La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliChe Cultura

Ex ospedale Estense, centro europeo per il multimediale

La Pressa
Logo LaPressa.it

Negli Stati Uniti, in Australia, in Nuova Zelanda e in Inghilterra non esiste università che non abbia corsi specifici sugli effetti digitali per il cinema


Ex ospedale Estense, centro europeo per il multimediale

Leggo oggi nei quotidiani cittadini, con tanto di foto del sindaco Muzzarelli e degli assessori Bortolomasi e Bosi, che tra mille giorni il restauro dell’Ex Ospedale Estense sarà concluso. Bortolomasi dichiara che “L’intento è offrire alla Città un ulteriore spazio per eventi, concerti e piccole rassegne, che l’Amministrazione comunale punta a realizzare in collaborazione con le altre realtà culturali”. Il rifacimento del piano terra, con i suoi quasi mille metri quadri di spazi espositivi, sarà dedicato alle arti figurative, in particolare a mostre temporanee.

 

Naturalmente, sono ancora tutte parole vaghe, considerando che la struttura deve ancora ultimarsi, ma proprio per questo si potrebbe pensare ad alcuni spazi attrezzati per uno scopo innovativo, diverso dalle solite proposte che sono sempre avanzate in questi casi e, di conseguenza, ristrutturare alcune sale in funzione di queste attività. Mi riferisco ad una idea avanzata dalla lista civica “Modena Ora” alla quale ho collaborato e che ritengo più stimolante e dinamica per la Città dei generici “eventi, concerti e piccole rassegne”. Mi riferisco al progetto di costituire a Modena un “Centro Europeo Nuove Tecnologie per il Multimediale”. Detta così, parrebbe un titolo ugualmente vago, ma lo studio che fu condotto e la conseguente progettazione potrebbero invogliare il Comune almeno a verificarlo.

 

Il progetto si proponeva di realizzare a Modena un polo formativo di livello professionale, che rispondesse alle esigenze attuali di mercato, sempre più rivolte all’utilizzo di nuovi e potenti software e hardware impiegati nel cinema, nella televisione e nella musica extracolta come la colonna sonora.

 

Le università italiane, compresa l’UNIMORE, non offrono ai loro studenti la possibilità d’imparare a livello specialistico e professionale, attraverso lo studio teorico e l’esperienza pratica, la procedura per la Computer Animation o l’Orchestrazione Virtuale, per fare un esempio, diffusamente usate oggi nel cinema e nei videogiochi e che rappresenta un segmento occupazionale in continua crescita nel mondo. Il Vecchi Tonelli propone corsi di notazione musicale informatizzata, computer music e una master annuale sulla colonna sonora cinematografica, della quale sono il titolare, ma non possiede gli strumenti idonei per renderli professionali, esperienza per trovare lavoro.

 

Negli Stati Uniti, in Australia, in Nuova Zelanda e in Inghilterra non esiste università che non abbia corsi specifici sugli effetti digitali per il cinema e i videogames. Di seguito, le scuole più importanti, fatto salvo che la migliore è la “Full Sail University” (Winter Park, Florida), sponsorizzata da Gorge Lucas e Robert Zemeckis e con la quale sarebbe opportuno avviare un progetto di collaborazione:

 

  1. California Institute of the Arts (Valencia, California)
  2. Ringling College of Art and Design (Sarasota, Florida)
  3. Savannah College of Art and Design (Savannah, Georgia)
  4. Rhode Island School of Design (Rhode Island, New England)
  5. School of Visual Arts (New York, New York)
  6. University of Southern California (Los Angeles, California)
  7. University of California (Los Angeles, California)
  8. Carnegie Mellon University (Pittsburgh, Pennsylvania)
  9. Rochester Institute of Technology (Rochester, New York)

 

In Europa, abbiamo solamente alcune facoltà a Parigi, Berlino, Barcellona, … e naturalmente in tutte le principali università inglesi. Per l’Italia, la possibilità di formazione specifica è ridotta ai minimi termini: esiste solo la “Media Design School” di Milano!

 

I nostri giovani, quindi, sono costretti ad un auto apprendimento molto difficoltoso, considerando il costo delle apparecchiature necessarie e la mancanza di spazi attrezzati con “green or blue screen”; questo auto apprendimento non ha alcun valore istituzionale spendibile e, soprattutto, obbliga a tentare un apprendistato presso qualche struttura professionale specializzata nel settore per “imparare” il mestiere. Ma entrare in questi ambienti è vincere il terno all’Otto! Nel nostro Paese, sul fronte effetti digitali cinematografici, esiste solo la EDI (www.effettidigitali.it), riconosciuta a livello internazionale e con sede a Milano.

