La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
rubricheSenza Memoria

Ex Benfra, eterno ritardo

Data: / Categoria: Senza Memoria
Autore:
La Pressa
Logo LaPressa.it

Ennesimo rinvio nella conclusione dei lavori del sottopasso ex-Benfra. La riapertura, dopo 10 anni di stop e la riapertura dei cantieri, era prevista a gennaio


Ex Benfra, eterno ritardo

Dopo 12 anni dal primo progetto, 10 anni di stop ai lavori, ripresi esattaente un anno fa, l'11 aprile del 2018, il sottopasso ciclopedonale ex Benfra che già nei progetti del 1999 doveva collegare la parte nord (ex-Benfra) e sud (ex acciaierie), della fascia ferroviaria, all'altezza della casa museo Enzo Ferrari, doveva essere consegnato e aperto ai primi giorni di gennaio. Come riportato dal cartello di cantiere, esattamente 270 giorni dopo. Nell'autunno scorso l'avanzamento dei lavori, soprattutto sul lato ex acciaierie (dove il cantiere di fatto non era mai stato aperto), facevano pensare ad un completamento dell'opera. Anche il sindaco Giancarlo Muzzarelli, in due occasioni pubbliche, ne aveva annunciato l'apertura il 31 gennaio.

Ma il cantiere ha improvvisamente segnato una nuova nuova battuta d'arresto, proseguendo a passo lento ed oggi, ad un anno dalla ripresa dei lavori, 3 mesi dopo la data prevista per la chiusura del cantiere, la situazione è quasi ferma. 

Una storia lunga. travagliata e piena di zone d'ombra  quella che ha accompagnato quest'opera l'unica sopravvissuta nel deserto delle tante mai realizzate che sulla base del piano di riqualificazione della fascia ferroviaria lanciato nel 1999 dall'ex sindaco Giuliano Barbolini e dall'allora assessore comunale Palma Costi, doveva riqualificare (insieme alla realizzazione delle gronde nord e sud abbandonate definitivamente), l'intera ex area industriale. 

L'opera, avviata nei primi anni del 2000, seguì subito uno stop. Durato 12 anni. Fino alla decisione del Comune a rimetterci mano. L'appalto viene affidato cooperativa Edilterrazzieri (finanziatrice della campagna elettorale per la corsa a sindaco di Muzzarelli). Che dopo qualche mese denuncia difficoltà nel proseguire. Stop al cantiere per mesi, necessari affiché il comune avvi e completi le pratiche per riaffidare i lavori. Su indicazione della stessa ditta che aveva abbandonato l'opera il Comune affida alla cooperativa CLC di Livorno, la riapertura del cantiere. Ma la cooperativa toscana ncontra a sua volta nuove difficoltà che portano a nuovi rallentamenti. Causati anche da una serie di opere complementari dell'area che un privato doveva realizzare e senza il completamento dei quali l'area pubblica non poteva avanzare. Superata anche questa difficoltà le imprese hanno potuto continuare con l
’ultimo stralcio di lavori, relativo la realizzazione della rampa di collegamento e dell’ingresso dal lato sud (ex Acciaierie), con lavori di finiture interne del tunnel, dei due ingressi e delle due rampe ciclabili. Poi il rallentamento, che ha trascinato i ritardi fino ad oggi. 

Il sottopasso, progettato per consentire a pedoni e ciclisti di superare in sicurezza la linea ferroviaria Milano-Bologna rispetto al cavalcavia di Ciro Menotti, mancherà però di un elemento importante previsto nel primo progetto eliminato nel nuovo: l’ascensore per disabili e per tutte le persone con difficoltà di deambulazione che solo con grandi difficoltà potranno percorrere la lunga rampa di accesso e di uscita per superare un dislivello totale di 8 metri, 4 in discesa e 4 in salita. Un progetto rimasto orfano anche di una riqualificazione urbanistica che doveva fare risorgere dall’abbandono una intera area dove oltre alle nuove strade (gronde nord e sud) dovevano nascere nuove abitazioni, uffici, le nuove ex fonderie, ed una fermata del treno Modena-Sassuolo al servizio dei nuovi insediamenti. Di fatto, una città nuova che oggi doveva essere ricucita nelle sue aree e nei suoi comparti ma che, dal 1999, è rimasta nel cassetto. 




Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 


Senza Memoria - Articoli Recenti
Di Maio in seggio emiliano blindato ..
Il video di allora: 'Io col partito che in Emilia Romagna toglieva i bambini alle famiglie ..
30 Luglio 2022 - 20:24
Complanarina, nuovo rinvio: ..
Con l'ennesimo rinvio di un anno l'attuale sindaco conferma che dopo averla inserita come ..
14 Marzo 2022 - 10:02
Da oggi il Sert in via Nonantolana: ..
L'inaugurazione della nuova sede chiude una epoca in via Sgarzeria. Tra progetti rinviati, ..
01 Dicembre 2021 - 00:09
Modena, il grande progetto fallito ..
L'impianto doveva produrre riscaldamento al pari di 10.000 caldaie, compensando le emissioni..
21 Gennaio 2021 - 23:55
Senza Memoria - Articoli più letti
Lo scalo Merci: da Modena a Marzaglia..
L'infrastruttura ferma da dieci anni ha bloccato lo sviluppo e la ricucitura dell'asse ovest..
06 Agosto 2017 - 00:35
Ex diurno e Piazza Mazzini: dopo 16 ..
Bonaccini lo annunci? nel 2001, più di un milione di euro senza risultati
27 Aprile 2017 - 06:45
Il giorno in cui il PD disse si ad ..
Era il 2 aprile 2012. In Consiglio comunale, al documento che diede il via libera a 533 ..
25 Settembre 2017 - 02:55
Parco Ferrari, ritorna il tema della ..
L'occasione del concerto di Vasco è un modo per rispolverare il progetto del Wwf che ..
03 Maggio 2017 - 18:34