Comunità Ucraina in piazza: 'Grazie Italia'
Giacobazzi
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Giacobazzi
articoliSocieta'

Comunità Ucraina in piazza: 'Grazie Italia'

Data: / Categoria: Societa'
Autore:
La Pressa
Logo LaPressa.it

Corteo in via Emilia centro e presidio con inni, canti e preghiere in piazza Matteotti. Imbarazzo per la presenza di bandiere e striscioni inneggianti il battaglione Azov


  • Comunità Ucraina in piazza: 'Grazie Italia'
  • Comunità Ucraina in piazza: 'Grazie Italia'
  • Comunità Ucraina in piazza: 'Grazie Italia'
  • Comunità Ucraina in piazza: 'Grazie Italia'
  • Comunità Ucraina in piazza: 'Grazie Italia'
  • Comunità Ucraina in piazza: 'Grazie Italia'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'Il mese di febbraio ci ricorda due tristi capitoli della storia contemporanea che hanno scosso le fondamenta della pace e della sicurezza internazionale. Due importanti anniversari: 20 -27 febbraio 10 anni dal primo attacco alla libertà di un paese sovrano con l’occupazione illegalmente della Crimea e 24 febbraio 2 anni dell'aggressione russa contro l'Ucraina su larga scala, hanno scatenato una crisi che ha lasciato cicatrici profonde nella regione e nel mondo intero'. Ad affermarlo, richiamando una guerra che non è iniziata due anni fa ma - dice - è iniziata nel 2014, la rappresentante della comunità Ucraina di Modena, al microfono, davanti alle circa 300 persone che hanno sfilato in corteo oggi pomeriggio, partendo dalla chiesa in corso Cavour, percorrendo una affollata via Emilia centro, per arrivare, intorno alle ore 17, in piazza Matteotti, dove sono stati intonati, oltre all'inno nazionale, canti accompagnati da preghiere per la pace.

Una manifestazione dichiaratamente 'pacifica, 
per onorare la memoria delle vittime con momenti di silenzio e riflessione, con canti e discorsi per esprimere la nostra determinazione e ribadire il nostro sostegno a tutti quelli che continuano a lottare per la libertà, la giustizia e la pace giusta'

Tanti i cartelli contro Putin e la Russia, tante le bandiere ucraine (una di diversi metri sostenuta da una decina di persone fatta sfilare al centro del corteo prima e poi al centro della piazza), e due gli striscioni di ringraziamento all'Italia per il supporto dato, sia militare sia alla popolazione. Bandiere e striscioni colorati dove però spiccavano, suscitando un certo imbarazzo, striscioni e bandiere con scritte gialle su sfondo nero inneggianti il battaglione Azov. Presenti sul posto anche due consiglieri Comunali: Federica Venturelli, anche coordinatore cittadino PD e, anche in corteo, Alberto Bosi, Consigliere comunale Capogruppo di Alternativa Popolare.


'Gli eventi del 2014 e del 2020 - afferma la comunità Ucraina - continuano a rappresentare una grave violazione del diritto internazionale e dei principi fondamentali di pace e sovranità nazionale.
In questi anni, l'Ucraina ha dimostrato una resilienza straordinaria di fronte all'aggressione russa.
Il popolo ucraino continua a difendere con coraggio la propria sovranità e integrità territoriale pagando un prezzo altissimo: perdite di migliaia vite umane, famiglie divise, distruzione di infrastrutture vitali e sofferenze incalcolabili per la popolazione civile.
La presenza militare russa continua a costituire una minaccia per la pace e la stabilità internazionale.
Ogni ritirata ucraina equivale ad un’avanzata russa verso l’Europa.
Come comunità internazionale, dobbiamo restare uniti nel condannare l'aggressione russa e nel sostenere gli sforzi dell'Ucraina per difendere la propria sovranità e integrità territoriale.
È essenziale che tutti noi lavoriamo insieme per porre fine a questa ingiustizia - affermano - e per costruire un futuro sereno e prospero per le generazioni future'

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon

MIRANDOLA CARLO BASSOLI SINDACO
Societa' - Articoli Recenti
Modena pride, 56 quintali di rifiuti raccolti da Hera
Di questi 12 di indifferenziata, 14 quintali di carta, 9 di plastica e 21 quintali di vetro
26 Maggio 2024 - 14:40
Iva Zanicchi abbraccia Mirandola, tripudio al Memoria Festival, oggi chiude Morgan
Con lei appuntamento del sabato. Oggi ultimo giorno del festival in un mix tra cultura e ..
26 Maggio 2024 - 09:28
Carcere Modena: detenuto recidivo aggredisce agente di Polizia
La condanna del Sappe: 'Sovraffollamento e carenza di organici aumentano le difficoltà per ..
25 Maggio 2024 - 01:24
Memoria Festival Mirandola: sabato anche con Vessicchio e Recalcati
Decine di appuntamenti negli spazi allestiti nelle piazze del centro storico. Tutto il ..
25 Maggio 2024 - 01:05
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24