le restrizioni e sulla possibilità, paventata anche dal Presidente della Regione, di applicare ulteriori restrizioni territoriali specifiche nelle aree più critiche, istituendo singole zone rosse provinciali o comunali.

'Ritengo che il sistema a colori attualmente in vigore sia efficace e che lo sia è stato dimostrato dai dati. In zona arancione abbiamo verificato un calo dei casi e dei ricoveri in provincia di Modena. Pur consapevoli degli attuali dati di Modena e dalla loro crescita, credo personalmente, visto che la decisione spetta ad un ambito politico, che più che sulla zona rossa, dovremmo concentrarsi, a livello individuale e collettivo, sul massimo rispetto delle regole imposte dalla zona arancione. Una attenzione che c'è stata dalla e per la popolazione anziana. Quella delle Cra è stata per il 95% vaccinata, il resto della popolazione anziana lo sarà nelle prossime settimane. Il problema sta sempre nella fascia dei più giovani, su una popolazione attiva che lavora e si sposta all'esterno e che è tendenzialmente meno attento, che ha meno paura di contrarre il virus. Basta considerare che ieri la media di età dei nuovi contagiati si è ulteriormente abbassata scendendo sotto la soglia dei 40 anni, a 39'

La domanda che facciamo sulla possibilità concreta, visti i continui ritardi e la scarsità nelle forniture di vaccini, di giungere ad una copertura vaccinale tale da garantire l'immunità di gregge già in autunno, in parte viene rimandata alla responsabile del Piano Vaccinale provinciale, Borsari, la cui presenza non era prevista nella conferenza di oggi. In parte riceve risposta dallo stesso Direttore Generale nei termini con i quali già ci aveva risposto nei giorni scorsi: 'Dipende dalla disponibilità dei vaccini. Purtroppo stiamo registrando continui ritardi, ma sappiate che siamo pronti a somministrare tutti i vaccini che arriveranno'

Gi.Ga.


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Articoli Correlati
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
Societa'
31 Maggio 2021 - 13:40- Visite:357129
'Altro che Tachipirina, ecco come bisogna curare a casa il Covid'
Parola d'Autore
31 Gennaio 2021 - 14:37- Visite:275267
'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:182406
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda ..
La Provincia
09 Settembre 2021 - 20:11- Visite:174437
Effetti indesiderati vaccino: confronto Pfizer, Moderna e Astrazeneca
Societa'
30 Aprile 2021 - 09:45- Visite:147960
Morti nelle Rsa per Covid, in Emilia Romagna dati peggiori d'Italia
Societa'
19 Aprile 2020 - 18:05- Visite:137686

Societa' - Articoli Recenti
Covid, 28 contagi a Modena: muoiono ..
I sintomatici sono 17, gli asintomatici 11. Quattro le persone ricoverate in Reparto
06 Ottobre 2021 - 17:19- Visite:436
Terza dose, in Emilia Romagna si ..
I primi destinatari della terza dose saranno le persone con 80 e più anni e gli ospiti e i ..
06 Ottobre 2021 - 17:10- Visite:145
Pugni e graffi ad un poliziotto, ..
Un 38enne marocchino con precedenti, si è scagliato contro gli agenti intervenuti per ..
06 Ottobre 2021 - 16:57- Visite:95
Covid, 281 contagi in Emilia Romagna ..
I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 46 (-4 rispetto a ieri), 338 quelli ..
06 Ottobre 2021 - 16:47- Visite:372
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto ..
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40- Visite:357129
'Altro che Tachipirina, ecco come ..
L'ex primario del Pronto soccorso di Modena: 'Antinfiammatori ai primi sintomi e poi, se il ..
31 Gennaio 2021 - 14:37- Visite:275267
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 ..
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11- Visite:174437
Il sindacato dei carabinieri: ..
‘Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39- Visite:166406