Mivebo
Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Mivebo
articoliIl Punto

Vasco Modena Park: dove eravamo rimasti?

La Pressa
Logo LaPressa.it

Archiviato il successo del Vasco Modena Park, Modena torna ad una realtà tutt'altro che superata e con tanti spunti positivi da applicare per migliorare la città: dalla sicurezza al degrado urbano


Vasco Modena Park: dove eravamo rimasti?

Lo abbiamo detto e riconosciuto. La macchina organizzativa del Vasco Modena Park ha girato alla perfezione. Regalando uno spettacolo unico. Complici, tutti gli ingranaggi che l'hanno fatta funzionare. Dal sistema della sicurezza, a quello di Protezione Civile fino ad un arrivare ad un sistema più ampio, meno identificabile e palpabile, ma evidente nei suoi effetti fondamentali: quello di una città che in tutte le sue anime, sociali, amministrative, politiche, ha dimostrato, anche pur nella diversità di pareri, approcci, valutazioni e considerazioni preliminari rispetto all'evento (e di cui Facebook è stato enorme grogiuolo e cassa di risonanza), di sapere procedere unita. Nella realtà. Quella vera. E di sapere giocare, soprattutto quando il gioco si fa duro. 

Oggi, archiviato tutto ciò, sarebbe bello che quella variopinta unità e quella maturità dimostrata nell'oasi fisica e temporale di quel concerto (e di tutto ciò che gravitava intorno ad esso), fosse replicata e trasposta nelle realtà.


Che è fatta di problemi enormi non risolti e ancora da affrontare; problemi che il grande circo di Vasco ha magicamente sospeso, in parte momentaneamente risolto, ma soprattutto nascosto, agli occhi non solo di Modena ma dell'Italia intera, sotto l'ombra di quel grande palco.  Problemi che levati i tendoni oggi riemergono in tutta la loro drammaticità.

Perché oggi, l'altra faccia della medaglia del successo e del trionfo ci mostra come ci sia voluto un concerto privato (perché anche se con un enorme impatto pubblico, di cui presto vorremmo avere costi e conti pubblici, di business privato si parla), per avere una città più ordinata e, soprattutto nei giorni precedenti, addirittura più pulita e meno degradata. Ci sia voluto un privato mordi e fuggi, bravissimo a distribuire i costi e a raccogliere gli utili, per garantire un sistema di videosorveglianza a riconoscimento facciale capace di incrociare i volti delle persone che transitano in zone sensibili con quelli dei data base delle forze di Polizia. Perché, e lo ricordiamo al Sindaco che oggi giustamente festeggia, ci sono aree dove gli spacciatori ed i clandestini sono immortalati prima dai telefonini dei residenti disperati che dagli occhi elettronici del Comune, pur presenti.

Perché ci sia voluto un concerto privato per fare sparire il degrado e per fare volatizzare l'accattonaggio molesto, le proteste dei richiedenti asilo, i richiedenti asilo stessi. Dove erano? Perché non ne abbiamo visto uno, nemmeno nell'area del concerto.
Perché ci sia voluta un'organizzazione privata (che sarebbe bello mostrasse i conti al pari del pubblico, anche solo per verificare quanto siano poca cosa i 440.000 euro, due euro a biglietto, che il Comune ha incassato rispetto a quanto è stato dato a Vasco e speso per quel concerto), per dare un senso ed una destinazione ad un parco della città che nella sua parte nord, dove sorgeva il grande palco, un 'senso, dopo 15 anni di dibattito e soprattutto nel dopo Vasco, un senso non ce l'ha'.

Perché ci sia voluto un concerto per vedere e sentire ragionare, discutere, scontrarsi e confrontarsi civilmente per giorni (anche se con toni a tratti accesi), migliaia di modenesi rispetto all'utilizzo di aree pubbliche, quando fino a ieri il dibattito su enormi comparti urbani pubblici della città abbandonati al degrado e all'insicurezza era (e speriamo non continui ad essere), ridotto a zero.

Perché ci sia voluto un concerto per vedere giovani operatori Hera (dalla quale oggi sarebbe bello sapere se le centinaia di tonnellate di plastica e di rifiuti ammassati in modi indifferenziato al Modena Park andranno, o siano andati tutti, nell'inceneritore o meno), distribuire sacchetti per la raccolta differenziata.  E che lascia stare che dentro un area con 220 mila persone in piedi fosse velleitario pensare si potesse realizzare.

E potremmo continuare. Perché oltre a quella realtà che quel concerto ci ha fatto sospendere e superare, oggi c'è la realtà stessa. Una realtà sulla quale non è lesa maestà per Vasco e tantomeno irriconoscenza verso un Sindaco che nelle 'sue' competenze, nei suoi diritti e nei suoi doveri, ha vinto la 'sua' sfida,  richiamare l'attenzione. Affinché anche solo un minimo delle cose che hanno funzionato in questa occasione, siano da oggi patrimonio di conoscenza, convivenza e confronto per migliorare anche solo un pochino una realtà, che soprattutto sul fronte della sicurezza, è tutt'altro che superata.

Gianni Galeotti  



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Onoranze funebri Simoni
Articoli Correlati
Sopravvivere al Vasco Modena Park
Che Cultura
16 Maggio 2017 - 14:27- Visite:13249
Vasco Modena Park: sabato niente funerali e cimiteri chiusi
Politica
28 Giugno 2017 - 18:27- Visite:11881
Vasco Modena Park, il bilancio dei 60 Vigili del Fuoco in servizio
La Nera
02 Luglio 2017 - 04:05- Visite:11624
Vasco Modena Park e quell'autostrada che fa paura
Che Cultura
26 Giugno 2017 - 08:09- Visite:11401
Vasco Modena Park, un modello per la sicurezza
Politica
04 Luglio 2017 - 20:38- Visite:10987
Vasco Modena Park: Ore 19, caos in viale Italia
Politica
26 Giugno 2017 - 22:54- Visite:10856

Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
Il Punto - Articoli Recenti
Violenza sulle donne, non basta una ..
Solo la scorsa settimana a Modena sono state uccise una madre, una moglie, una compagna e ..
25 Novembre 2021 - 20:37- Visite:1137
Velox Modena, 130 multe al giorno. Ma..
In base alla sentenza depositata il 10 novembre 2021, vi sono prove che il velox in ..
16 Novembre 2021 - 22:51- Visite:20613
Da domani Rossi non corre più... E ..
Col ritiro del Dottore si spegne l'ultimo rito collettivo pre-social, l'ultima occasione per..
14 Novembre 2021 - 16:24- Visite:1805
Green Pass, le contraddizioni di una ..
Il centrosinistra, che ha sempre cercato nella adesione popolare la linfa vitale alle ..
14 Novembre 2021 - 08:26- Visite:1757
Il Punto - Articoli più letti
Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla ..
La Coop utilizza l’intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36- Visite:65895
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi ..
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:64728
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0:..
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38- Visite:35437
Decreto antivirus demolito in 12 ore:..
Nessun limite agli spostamenti, treni regolari in ingresso e uscita, deroga dopo le 18 per i..
08 Marzo 2020 - 22:41- Visite:30275