Nessun debito
Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Nessun debito
articoliEconomia

ModenaFiere, 'grave' perdita da oltre un milione di euro, il Comune socio attende e spera

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il 2020 ha registrato, nella società partecipata dal Comune di Modena, un crollo dei ricavi del 65%. L'amministrazione comunale sceglie di non modificare la sua quota aspettando un piano di risanamento


ModenaFiere, 'grave' perdita da oltre un milione di euro, il Comune socio attende e spera

Cinque amministratori, nove dipendenti, una partecipazione del Comune di Modena al 14,6% e una perdita registrata nell'esercizio 2020 (e giudicata 'grave' dallo stesso Comune), pari a un milione e 139 mila euro, causa un crollo dei ricavi, nel 2020 rispetto al 2019, del 65%. E' una delle più desolanti fotografie nell'elenco di quelle relative alle società partecipate del Comune di Modena, quella che immortala lo stato di ModenaFiere S.r.l., la società controllata, con il 51% delle quote, da Fiere Internazionali di Bologna S.p.a. Dati, quelli emersi dalla documentazione preliminare alla discussione in Consiglio Comunale sulla situazione delle società partecipate e sulla presenza del Comune in esse, che risentono certo degli effetti della pandemia, ma che preoccupano soprattutto alla luce della mancata ripresa che in un contesto seppur difficile, la realtà modenese ha avuto rispetto ad altri poli fieristici.
Nonostante gli sforzi per garantire accessi e frequentazione nella massima sicurezza. Skipass, l'ultima manifestazione organizzata che doveva essere simbolo della ripresa, ha avuto caratteristiche e risultati al di sotto delle aspettative mentre bisognerà aspettare febbraio con Modena Antiquaria per vedere nuovamente attivo il quartiere fieristico che contestualmente soffre di una carenza infrastrutturale. A partire dai parcheggi, ancora inadeguati per eventi anche di medio livello, sia in termini di spazio che di manutenzione. Insomma, quella di Modena appare sempre più in ciò che negli ultimi anni è stata: una realtà schiacciata tra Bologna e Parma, geograficamente e strutturalmente satellite del capoluogo di regione dalla quale di fatto dipende anche in termini di quote societarie.

Una condizione che vincola in negativo il Comune di Modena che pur giudicando grave la perdita della società, conferma di avere scarsa autonomia e soprattutto peso nelle decisioni finanziarie e strategiche. Da un lato - si legge nella documentazione del Comune 'non sussiste un obbligo giuridico di concludere patti parasociali fra i soci pubblici, e il socio di maggioranza: i soci pubblici di Fiere internazionali di Bologna S.p.a hanno escluso la possibilità di procedere alla formalizzazione di vincoli legali, statutari o accordi parasociali con i soci pubblici di ModenaFiere'; dall'altro, Modenafiere non è qualificabile quale società “a controllo pubblico” per l'impossibilità dei soci pubblici di incidere sulle decisioni finanziarie e strategiche'.

In conclusione, lo spazio di manovra, da parte di soci che non siano quello di maggioranza, è scarso, e in casi come questo, in una prospettiva di miglioramento legata ad una uscita dall'emergenza pandemica rinviata ormai di anno in anno, è forse opportuno fare, come si suol dire semplificando, di necessità virtù. Confermando la partecipazione attuale del Comune sperando che la prossima stagione 2022 possa riportare ai livelli pre-pandemia, 'rinviando così ad un momento successivo l'adozione di un piano di riassetto della partecipazione in ModenaFiere S.r.l., nell'attesa di valutare il programma pluriennale di risanamento societario, da predisporre a cura del Consiglio di Amministrazione, e la sua idoneità ad assicurare la continuità aziendale ed il celere raggiungimento dell'equilibrio finanziario'

Gi.Ga.


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Onoranze funebri Simoni

Economia - Articoli Recenti
Tra mascherine e tamponi le famiglie ..
'Costi di mascherine e tamponi dovrebbero essere a carico del Servizio Sanitario Nazionale ..
21 Gennaio 2022 - 12:18- Visite:361
Turismo solo in appennino, crollo ..
Il desolante quadro tracciato da Federica Marcacci, presidente di Turismo Licom: 'La neve ..
19 Gennaio 2022 - 13:28- Visite:524
Fiera S.Antonio, Confesercenti e ..
La fiera si è svolta in sicurezza e con il rispetto delle regole. Un risultato importante ..
18 Gennaio 2022 - 11:58- Visite:348
Confagricoltura: 'Peste suina, ora un..
L'associazione di agricoltori sui rischi dell'infezione suina. Da Golinelli (Lega) appello ..
15 Gennaio 2022 - 22:12- Visite:1759
Economia - Articoli più letti
Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla ..
La Coop utilizza l’intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36- Visite:66318
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi ..
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:65072
Bper, correntisti ex dipendenti ..
'Se Bper non manifestasse un reale interesse a mantenere le migliaia di correntisti tra ..
03 Dicembre 2019 - 17:52- Visite:36258
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0:..
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38- Visite:35700