La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
articoliOltre Modena

La storia: Amor di padre minacciato dalla suocera

La Pressa
Logo LaPressa.it

L'incredibile battaglia di Luca Cioffo e della sua 'guerra' (vinta), per riavere la sua famiglia


La storia: Amor di padre minacciato dalla suocera

“Condanno la violenza sulle donne, ma condanno anche la violenza inferta dalle donne”. Quella violenza che per Luca Cioffo, 42 anni, originario di Caserta ma sempre diviso fra Emilia Romagna e Andalusia, fra politica ed imprenditoria con un passato politico nell'Udeur di Mastella come sottosegretario al Ministero della giustizia e commissario Regionale Emilia Romagna, è meno percepibile, se vista da fuori, perché più sottile, perché espressa sul piano psicologico, ma per questo capace di fare ancora più male, nel tempo, anche di quella fisica.
Quella violenza che spesso allontana gli affetti, quella che dipinge come mostri uomini che non lo sono, quella che fa perdere ai bambini i loro papà. Facendoli dimenticare, anzi rimuovere. Forzatamente, in modo innaturale.

E' in questo genere di violenza subita che si inquadra la storia che Luca Cioffo ha raccontato a La Pressa, rivolgendosi con un appello pubblico direttamente a quella che lui denuncia essere la fonte di questa violenza, la suocera. La sua è una storia vera, anche se a tratti incredibile e che abbiamo scelto di raccontare non solo perché Luca ha scelto La Pressa per diffondederla ma perché emblematica proprio di quella violenza che troppo spesso fa da contorno alle storie di uomini che pur sbagliando come uomini, non vogliono sbagliare come padri o almeno, per i loro figli, vogliono esserci. Sempre. E che, come è accaduto a Luca, vogliono continuare a battersi non solo per  loro, ma per la loro famiglia. Luca oggi ha vinto la sua battaglia, contro sé stesso, contro il mondo intero perché può sorridere abbracciando orgogliosamente sua moglie e sua figlia. In un normale quadretto di famiglia, si direbbe, ma che normale non è. Almeno per Luca. Perché frutto di 7 ultimi anni di inferno e di lotta.

Siamo nel 2011, quando dopo la separazione dalla prima moglie dalla quale ha avuto due figli, Sonny e Jennifer, Luca Cioffo conosce Lizandra. I due si innamorano, e nonostante l'opposizione della madre di lei, cubana trasferitasi a Novi di Modena dove ha sposato un imprenditore locale, la frequenta. Dal loro amore nasce la prima bambina. Da qui il dramma. Quello del carcere che Luca non nasconde e non rimuove, anche se simbolo di un periodo buio, perché le accuse nei suoi confronti cadranno. Ma il periodo di detenzione che dovrà scontare rimarrà lunghissimo: 2 anni e 2 mesi. Periodo durante il quale Luca fa di tutto per continuare almeno vedere figlia e compagna. Non vuole perdere il contatto con loro, e con il cuore e con il volto, di sua figlia. Non accetta che lei possa dimenticare la sua figura, la sua presenza ed il suo amore di padre. Ma la madre della sua campagna  (nonna della bambina) sembra volere il contrario. Fa di tutto perché i rapporti di Luca nei confronti della figlia e della nipote cessino, avendo dalla sua parte (mano a mano che il tempo passa e le mura del carcere separano dalla vita che ci sta fuori), anche la sua che Lizandra che insieme alla sua banbina vive con la madre e con il marito di circa 20 anni più grande, in un'appartamento di Novi di Modena. Dove nel quotidiano Luca viene dipinto agli occhi della bambina e di Lizandra come un mostro da allontanare e con il quale non dovere avere più nulla a che fare. Luca racconta di bugie raccontate alla alla figlia, sua compagna, e successivamente la piccola. Racconti degradanti e diffamanti nei suoi confronti che conta i giorni in prigione, che mano a mano plagiano la giovane Lizandra, 'raggirata' - racconterà Luca - dai racconti della madre che la convince a chiedere la revoca della patria potestà. Tentativo inutile. Non ci sono i presupposti. Luca continua a dimostrare tutto l'interesse e l'amore per la figlia e la patria potestà rimane. 'Contestualmente - racconta Luca - nella casa in cui vivono Lizandra e ma figlia i crea una situazione particolare. Mia suocera ospita nella stessa casa, sua sorella responsabile di diversi reati nel suo paese legati alla prostituzione e che le sono costati 4 anni di carcere' 

'Vivevo in un incubo, nel non potere vedere mia figlia nel pensarla, insieme alla mia compagna, in un contesto per me ostile e dannoso che faceva di tutto per escludermi e per eliminarmi. Senza che io potessi dimostrare ciò che sentivo e ciò provavo. E' stata una violenza davvero inaudita, roba da impazzire, ma non mi sono dato per vinto, ho mantenuto la calma ed ho aspettato il corso della giustizia per tornare libero. Ho chiesto ed ottenuto di potere vedere regolarmente mia figlia, anche se con tempi e modi dettati e monitorati dal giudice e dagli assistenti sociali, ai quali esprimo il mio ringraziamento per la professionalità e la sensibilità usata in ogni momento della mia vicenda'

Luca prova a riprendersi quella vita, anche professionale, che il carcere ha interrotto, ed il lavoro lo porta a ripartire dalla sua seconda terra, Marbella, in Spagna, dove è socio con Carlos De Sola Earle in alcune cliniche estetiche private. Nonostante la distanza non vuole rinunciare a vedere la figlia e una volta la settimana, per un anno e mezzo, prende un volo dalla Spagna a Roma e in auto da Roma a Novi di Modena, con ritorno il giorno seguente per stare con la sua bambina soltanto un ora.

