Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
Aiutaci a mantenere gratuita La Pressa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
rubrichePressa Tube

'Chi è contro l'invio delle armi all'Ucraina vuole che si sottometta'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Dopo quello del Senato, Draghi incassa l'appoggio della Camera sulla risoluzione Ucraina, poi si rivolge a chi ha votato contro: 'Sulla pace posizioni inconciliabili. Per parlarne prima i russi devono fermarsi'. E sull'efficacia delle sanzioni tentenna: 'Mi dicono che lo sono'


Guarda i nostri video in anteprima, Iscriviti al nostro canale YouTube !

“C’è una fondamentale differenza tra due punti di vista. Il mio è che l’Ucraina si deve difendere, le sanzioni e l’invio di armi servono a questo. L’altro punto di vista è diverso: l’Ucraina non si deve difendere, non dobbiamo mandare sanzioni e armi, perché la Russia è troppo forte e allora perché combatterla, lasciamo che l’Ucraina si sottometta dopotutto, ma cosa vogliono questi…”.

Così il presidente del Consiglio Mario Draghi, nell’aula della Camera, dove è stata approvata la risoluzione Uraina con 410 voti favorevoli, 29 contrari e 34 astenuti si rivolge soprattutto a chi ha votato contro, in particolare all'invio di armi. Una semplificazione politica estrema che comunque viene salutata dall'applauso della maggior parte dei Deputati. Ma è agli onorevoli come Fassina, critico sull'invio alle armi e convinto che per la ricerca della pace ci siano altre vie, che Draghi si rivolge, replicando con un'altra semplificazione, che divide in due il dibattito, senza sfumature. 
“L’Italia e io cerchiamo questa pace, l’abbiamo cercata sin dall’inizio, ma per mettersi seduti e cominciare a delineare un piano di pace”, spiega il premier, “c’è una parte che oggi sta continuando a cercare una guerra, e cercando posizioni di vantaggio. Solo quando saranno state stabilizzate in Ucraina si potrà parlare di pace. L’altra parte, l’Ucraina, dice ‘prima ve ne dovete andare, poi cominciamo a parlare’, sono due posizioni inconciliabili”.

Alla domanda se le sanzioni siano efficaci, Draghi non esprime la sua visione ma quella che 'tutte le organizzazioni internazionali mi dicono, ho la sensazione da tutti i dati che siano molto efficaci e che diventino ancora più efficaci questa estate. Tutti i segnali che arrivano dalla Russia danno l’evidenza di una grande preoccupazione che sta crescendo”.


Intanto, però, c’è da fare i conti con l’emergenza legata al grano bloccato in Ucraina e che è necessario per il fabbisogno alimentare di molte parti del mondo, soprattutto dell’Africa: “La tragedia umanitaria che sta per abbattersi sui Paesi che hanno meno di tutto al mondo, su coloro che sono i più poveri, è colpa delle sanzioni e dell’Europa? – si chiede Draghi – No, la colpa è della Russia che ha dichiarato guerra all’Ucraina”.

IL TEMA DEI CONCIMI
Si deve “fare di tutto per evitare la tragedia di una crisi alimentare nel mondo. Ho sollevato il tema dei concimi tre mesi e mezzo fa con la Commissione europea e sto ancora aspettando una risposta, e lo solleverò nel prossimo Consiglio europeo”. Il presidente del Consiglio lo dice rispondendo a una sollecitazione di Alvise Maniero, deputato di Alternativa.



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Aiutaci a mantenere gratuita La Pressa

Pressa Tube - Articoli Recenti
Truffa fondi per la ricostruzione ..
Il 73enne indagato avrebbe appositamente predisposto e stipulato un falso contratto di ..
22 Giugno 2022 - 08:50
Covid, Sileri: 'Ci saranno altre ..
Ciò che alcuni isolati professionisti prospettavano all'inizio sta dimostrandosi realtà: ..
22 Giugno 2022 - 00:43
Risoluzione Ucraina: la maggioranza ..
Quattro risoluzioni di minoranza bocciate col voto contrario del governo e una di ..
21 Giugno 2022 - 19:25
Pressa Tube - Articoli più letti
Esplodono i contagi: è il fallimento..
Si continua viceversa la caccia al no-vax (il quale per ora continua a non infrangere alcuna..
29 Dicembre 2021 - 12:03
No al green pass, lavoratori uniti: ..
'L'articolo 1 della Costituzione oggi viene superato da un decreto che subordina il diritto ..
01 Ottobre 2021 - 21:13
'Green Pass, traditi da Stato e ..
I lavoratori di CNH senza Green Pass, a cui è negata la mensa, hanno ricevuto la ..
23 Settembre 2021 - 13:17
'Non tornerò al lavoro finchè sarà..
La testimonianza di Maria Sole Lanè, referente del gruppo 'La gente come noi' Emilia ..
24 Marzo 2022 - 12:08