La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
progettiQuelli di Prima

Cavazza resiste, ma le politiche culturali sono nulle

La Pressa
Logo LaPressa.it

L'assessore per caso che non molla


Cavazza resiste, ma le politiche culturali sono nulle

L’assessore alla cultura Cavazza resiste. Resiste nonostante il flop clamoroso della mostra al Mata. Perchè - al di là della retorica sui numeri che possono essere sempre interpretati come le grida di Azzeccagarbugli- per il «Manichino della storia» targato Milazzo-Bottura-Mazzoli-Muzzarelli, parlare di flop è il minimo. Una mostra lanciata come l’evento del secolo, costata 550mila euro di soldi pubblici (209mila dalla sola Regione) che ha incassato meno di 37mila euro e ha intercettato meno di 10mila visitatori paganti... Beh più che un flop è un disastro. E i paragoni con altre mostre che avrebbero intercettato meno spettatori sono ridicoli: sarebbe - per soldi spesi e per clamore mediatico - come paragonare il numero di partecipanti al carnevale di Rio con quelli del carnevale di Saliceta San Giuliano (per rimanere in tema prequaresimale).

Comunque Cavazza resiste. Non si dimette. Parla di cultura che ‘resta pubblica’ e tira dritto. Dopo il tragico esito del «Manichino» (mostra disorganizzata, che unisce eccellenze al nulla e nella consapevolezza che almeno Basquiat non avrebbe meritato tanto insulto), presenta un programma del Mata anonimo e provinciale. Che passa per le foto di Zagaglia e Fontana, per l’arte polacca di Marinella Paterni e per le figurine ‘Calciatori’. Che va benissimo, rispetto per tutti, ma che dimostra una incapacità sia allo slancio che alla programmazione. Una politica culturale nè da formiche nè da cicale. Incapace sia di slanci improvvisati ma sognanti (magari ospitando a Modena Van Gogh o Munch o Schiele o Turner, perchè no, cavolo), sia incapace di programmare un vero calendario di eventi, magari senza eccellenze. Ma solido e coerente. Niente. Politiche culturali improvvisate. Nè formiche nè cicale. Tanto per riempire uno spazio preso in affitto - con soldi pubblici- da chi finanziò la campagna elettorale di Muzzarelli. Tanto per dire: ‘vedete che facciamo qualcosa al Mata’. Che forse sarebbe meglio- comunque più coraggioso fare il nulla. E lasciare le stanze vuote. O piene di specchi o muri bianchi. Lasciando ai visitatori la possibilità di immaginare. Parlando con uno specchio o con un muro. Comunque Cavazza resiste. Non si dimette. Perchè qui non si dimette nessuno. Vicesindaco, assessore alla cultura, esponente dell’area cattolica. Resiste Cavazza. Perchè la politica è prima di tutto questo. Resistere. Che poi la colpa del flop del Mata è di Muzzarelli e della sua amicizia con Bottura, lui - Cavazza – nemmeno l’avrebbe fatta quella mostra. L’assessorato alla cultura è una delega pro-forma, un po’ come le pari opportunità. O la legalità per citare la nuova delega data ieri al rampante Bosi. Principi altisonanti per nascondere il vuoto. Lo sanno tutti. Per primo Cavazza. Che infatti resiste. Mica come ha fatto quella pasionaria della Caporioni. Lasciare per questione di principio, per senso di dignità... Ma no. Non si fa.




Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Articoli Correlati
'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:169577
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa essere idioti’
Politica
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:108206
Il Sulpl risponde: Posso accompagnare mia moglie a fare la spesa?
Societa'
17 Marzo 2020 - 11:24- Visite:69841
Ex primario Pronto soccorso Modena: 'Alle persone sane sconsiglio il ..
Politica
19 Giugno 2021 - 16:44- Visite:66475
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
Il Punto
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:63410
Primario di Baggiovara: 'Esiste un dramma dei pazienti No Covid'
Societa'
23 Novembre 2020 - 17:35- Visite:56198

Contattaci
Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi così tanto tempo ..
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39- Visite:12213
Libera, le consulenze di Enza Rando
L’avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36- Visite:16338
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25- Visite:13791
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi «perfettamente integrati» E la Camorra ora «è più presente»
02 Gennaio 2014 - 13:54- Visite:12899
Quelli di Prima - Articoli più letti
AeC, la moglie di Muzzarelli nel ..
L’azienda, coinvolta nell’inchiesta ‘Cubetto’, finanziò la campagna elettorale del ..
01 Gennaio 2014 - 20:45- Visite:21398
Libera, le consulenze di Enza Rando
L’avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36- Visite:16338
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25- Visite:13791
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06- Visite:13010