“Oltre ad una grande spesa un grande stress, ma frutto di uno sforzo di cui non mi pento e che rifarei”. Una grande dimostrazione di amore che tocca gli assistenti sociali e tutti coloro che vedono lo sforzo enorme di quel padre che vuole continuare ad essere tale per sua figlia. Uno sforzo dettato dall'amore grande al punto che anche la suocera sembra abbandonare atteggiamenti ostili. Luca è un bravo imprenditore, politicamente esposto e conosciuto, in grado di mantenere da solo la famiglia. 'Anche questo elemento evidentemente non è sfuggito a mia suocera - che dall'ostilità nei miei confronti è arrivata a chiedermi e ad accettare un aiuto economico per avviare un'attività in centro a Carpi, e risolvere alcune problematiche legate ad un’altra attività avviata nel centro italia ma sull'orlo del fallimento'. E che solo grazie all'intervento di Luca riesce a salvare.  'Nell’estate del 2017 go anche pagato a lei, a suo marito e alle due sue sorelle vacanza sontuosa. Mi ritrovai ad essere per lei un bancomat personale' – afferma Luca.

Nel frattempo Lizandra decide di sancire l'amore ritrovato. Lei e Luca decidono di avere un altro bambino, dopo una memorabile richiesta di matrimonio fatta sulla spiaggia di Marbella.  Ma di questa situazione la suocera sembra l’unica a non essere felice. Il bambino nasce. Il secondo figlio di Luca e Lizandra, che oggi ha 4 mesi. La famiglia si ricompone, e si allarga con l'arrivo di un'altra creatura 'ma questo e chissà cos'altro - afferma Luca  - riaccende l'atteggiamento ostile di mia suocera che continua a fare pressioni affinché la figlia mi lasci, diffamandomi con offese a conoscenti in comune'. Luca non se ne capacità, nessuno se ne capacita. 'Come ho sempre fatto ho mantenuto la calma ed il profilo basso, senza successo. L'ostilità di mia suocera verso di me non si è fermata. Alcuni amici hanno anche provato a parlare con lei ma senza risultati. La mia vita è tornata ad essere bersaglio dei suoi attacchi. Io non voglio denunciare nessuno - afferma Luca – nemmeno perché farei del male a Lizandra, la donna che amo. E' sua madre e nonna di mia figlia che comunque la vedeva come una persona buona. Io invece, da quella donna, ho ricevuto solo male. Oggi ho solo un desiderio che voglio esprimere pubblicamente. Quello di essere lasciato in pace da lei, con la preghiera che ci lasci vivere la nostra vita”

Nella foto, Luca e Lizandra

Gi.Ga.



Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
Marcia indietro Feltrinelli sui papà, vince la nonna coraggio
Societa'
18 Marzo 2019 - 21:30- Visite:5429
Città sane, Muzzarelli consola anche Guadagnini. Urbelli unica ..
Politica
15 Giugno 2019 - 07:17- Visite:1840
Padri separati, apre a Modena la 'Casa di papà'
Societa'
21 Ottobre 2018 - 07:51- Visite:1224
Vignola, rivoluzione al nido a...'piccoli passi'
La Provincia
10 Luglio 2018 - 15:37- Visite:850
Festa del papà
Le Vignette di Paride
19 Marzo 2018 - 13:49- Visite:782
Oltre Modena - Articoli Recenti
Conte in diretta: dal 15 giugno ..
Il premier conferma le aperture dal 18 maggio, regolate dalle regioni. Fino al 3 giugno ..
16 Maggio 2020 - 21:56- Visite:942
Il Ministro si commuove e annuncia: ..
Durante la conferenza stampa del governo sul decreto rilancio:
13 Maggio 2020 - 21:18- Visite:411
Permessi di soggiorno immigrati, ..
'Voglio sottolineare un punto per me fondamentale, l'emersione dei rapporti di lavoro. Da ..
13 Maggio 2020 - 21:10- Visite:4751
Decreto Rilancio: 25,6 miliardi per ..
Oltre a 15 miliardi per le imprese. Alcuni provvedimenti contenuti nel documento varato dal ..
13 Maggio 2020 - 20:40- Visite:749

Lieti eventi - La Pressa

Oltre Modena - Articoli più letti


La pandemia globale di Coronavirus? ..
E' tutto ancora on line. Il John Hopkins Center for Health Security con il World Economic ..
03 Marzo 2020 - 09:43- Visite:59879
E' morto Riina: manifesto funebre ..
Il manifesto funebre è apparso tra le strade del centro di Ercolano
17 Novembre 2017 - 17:37- Visite:30370
Orrore a Reggio, lavaggi cervello per..
Anche il sindaco di Bibbiano, Andrea Carletti, è agli arresti domiciliari. I minori ..
27 Giugno 2019 - 10:43- Visite:20897
Edicola La Rotonda, l'appello del ..
Petizione per Domenico Di Maiolo, 'Sono disperato, introiti crollati da quando Conad vende i..
01 Novembre 2017 - 19:22- Visite:20361