I nostri lettori sono i tuoi futuri clienti
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
I nostri lettori sono i tuoi futuri clienti
rubricheA cura di

Tre aspetti di un lockdown esperienziale

La Pressa
Logo LaPressa.it

Stiamo vivendo in una perenne sensazione di asfittica mancanza di libertà. La salute anche mentale è fatta di movimento, di qualunque tipo


Tre aspetti di un lockdown esperienziale

Da poco abbiamo compiuto un anno, un annus horribilis di perdite che ha colpito ognuno di noi in un modo o in un altro: chi ha perso i propri cari, chi un anno di scuola, chi lo stipendio o le proprie piccole attività, chi ha perso la salute. Abbiamo vissuto e stiamo vivendo un “lockdown esperienziale” in una presentificazione del tempo in cui manca il “sogno”, nostra vocazione per eccellenza, governati da una scansione temporale in cui è quasi percepibile in sottofondo il ticchettio costante, ripetitivo, sempre uguale di un tempo cronologico (Kronos) che passa, somma di istanti senza pause, senza vacanze, più che un tempo qualitativo (Kairos).

Chissà se torneremo a stringerci la mano quando finirà questa emergenza. Tutti noi abbiamo perso un numero consistente di abbracci. Perché un gesto amichevole spontaneo come una pacca sulla spalla, un braccio intorno al collo, un abbraccio ci fa percepire l’altro e il suo corpo, ma ci restituisce anche il senso del confine del nostro corpo, mentre tocchiamo l’altro sentiamo dove finisce il nostro corpo e ci soggettivizziamo. Siamo fatti di corpo, e abbiamo un corpo che racchiude la nostra identità. Gli altri, e quindi noi per gli altri, siamo anche, in questo periodo storico, vissuti persecutoriamente come un veicolo del virus. In questo senso, anche dove il virus è entrato più silenziosamente, senza commettere omicidi, ha contaminato le relazioni, ha modificato la struttura nel Dna dei legami inoculandosi in angosce arcaiche.

Stiamo vivendo in una perenne sensazione di asfittica mancanza di libertà. La salute anche mentale è fatta di movimento, di qualunque tipo: la radice latina “movere” accomuna sia emozione (e-movere) sia motivazione. La libertà è poterci spostare dal luogo in cui ci troviamo, esterno ma anche interiore. La stessa salute mentale è fatta di flessibilità, collegamenti e associazioni; rifugge da fissazioni e immobilità pervasive, blocchi stagnanti che si incistano. Il pensiero nasce dal legame, nel rapporto e si struttura sugli stati emotivi. I significati si costruiscono e ricostruiscono dentro le relazioni. La nostra identità è sempre in cambiamento, cambia persino l’identità dell’umanità nel corso della storia, e ogni esperienza vissuta in pienezza espande il nostro sé, cerchiamo noi stessi in ogni cosa che facciamo, nelle decisioni che prendiamo, in chi “ incontriamo”.

Siamo esuli nel tempo, funamboli tra passato e futuro, vacillanti tra uno stato d’attesa e uno stato d’allerta tra il desiderio e il rimpianto di chi si trova fisicamente distante da casa, quella “casa conosciuta e sicura” lontana anche nel tempo. Siamo ostaggi di un sentimento di impotenza, in attesa di migliori decisioni politiche, decreti legislativi, in attesa di essere vaccinati; facciamo ricorso al “buon senso comune” in una situazione di insensatezza e incoerenza, con un grado di controllo effimero. L’impotenza sequestra la capacità di pensare alternative, progettare secondo la nostra capacità di agire. Ci trasforma in un corpo vuoto in uno stato di indifferenziazione. Ripensando alla vita di prima non possiamo fare a meno di provare qualche nota di nostalgia che unisce due concetti, il dolore e il ritorno, il dolore del mancato ritorno: come nell’Odissea e il viaggio del suo protagonista che si strugge per la sua amata Itaca.

“Quando le onde tempestose hanno messo in pericolo la mia nave, quando i venti hanno spezzato i robusti alberi che reggevano le vele, il mio pensiero correva a Penelope che aspettava il mio ritorno e questo pensiero mi ha dato la forza di combattere le avversità con cui gli Dei, invidiosi dei miei successi, hanno voluto rendere difficile il mio ritorno.” Luigi Malerba, Itaca per sempre, 1997.

Se vi fa piacere potete mettere le vostre esperienze, i vostri pensieri o commenti nella “cassetta delle lettere” all’indirizzo vera.vaccari@outlook.it

Vera Vaccari

Il Poliambulatorio Fisio Line vi augura di trascorrere una serena Pasqua


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Articoli Correlati
Covid, Venturi ora si pente: 'Che errore il lockdown'
Politica
05 Giugno 2020 - 14:54- Visite:18610
Covid, l'esempio Svezia. La mascherina? Se toccata diventa infettante
Societa'
12 Novembre 2020 - 20:46- Visite:7904
Sassuolo, la compagna di Berardi dona 25mila euro per l'ospedale
La Provincia
08 Luglio 2020 - 19:10- Visite:5317
Dopo le ore 22 torna l'autodichiarazione per gli spostamenti
Societa'
06 Novembre 2020 - 15:56- Visite:4476
Lockdown inutile, Venturi dice la verità... l'ira di Bonaccini
Le Vignette di Paride
07 Giugno 2020 - 14:20- Visite:3831
'Caro Bonaccini, se lockdown deve essere che sia per zone'
Politica
31 Ottobre 2020 - 11:47- Visite:3826

A cura di - Articoli Recenti
L'orologio della vita: distribuzione ..
Il nostro organismo riesce a metabolizzare meglio i grassi nelle ore serali, ossia a cena, ..
21 Settembre 2021 - 13:47- Visite:529
L'orologio della vita: ormoni e ..
Una organizzazione precisa e meravigliosa che ci permette di vivere e non lascia spazio a ..
09 Settembre 2021 - 17:54- Visite:678
L'orologio della vita: dalla ..
La alimentazione deve rispettare le variazioni ormonali circadiane a cui è soggetto ..
06 Settembre 2021 - 18:04- Visite:845
Ecco perchè leggere ai bambini è ..
L’infanzia pensa e agisce continuamente moltissime cose anche minuscole, strane, a volte ..
26 Luglio 2021 - 23:26- Visite:660
A cura di - Articoli più letti
Il fegato grasso: lo stile di vita ..
Il fegato grasso è il primo segnale di possibili future malattie cardiovascolari ..
03 Marzo 2021 - 12:47- Visite:22448
Perchè non riusciamo a perdere peso?
La dottoressa Silvia Ariotti risponde ad alcune domande poste dai pazienti
23 Marzo 2021 - 07:14- Visite:5617
Rachialgia, come combattere il mal di..
Che cos’è e come prendersene cura. Approccio osteopatico e fisioterapico
06 Aprile 2021 - 08:10- Visite:2255
Le dermatiti del viso nell’era ..
La mascherina, con una azione di sfregamento e occlusione della nostra pelle, ha fatto ..
20 Aprile 2021 - 07:00- Visite:1488