Studio Aurora - Cerca la casa dei tuoi sogni
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Studio Aurora - Cerca la casa dei tuoi sogni
rubricheSpazio alle Imprese

Occhi secchi: ecco le migliori lenti a contatto giornaliere

La Pressa
Logo LaPressa.it

Questa sensazione di forte disagio è spesso accentuata se ci si trova in ambienti con aria secca, con bassa umidità e in condizioni di vento


Occhi secchi: ecco le migliori lenti a contatto giornaliere
Soffrire di occhi secchi significa fare i conti, nella vita di tutti i giorni, con sintomi fastidiosi quali formicolio, prurito, bruciore, secchezza e arrossamento, sensazione di corpi estranei, palpebre gonfie, fastidio legato alla fotosensibilità che porta ad un’eccessiva lacrimazione, e ultima, da non sottovalutare, acutezza visiva altalenante.
Questa sensazione di forte disagio è spesso accentuata se ci si trova in ambienti con aria secca, con bassa umidità e in condizioni di vento. Le lenti a contatto giornaliere aiutano molto ma in alcuni casi possono anche aumentare tali sintomi, se non si utilizzano lenti a contatto idonee.
Non occorre per chi le indossa tornare ad indossare gli occhiali; infatti, con l’aiuto di uno specialista sarà possibile trovare le lenti a contatto adatte.

Lenti a contatto giornaliere: le cause degli occhi secchi

Le cause dell'occhio secco sono molteplici: cambiamenti ormonali, dovuti anche alla menopausa o gravidanza, terapie farmacologiche nelle quali si usano antidepressivi, antistaminici, anticoncezionali o sonniferi, ma anche fattori esterni come un lavoro continuativo ad uno schermo PC, la bassa umidità di ambienti climatizzati, polverosi o ventosi, il fumo di sigaretta, oppure patologie quali infiammazione della palpebra, diabete, tiroide, allergie e carenza di vitamina A.
La sindrome dell'occhio secco, conosciuta anche come keratitis sicca, è una patologia multifattoriale riguardante la lacrimazione e la superficie dell'occhio.
In genere, il dotto lacrimale produce un film lacrimale di copertura e protezione della cornea e iride, in caso di occhio sano.
Quando si soffre di occhio secco invece, la produzione di tale film lacrimale non è sufficiente, questo perché verrà prodotto poco liquido; quindi, avremo un deficit quantitativo e la sua composizione sarà alterata.


Uno specialista del settore, l’oftalmologo, con una visita specialistica e attraverso un esame non invasivo della cornea, della congiuntiva e delle sezioni anteriori dell'occhio, determinerà la qualità e quantità del film lacrimale al fine di diagnosticare il disturbo: se non curata in tempo o ignorata a lungo, tale patologia può portare danni alla cornea, rischio di contrarre infezioni oculari e rossore cronico agli occhi.
Con un approfondito esame oculistico, oltre a definire se ci sono alterazioni della congiuntiva e del film lacrimale, si potrà valutare il quantitativo di lacrime prodotte in un determinato lasso di tempo; quindi, saranno utili sia il test di Schirmer, ossia apporre delle piccole strisce di carta assorbente sul margine delle palpebre, sia il test di rottura del film lacrimale, che permetterà, invece, di avere una valutazione sulla qualità del film lacrimale stesso. Come trattamento, si somministrano anche lacrime artificiali o gel umettanti che andranno principalmente a ripristinare il film lacrimale e ad attenuare fastidiosi sintomi.
Ma la soluzione più adatta sarebbe la prescrizione di lenti a contatto giornaliere.

Lenti a contatto giornaliere: un valido aiuto nel contrastare gli occhi secchi

Le lenti a contatto hanno una funzione protettiva verso l’iride e la cornea perchè poggiano di solito sul film lacrimale che le ricopre.
Bisogna però far attenzione alla loro scelta in quanto se le lenti a contatto giornaliere non fossero molto adatte a correggere il difetto visivo del portatore o difettose, presentando bordi troppo affilati, il film lacrimale potrebbe rompersi e provocherebbe inevitabilmente irritazione alla superficie dell’occhio.
Le lenti a contatto giornaliere, aiutano a garantire una continua e costante idratazione all’occhio, evitando che si secchi anche in caso di agenti atmosferici quali vento o forte caldo, riuscendo a mantenere inalterata la propria forma, cominciando ad idratarsi direttamente dal film lacrimale.
Occorre prestare attenzione, quindi, alla scelta del materiale più idoneo per il proprio caso, discutendone col proprio specialista, per riuscire così a porre fine a tale fastidio.
Con un esame appropriato, si potrà individuare il materiale adatto alle proprie esigenze, come ad esempio, le lenti in idrogel, chiamate in tale modo proprio per il loro elevato contenuto di acqua, ottime come soluzione ma occorre sempre prestare attenzione perché anche in questo caso, può capitare che in determinate situazioni, l’acqua possa evaporare in fretta, attingendo dal film lacrimale e facendo sì che gli occhi si secchino.
Altre lenti che potrebbero essere prescritte sono le lenti con acido ialuronico: come ben sappiamo, l’acido ialuronico è una sostanza endogena che cattura le molecole dell'acqua e le trattiene, quindi la formulazione delle lenti a contatto giornaliere in silicone idrogel, è ottima avendo queste, una buona traspirabilità all'ossigeno e una richiesta del 20% in meno d'acqua.


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Spazio alle Imprese - Articoli Recenti
Salute orale e innovazione da ..
Ad oggi è presente in 8 regioni italiane con oltre 40 centri, conta 300.000 pazienti e più..
25 Novembre 2022 - 06:04
La 'Bassa modenese' (Seconda parte)
Se sei residente nelle zone di Modena, Bastiglia, Bomporto, Sorbara, San Prospero e ..
24 Novembre 2022 - 06:41
Fondotinta, cosmetico più usato ..
Disponibile in varie texture, il fondotinta si può declinare alle diverse epidermidi
21 Novembre 2022 - 15:30
Spazio alle Imprese - Articoli più letti
Roadhouse Restaurant: apre nuovo ..
Nei primi otto mesi?dell'anno sono stati?14 i nuovi ristoranti aperti dal gruppo Cremonini
18 Settembre 2019 - 17:09
Azienda agricola Cavazzuti, ..
Prima tappa del nostro viaggio che insieme a Confagricoltura Modena ci porterà in dieci ..
12 Aprile 2018 - 10:40
Azienda agricola Giovanni Solmi, ..
Quarta tappa del nostro viaggio nel mondo delle aziende Confagricoltura Modena, eccellenze ..
24 Luglio 2018 - 00:20
Azienda vinicola Zucchi, l'evoluzione..
Con Confagricoltura Modena settima tappa del viaggio nelle aziende top per qualità ..
18 Dicembre 2018 - 09:26