Sant'Everardo, il conte buono
Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Onoranze funebri Simoni
progettiIl Santo del giorno

Sant'Everardo, il conte buono

La Pressa
Logo LaPressa.it

Secondo una tradizione, negli ultimi anni della sua vita, avvenne un miracolo: una volontà divina indicò a Everardo un luogo dove doveva nascere un monastero


Sant'Everardo, il conte buono
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Oggi 16 dicembre si festeggia Sant'Everardo.
Everardo nacque in Francia nell'810, fu conte di Frejus e fondò in questa città il monastero dei Canonici Regolari.
Egli aveva molti interessi culturali nell'ambito della letteratura e del diritto. Everardo fu anche un potente del mondo svolgendo una parte importante nelle vicende politiche del tempo. Anche il padre del Santo era stato un alto funzionario dell'imperatore Carlo Magno.

Dall'imperatore, Everardo venne investito da estesi possessi in Lombardia, in Francia e in Germania.
Nominato poi Marchese del Friuli egli conduceva una vita onorabilile in mezzo ad amici: tra questi Vescovi, Arcivescovi e Abati.
Per la sua saggezza e bontà, nell'842, l'imperatore Lotario lo scelse come ambasciatore per salvare la pace è l'integrità dell'impero
Everardo, dotato di grande cultura, riuscì con successo non solo nelle dispute dottrinali ma anche nelle sue battaglie contro i nemici esterni dell'impero: slavi, normanni e saraceni.

Secondo una tradizione, negli ultimi anni della sua vita, avvenne un miracolo: una volontà divina indicò  a Everardo un luogo dove doveva nascere un monastero.
Egli allora costruì la chiesa e il monasteri di Fleckenhorst.
Santa Isberga si trasferì, assieme ad altre compagne, in tale monastero: Everardo diede loro 2 terzi dei suoi possedimenti e con il resto della sue ricchezze fondò un altro monastero a Fulda dove egli stesso trascorse il resto della sua vita.
Sant'Everardo morì nell'867 e da sempre viene onorato dal popolo come Santo.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Mivebo
Il Santo del giorno - Articoli Recenti
Sant'Antonio di Padova, dottore della Chiesa
L'arca di marmo nella quale fu deposto divenne meta di continui pellegrinaggi fino al ..
13 Giugno 2024 - 06:25
San Gaspare e gli Stimmatini
Gaspare raccolse anche ragazzi e giovani nel suo oratorio che sorse col nome di Coorte ..
12 Giugno 2024 - 07:49
Santa Paola Frassinetti e le Dorotee
La Frassinetti morì l'11 giugno 1882, dopo aver ricevuto la visita di San Giovanni Bosco
11 Giugno 2024 - 06:30
Beato Enrico da Bolzano: lo spaccalegna umile
Enrico era analfabeta, tuttavia al contatto con il silenzio dei boschi, mentre con la scure ..
10 Giugno 2024 - 06:29
Il Santo del giorno - Articoli più letti
San Mario, protettore della unità della famiglia
I Santi Mario e la moglie Marta vengono invocati durante le litanie dei Santi, nel rito del ..
19 Gennaio 2024 - 06:35
Prima domenica di Avvento
La prima domenica di Avvento è dedicata proprio alla venuta del Signore alla fine dei tempi
27 Novembre 2022 - 06:57
Santa Beatrice, colei che rende felice
Le antiche biografie raccontano che dopo aver ricevuto l'Unzione degli infermi, una stella ..
17 Agosto 2022 - 06:16
Sant'Alfonso, patrono avvocati: 12 consigli per la difesa in tribunale
Sant'Alfonso Maria de' Liguori è detto 'il più napoletano dei Santi'
01 Agosto 2022 - 06:30