La 'Bassa modenese' (Prima parte)
Ozonoterapia 2
Radio Birikina
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Ozonoterapia 2
rubricheSpazio alle Imprese

La 'Bassa modenese' (Prima parte)

La Pressa
Logo LaPressa.it

E' possibile iscriversi gratuitamente alla newsletter 'Aurora' per ricevere ogni settimana inediti articoli sul nostro territorio e sul mondo della casa


La 'Bassa modenese' (Prima parte)
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Se sei residente nelle zone di Modena, Bastiglia, Bomporto, Sorbara, San Prospero e Ravarino, attiva il servizio di newsletter Aurora (qui il link).

Il nostro Territorio, quello che comprende Bastiglia, Bomporto, Sorbara, San Prospero e Ravarino, fa parte della bassa modenese. Perchè si chiama così. Come nasce, quali sono le sue caratteristiche e le implicazioni sociali.  
 
UNA PIANURA DI ORIGINE ALLUVIONALE

La Bassa Modenese è una cosiddetta “pianura alluvionale”. Questo perché in origine essa era dominio di paludi, acquitrini e foreste fluviali.
Con l’avvento degli etruschi prese inizio una grande opera, volta a rendere ospitali e redditizie queste terre. Si tratta del controllo dei corsi d’acqua, opera proseguita poi pervicacemente dagli antichi romani fino alla caduta del loro impero.
Questa fondamentale impresa venne ripresa anni dopo dai frati benedettini, con l’edificazione delle possenti arginature fluviali che caratterizzano tuttora il nostro territorio.


Queste strutture antropiche avevano -ed hanno- la funzione di “canalizzare” i corsi d’acqua, impedendo loro di divagare in maniera naturale, con il risultato attraverso i secoli (è questo il rovescio della medaglia) di rendere “pensili” i grandi fiumi Secchia e Panaro. Ciò significa che il loro fondo si trova più in alto rispetto al terreno circostante.

UN PAESAGGIO RETICOLARE

Di aspetto reticolare, il paesaggio attuale -essenziale per la vita della Bassa Modenese- è frutto della colonizzazione romana e della sua cosiddetta “centuriazione”.
Esso comprende non solo i fossi per l’irrigazione e quelli per lo scolo delle acque piovane, ma anche le strade, i filari, le siepi, i canali vari, secondo uno sviluppo appunto reticolare, costituito da linee parallele e perpendicolari fra di loro. Non dimentichiamo tra l’altro che sin dall’antichità fiumi e canali sono stati, oltre che fonti di espansione, anche vie di comunicazione. Ci riferiamo al Canale Naviglio e ai fiumi Secchia e Panaro.

UNA VEGETAZIONE FONTE DI SVILUPPO

Com’è naturale, la vegetazione della nostra zona ha fortemente caratterizzato e condizionato il suo sviluppo sociale ed economico: quercia, olmo, vite, pioppo e salice di fiume sono i suoi principali alberi autoctoni.
L’abbondanza delle ghiande ha da sempre favorito la crescita del suino (porco e cinghiale); da cui la tradizione dell’allevamento del maiale, con i relativi insaccati famosi nel mondo.
Mentre le foglie dell’olmo servivano per nutrire il bestiame, il suo legno veniva utilizzato per la costruzione di mobili e per sorreggere la vite. Purtroppo questa pianta va scomparendo a causa di un fungo inestirpabile, che determina la “grafiosi dell’olmo”. Quanto al pioppo, esso è stato abbondantemente utilizzato dall’industria oltre ché come legno da costruzione.  Un cenno a parte merita il salice di fiume grazie alla sua rapida radicazione, che lo rende idoneo a consolidare le sponde dei fiumi.

Iscriviti GRATUITAMENTE alla news letter per ricevere ogni settimana interessanti ed inediti articoli sul nostro territorio e sul mondo della CASA. Riceverai anche la seconda parte dell’articolo CLICCA QUI.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Radio Birikina

Whatsapp
Spazio alle Imprese - Articoli Recenti
L’ipoacusia in Italia, i dati: quante persone soffrono di perdita dell’udito?
In generale, l’ipoacusia colpisce indipendentemente dall’età
10 Giugno 2024 - 16:55
Quali sono i fiori più belli da regalare alla persona che si ama
I fiori sono una delle forme più antiche e universali di espressione romantica
10 Giugno 2024 - 10:34
Compro oro fraudolenti: come essere sicuri nella vendita di oro e gioielli usati
Il settore della compravendita di oro e metalli preziosi usati è soggetto a una rigida ..
07 Giugno 2024 - 13:42
Quanti siti web esistono? Il numero è sorprendente
Se il sito creato da Tim Berners-Lee è stato il primo al mondo, non ci sono voluti molti ..
06 Giugno 2024 - 23:14
Spazio alle Imprese - Articoli più letti
Roadhouse Restaurant: apre nuovo locale a Rovereto, in Trentino
Nei primi otto mesi?dell'anno sono stati?14 i nuovi ristoranti aperti dal gruppo Cremonini
18 Settembre 2019 - 17:09
Azienda agricola Cavazzuti, tradizione e cura per produrre eccellenza
Prima tappa del nostro viaggio che insieme a Confagricoltura Modena ci porterà in dieci ..
12 Aprile 2018 - 10:40
Quali sono gli psicologi più richiesti?
Un professionista di questo tipo deve formarsi in maniera praticamente costante, in modo da ..
16 Giugno 2023 - 06:00
Azienda agricola Giovanni Solmi, storia e futuro della ciliegia IGP
Quarta tappa del nostro viaggio nel mondo delle aziende Confagricoltura Modena, eccellenze ..
24 Luglio 2018 - 00:20