La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
rubricheSpazio alle Imprese

La metalmeccanica modenese secondo Antonella Carani

Data: / Categoria: Spazio alle Imprese
Autore:
La Pressa
Logo LaPressa.it

‘Tagli all’alternanza scuola-lavoro e assenza di una politica dedicata alle grandi opere: così non va’


La metalmeccanica modenese secondo Antonella Carani

L’industria modenese è da sempre uno dei motori trainanti dell’economia modenese, forte di una grande tradizione come di una spinta costante data dai tanti imprenditori e imprenditrici che la caratterizzano.

Una di queste imprenditrici è Antonella Carani, titolare di CME srl, che abbiamo intervistato per parlare dello sviluppo del settore e dell’alternanza scuola-lavoro.

Antonella, cosa ne pensi della situazione del mercato?

La mia azienda è strettamente legata al settore edile, che come tutti sanno è in crisi ormai da tempo. Non esistendo in Italia una politica rivolta alle grandi opere e alla conservazione del costruito la situazione rimane stagnante. Un grosso dispiacere ovviamente, soprattutto considerato che tante aziende nostrane lavorano soprattutto all’estero per poter andare avanti. L’apparato burocratico italiano è un labirinto in cui le grandi opere vanno a morire.

Burocrazia e mancanza di opportunità: esistono altri problemi?

Sicuramente la mancanza di manodopera specializzata. È un tema davvero forte, di cui si parla tanto ma per cui fondamentalmente si fa pochissimo, anzi, si fanno passi indietro! Manca dunque il personale specializzato, di cui le aziende hanno disperatamente bisogno e che quando esiste viene conteso da tutti, come fosse calcio mercato. Ora che il governo ha anche drasticamente tagliato i fondi e le ore dell’alternanza scuola-lavoro tremo all’idea del personale che avremo fra qualche anno.

Il tema dell’alternanza scuola-lavoro è stato molto discusso negli ultimi tempi, quale sarebbe la “formula” giusta per te?

Sicuramente non quella affrontata dal governo, che si dimostra sempre più sordo alle richieste e alle esigenze dei metalmeccanici, tra l’altro una delle categorie più forti in Italia in termini di numero. Come si può pensare di puntare allo sviluppo del settore, all’aumento dei posti di lavoro e quindi a minore disoccupazione se si allarga ancora di più il gap tra scuola e lavoro? I giovani si ritroveranno sempre più estranei a questo mondo e ci metteranno ancora più tempo a specializzarsi, ovviamente a spese dell’azienda. La mia forse è un’utopia, ma penso che la formula giusta sarebbe aumentare il monte ore di anno in anno, con un tipo di percorso che preveda la presenza continua del ragazzo nella stessa azienda. Inoltre le imprese che accolgono gli studenti dovrebbero avere forti sgravi fiscali come incentivo, d’altronde la spesa investita nella formazione dovrebbe essere recuperata in qualche modo, altrimenti come si può pensare di poter “contribuire alla causa”?

Cosa ne pensi invece dell’avvento dell’industria 4.0?

Si tratta ovviamente di una novità a cui dobbiamo abituarci, perché non sarà una moda passeggera. In realtà penso che porterà ad un’eventuale sviluppo, ma considerando che le aziende del nostro paese sono prevalentemente piccole medie imprese manifatturiere, mi piacerebbe vedere il valore aggiunto che l'industria 4.0 può dare (affiancato ad una forte investimento sulla formazione professionale vera). Troppo spesso dimentichiamo che il nostro paese è stato per tantissimo tempo eccellenza sul manifatturiero proprio grazie alle nostre capacità professionali. Non dico assolutamente che dovremmo fare un passo indietro, anzi, ma che bisognerebbe pensare anche ad un modo per preservare quelli che io definisco imestieri, insegnandoli ai giovani e portando avanti aziende che probabilmente moriranno quando gli attuali imprenditori andranno in pensione.

Oltre al governo, chi potrebbe intervenire?

Sicuramente gli imprenditori stessi. Seguendo la logica della rete d’impresa, quella fatta bene, le aziende potrebbero sicuramente crescere e magari sanare un mercato incerto. Insieme si è più forti!Purtroppo la visione non è esattamente questa: l’imprenditore, piccolo/medio, ora, pensa solo a come mantenere i suoi fatturati. Questo non gli permette di avere una visione larga e completa della situazione. Io punterei su questo per andare avanti: imprese unite e forti e un mercato più stimolato dalle opere pubbliche.



Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione poli..   Continua >>


Profilo Facebook di Redazione La Pressa Profilo Google+ di Redazione La Pressa Profilo Twitter di Redazione La Pressa Profilo Linkedin di Redazione La Pressa Profilo Instagram di Redazione La Pressa Indirizzo Email di Redazione La Pressa 


Articoli Correlati


Muzzarelli, quella 'grave leggerezza' su Caliendo impone il sì alle ..
Politica
05 Novembre 2017 - 23:08- Visite:5769
Ecco la marcia in più di Muzzarelli: al top per consumo di suolo
Il Punto
11 Dicembre 2017 - 09:32- Visite:1418
Ex stazione messa in sicurezza con gli indennizzi post-sisma
La Provincia
21 Maggio 2018 - 15:34- Visite:1082
Dopo vent'anni di nulla, maxi buco del Policlinico è stato ricoperto
Politica
27 Febbraio 2019 - 13:58- Visite:1019
CME: in miniera e in cava con la divisa Erreà
Spazio alle Imprese
30 Gennaio 2019 - 16:15- Visite:358
Spazio alle Imprese - Articoli Recenti
L’assicurazione sanitaria: ecco come ..
Margherita Tosi, sub agente di Allianz ci spiega quali sono i vantaggi: ..
11 Giugno 2019 - 10:48- Visite:239
ITS Maker: la formazione al servizio ..
Azienda, Federica Gherardi, Responsabile di ITS Modena: 'Colmiamo il gap ..
29 Maggio 2019 - 13:46- Visite:260
Gianluca Lambertini e l’avventura di ..
La storia di una realtà produttiva locale che ha avuto il coraggio di ..
20 Maggio 2019 - 08:00- Visite:267
Giuliano Parmeggiani: 'Ho scelto ..
'Trovare prodotti realmente genuini è complicato se non si ha il tempo di ..
16 Maggio 2019 - 09:40- Visite:398

Contattaci

Spazio alle Imprese - Articoli più letti


Azienda agricola Cavazzuti, tradizione e..
Prima tappa del nostro viaggio che insieme a Confagricoltura Modena ci ..
12 Aprile 2018 - 10:40- Visite:3426
Ann Max, compie cinquant'anni: le radici..
Enzo Colombini: 'Cinquant'anni vissuti intensamente'. Per la ricorrenza un ..
27 Ottobre 2017 - 13:14- Visite:1463
Le eccellenze dell'agroalimentare ..
Insieme a Confagricoltura Modena, sesta tappa del viaggio nelle aziende di ..
09 Ottobre 2018 - 01:24- Visite:1441

Feed RSS La Pressa

Contattaci

Feed RSS La Pressa

Contattaci