 

Sul fronte della musica, il discorso si ripete allo stesso modo che per gli effetti digitali cinematografici: presso i Conservatori, compreso il nostro, i corsi proposti si riducono a seminari di poche ore con carattere basico che, soprattutto, non curano la parte successiva e cioè la trasformazione della partitura in orchestra virtuale.

 

Oggi il cinema, ma anche la televisione e i videogiochi, non utilizza più la strumentazione acustica con musicisti e professori d’orchestra, che obbliga la produzione a costi molto elevati (sala di registrazione, tecnici, editor, artisti…). Con una buona libreria di suoni campionati, si possono creare colonne sonore sinfoniche difficilmente distinguibili da quelle acustiche e si hanno a disposizione tutta una serie di effetti e rumori creati digitalmente.

 

Anche in questo caso, il più delle volte i giovani devono seguire un percorso di auto apprendimento, nonostante che il mercato occupazionale sia in continua ricerca di queste nuove professionalità.

 

Avvalendosi di appositi finanziamenti europei e regionali, oltre a quelli comunali, alcuni spazi del Sant’Agostino potrebbero colmare questa lacuna formativa, che offre ottime opportunità occupazionali ben remunerate, considerando che la scelta di mostre permanenti, musei o biblioteche, seppur culturalmente interessanti, non producono sbocchi di lavoro.

 

La proposta che si suggerisce all’Amministrazione è quella di costituire un centro di formazione all’avanguardia per l’Italia e l’Europa che s’avvalga della collaborazione con altri enti pubblici (Università di Modena e Reggio Emilia, l’Istituto Superiore di Studi Musicali Vecchi Tonelli, il Centro Musica, in primis) e strutture private scelte. 

 

I corsi potrebbero essere divisi in quelli dedicati all’ IMMAGINE e quelli rivolti al SUONO e sarebbe per Modena una grande occasione di porsi al centro dell’Europa, capitale della musica di “ieri” e di quella del “domani”, con tanti giovani provenienti da tutto il mondo a studiare canto con Raina Kabaivanska e Mirella Freni e le nuove tecnologie cinematografiche al “Centro Europeo Nuove Tecnologie per il Multimediale”.

 

Massimo Carpegna 


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Massimo Carpegna
Massimo Carpegna

Docente di Formazione Corale e del master in Musica e Cinema presso Istituto Superiore di Studi Musicali Vecchi Tonelli di Modena e Carpi. Direttore d'orchestra compositore con partitu..   Continua >>


Articoli Correlati
'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:152432
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa essere idioti’
Politica
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:105785
Il Sulpl risponde: Posso accompagnare mia moglie a fare la spesa?
Societa'
17 Marzo 2020 - 11:24- Visite:63240
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
Il Punto
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:59928
Modena, l'allarme Ausl: 'Circolazione virale alta: proteggetevi'
Societa'
15 Novembre 2020 - 18:12- Visite:49498
Primario di Baggiovara: 'Esiste un dramma dei pazienti No Covid'
Societa'
23 Novembre 2020 - 17:35- Visite:48304
Che Cultura - Articoli Recenti
Modena, a 150 anni dalla nascita il ..
Il nuovo logo gioca sull’intreccio di rettangoli sovrapposti che richiamano le vetrine ..
24 Febbraio 2021 - 13:55- Visite:224
Modena, Michelangelo rischia ..
La rabbia di Berto Gavioli, il noto attore teatrale modenese gestore da una trentina d'anni ..
18 Febbraio 2021 - 06:57- Visite:2144
L'altro volto di Modena in 4 ..
Il modenese Stefano Porta è entrato in alcuni luoghi della città con il progetto ..
15 Febbraio 2021 - 15:58- Visite:589
Amanda Gorman, 'The Hill We Climb': ..
Nessuna sorpresa, negli Stati Uniti la poesia è sempre presente. Intervista a Franco Nasi, ..
15 Febbraio 2021 - 11:49- Visite:423

Feed RSS La Pressa

Che Cultura - Articoli più letti


Gli italiani scoprirono che Muccioli ..
Intervista a Paolo Severi, uno dei protagonisti di SanPa, il documentario di Netflix. ..
17 Gennaio 2021 - 18:17- Visite:24591
Se la locomotiva di Guccini si ..
Guccini si scaglia contro l'opposizione brandendo l'arma più subdola, la bandiera di ..
27 Aprile 2020 - 10:59- Visite:19895
18 settembre 1977: al parco Ferrari ..
Il precedente al quale si aggrappa Muzzarelli per sperare che il primo luglio vada tutto ..
19 Giugno 2017 - 17:10- Visite:16148
La massoneria in Emilia e a Modena
Anche a Modena esiste una presenza Massonica organizzata tramite la Loggia 106 intitolata a ..
25 Giugno 2017 - 22:08- Visite:14074