La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
articoliOltre Modena

Le sanzioni alla Russia non sono solo questione economica

La Pressa
Logo LaPressa.it

La visita del presidente russo Vladimir Putin in Italia ha riportato al centro dell'attenzione la questione delle sanzioni alla Russia


Le sanzioni alla Russia non sono solo questione economica


La visita del presidente russo Vladimir Putin in Italia ha riportato al centro dell'attenzione la questione delle sanzioni alla Russia. Durante la conferenza stampa a Palazzo Chigi, il presidente del consiglio Giuseppe Conte si è detto favorevole alla rimozione delle sanzioni, a patto che si creino le condizioni favorevoli per un tale sviluppo.
Già durante il suo discorso d'insediamento al Senato, Conte si disse favorevole a una revisione del regime sanzionatorio, con lo scopo ultimo di normalizzare le relazioni tra Unione Europea e Russia.
L'opposizione alle sanzioni è sempre stata molto forte nel nostro paese. Il leader della Lega Matteo Salvini, prima di diventare ministro degli interni, manifestò esplicitamente in numerose occasioni la sua contrarietà alle sanzioni. Ma sono soprattutto gli imprenditori del settore agro-alimentare ad essere molto critici. Le sanzioni dell'Unione Europea e degli Stati Uniti hanno scatenato, come ritorsione, le controsanzioni del governo russo, ovvero l'embargo dei prodotti agro-alimentari europei, ed è proprio questo embargo che danneggia le esportazioni italiane.
Chi auspica la rimozione delle sanzioni lo fa sulla base di un ragionamento economicistico: esse vanno tolte perché danneggiano l'economia italiana e non ci permettono di esportare i nostri prodotti in Russia, facendoci perdere un sacco di soldi.

Questa osservazione è legittima e corretta, nel senso che le sanzioni – quindi le conseguenti controsanzioni – hanno chiuso le porte del mercato russo ai ricercati prodotti agro-alimentari italiani.
Tuttavia, tale interpretazione economicistica è estremamente riduttiva e pericolosamente fuorviante. Essa infatti distoglie l'attenzione dall'evento che ha generato le sanzioni: l'invasione russa della Crimea nel febbraio 2014 e la successiva annessione. La Russia ha violato militarmente i confini dell'Ucraina – quindi la sua sovranità – e ha annesso la Crimea. Non bisogna mai dimenticare che la Russia è stata sanzionata per questa aggressione militare che ha prodotto de facto una modificazione dei confini dell'Ucraina attraverso l'uso della forza.
Le motivazioni strategiche alla base di tale aggressione e i tentativi russi di legittimare l'annessione sono irrilevanti. Il punto è che – per la prima volta dal 1945 – i confini di uno Stato europeo sono stati modificati con la forza. Ciò ha annullato la sovranità dell'Ucraina e messo in discussione la lunga pace europea che dura da tre quarti di secolo, quindi la sicurezza e la stabilità del continente.
Rimanere inermi di fronte all'invasione della Crimea avrebbe significato legittimare la modificazione dei confini di uno Stato europeo con la forza. Sdoganare azioni aggressive di questo tipo potrebbe avere conseguenze imprevedibili potenzialmente in grado di porre fine alla lunga pace.
Rimuovere le sanzioni solo perché queste hanno danneggiato le esportazioni italiane – ignorando il fatto che la Russia ha invaso l'Ucraina - significa darla vinta alla Russia, cioè legittimare la sua aggressione militare e riconoscere l'annessione della Crimea.
In ogni caso, ammettiamolo, l'Italia in questa vicenda ha un potere negoziale irrisorio. Non siamo tra i firmatari del Protocollo di Minsk II, dalla cui implementazione dipende il rinnovamento o meno delle sanzioni alla Russia.
È chiaro quindi che la questione delle sanzioni non ha a che fare solo ed unicamente con gli scambi commerciali tra Italia e Russia. Vale la pena ripeterlo, questo punto di vista è estremamente riduttivo ed ignora totalmente la vera posta in gioco, cioè la sicurezza e la stabilità dell'Europa e la legittimazione dell'uso della forza nelle relazioni tra Stati europei.
Massimiliano Palladini

Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
Sassuolo, Martinelli fallisce: Menani propone ricollocazione in Russia
La Provincia
30 Luglio 2019 - 13:19- Visite:6838
Salvini, quanta pochezza internazionale: scaricato da Usa e Russia
Parola d'Autore
28 Agosto 2019 - 14:16- Visite:2022
Fallimento Martinelli, Menani insiste: 'La Russia era una ..
La Provincia
31 Luglio 2019 - 12:51- Visite:1371
Coronavirus: la Russia vieta l'ingresso a tutti i cinesi
Oltre Modena
19 Febbraio 2020 - 11:22- Visite:1192
Forza Italia, cena di corrente: partito unico Lega-Fi alle Regionali?
Politica
14 Giugno 2019 - 16:57- Visite:1145
Esplosione a impianto gas in Austria, stato di emergenza in Itala. ..
Politica
12 Dicembre 2017 - 18:29- Visite:1073
Oltre Modena - Articoli Recenti
Esplosioni a Beirut, decine di morti...
La prima esplosione su una nave con un carico di fuochi d'artificio, coinvolto poi un ..
04 Agosto 2020 - 21:42- Visite:336
Ustica e Strage di Bologna, ..
'Il ricordo delle vittime innanzitutto, di quel che è avvenuto per essere vigili, per ..
30 Luglio 2020 - 14:24- Visite:383
Sondaggio: il Pd continua a ..
Ma nell'ultima settimana è il M5S ad aver registrato l'incremento maggiore (+0,4%)
24 Luglio 2020 - 17:54- Visite:667
Recovery fund, accordo raggiunto ..
All'Italia andrebbe il 28%, pari circa a 209 miliardi. Tutti soddisfatti. Per Conte si ..
21 Luglio 2020 - 08:24- Visite:300

Lieti eventi - La Pressa

Oltre Modena - Articoli più letti


La pandemia globale di Coronavirus? ..
E' tutto ancora on line. Il John Hopkins Center for Health Security con il World Economic ..
03 Marzo 2020 - 09:43- Visite:64246
E' morto Riina: manifesto funebre ..
Il manifesto funebre è apparso tra le strade del centro di Ercolano
17 Novembre 2017 - 17:37- Visite:30789
Orrore a Reggio, lavaggi cervello per..
Anche il sindaco di Bibbiano, Andrea Carletti, è agli arresti domiciliari. I minori ..
27 Giugno 2019 - 10:43- Visite:21378
Edicola La Rotonda, l'appello del ..
Petizione per Domenico Di Maiolo, 'Sono disperato, introiti crollati da quando Conad vende i..
01 Novembre 2017 - 19:22- Visite:20732