La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
rubricheSpazio alle Imprese

Ann Max, compie cinquant'anni: le radici dell'innovazione

La Pressa
Logo LaPressa.it

Enzo Colombini: 'Cinquant'anni vissuti intensamente'. Per la ricorrenza un libro di Alberto Crepaldi


Ann Max, compie cinquant'anni: le radici dell'innovazione

Ann Max ha festeggiato, presso la propria sede di via Baccelliera, il suo Cinquantenario. «Cinquant'anni vissuti intensamente», sottolinea Enzo Colombini, fondatore dell'azienda, «perché nei primi 20 anni di questa avventura c'era da rincorrere una domanda che pareva insaziabile e poi sono intervenute, più volte, trasformazioni radicali, accelerate da una competizione globale agguerrita, che abbiamo potuto affrontare non smettendo mai di innovare e puntando sulla qualità delle produzioni».

Dal garage accanto all'abitazione (1967), al laboratorio di via Saluzzo (1971), passando per il primo stabilimento produttivo a San Damaso (1974) ed arrivando alla sede di via Baccelliera costruita su un'area PIP assegnata dal Consorzio Aree Produttive, la storia cinquantenaria di Ann Max è caratterizzata da trasformazioni non solo “fisiche”, con cui la proprietà ha assecondato evoluzioni organizzative, di processo e di prodotto.

Basti pensare alla prima svolta dei Pirenei, tessuto garzato, leggero e caldo, messo sul mercato dai Colombini negli anni '70 dopo mesi di studi e test di mercato e che diventa il cuore della produzione per giubbotti e felperia.

Negli anni '80, con l'ingresso della seconda generazione, arriva una piccola rivoluzione: di pari passo con una radicale riorganizzazione commerciale messa in atto da Anna Maria Colombini, vien avviato il processo di informatizzazione aziendale. Voluto con forza da Massimo Colombini, consente di mettere a punto una regia unica di tutte le funzioni aziendali, riducendo così diseconomie, aumentando la produttività e la qualità dei capi.

Un ulteriore passaggio cruciale nella vita di Ann Max giunge, agli inizi degli anni '90, con la decisione dei Colombini di dare vita ad una produzione di maglieria. Il passo compiuto permette di aumentare con forza la penetrazione nei mercati esteri e di aprire le porte ad una successiva importante trasformazione, nella seconda metà degli anni '90: la produzione in proprio dei tessuti, per la quale si rendono peraltro necessari investimenti in macchinari e personale specializzato.

È la continua tensione dei Colombini a cercare nuove soluzioni e ad innovare, che conduce, nei primi anni del Duemila, alla scoperta di un prodotto – la lana cotta – che diviene il cavallo di battaglia delle produzioni di Ann Max.

Sul finire del 2008 arriva una virata a 180°: viene aperto uno spaccio aziendale, i riscontri sono molto positivi ed allora la proprietà decide di lanciarsi nel mercato del dettaglio con una propria griffe: Maria Bellentani. Il brand, nel giro di pochi anni, genera in Italia ed all'estero un business in parte inaspettato, che oggi rappresenta l'80 per cento del fatturato di Ann Max.

 

«Un esempio virtuoso di impresa famigliare, forma proprietaria troppo spesso criticata da ampi settori sia della letteratura economica sia dell'establishment politico-istituzionale», commenta l'economista Franco Mosconi nella prefazione del libro confezionato per l'occasione dal giornalista Alberto Crepaldi “ANN MAX. Cinquant'anni di una 'grande famiglia'. La forza di Ann Max, riporta l'autore, è stata anche quella di aver concepito l'organizzazione come, appunto, una 'grande famiglia: “una piccola comunità, più che una un'impresa fatta da rigide gerarchie”. E che progressivamente sarà presa sulle spalle della terza generazione, entrata in Ann Max negli ultimi anni.



Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
La 'bellessa' de La luna
Mod(en)a stile libero
19 Giugno 2017 - 14:49- Visite:11284
Carpi: il comparto moda guarda al futuro con il Polo della Creatività
Economia
10 Luglio 2017 - 09:39- Visite:4689
Il cambio di stagione e la felpa della Panini Volley
Mod(en)a stile libero
13 Maggio 2017 - 08:36- Visite:1521
Cronaca semiseria del mio incontro con un narcisista
Mod(en)a stile libero
24 Giugno 2017 - 19:50- Visite:1492
Moda Makers: il meglio della maglieria mondiale torna in mostra a ..
Economia
14 Maggio 2017 - 22:31- Visite:1191
Spazio alle Imprese - Articoli Recenti
Anziani, tanti puntano sulla spesa ..
Non solo anziani, perché in realtà il settore dell’e-grocery, ma anche quello del food ..
15 Ottobre 2019 - 12:55- Visite:142
Per 62% degli italiani la tecnologia ..
Ma c’è ancora timore per i dati personali
15 Ottobre 2019 - 12:52- Visite:82
Stampanti e fotocopiatrici: come ..
Bastano semplici accortezze per evitare sprechi, come per esempio abituarsi a stampare ..
09 Ottobre 2019 - 14:26- Visite:41
Washers: le rondelle modenesi che ..
Il titolare Gianluca Lambertini: 'Non è semplice ritagliarsi uno spazio importante in ..
04 Ottobre 2019 - 07:00- Visite:454


Spazio alle Imprese - Articoli più letti


Roadhouse Restaurant: apre nuovo ..
Nei primi otto mesi dell’anno sono stati 14 i nuovi ristoranti aperti dal gruppo ..
18 Settembre 2019 - 17:09- Visite:7939
Azienda agricola Cavazzuti, ..
Prima tappa del nostro viaggio che insieme a Confagricoltura Modena ci porterà in dieci ..
12 Aprile 2018 - 10:40- Visite:3677
Formigine: Tekapp ricerca tecnici ..
La nota azienda modenese con radici israeliane è in forte espansione. Il fondatore Daniel ..
05 Luglio 2019 - 11:04- Visite:1671
Le eccellenze dell'agroalimentare ..
Insieme a Confagricoltura Modena, sesta tappa del viaggio nelle aziende di qualità. ..
09 Ottobre 2018 - 01:24- Visite:1597