Aiutaci a mantenere gratuita La Pressa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Aiutaci a mantenere gratuita La Pressa
articoliSocieta'

Tecnologia 5G, esperti riuniti a Modena: il rischio c'è, la politica agisca con cautela

La Pressa
Logo LaPressa.it

La relazione degli esperti, ieri sera, nella commissione consigliare dedicata ai rischi per la salute nuova tecnologia


Tecnologia 5G, esperti riuniti a Modena: il rischio c'è, la politica agisca con cautela

La normativa attuale vigente in Italia, una delle più restrittive in europa, e che limita ai 6v/metro la potenza di emissione degli impianti per la telefonia mobile e la trasmissione dati, può essere mantenuta come parametro di sicurezza anche quando inizierà, dai 4 operatori telefonici presenti in Italia, l'installazione dei ripetitori e degli impianti in tecnologia 5G. Sarebbero 32 gli impianti per i quali sarebbe stata presentata la richiesta dagli operatori che per aggiudicarsi le tre gamme di alta frequenza sulle quali operare hanno investito, a livello nazionale, oltre 6 miliardi di euro.

A Modena non è in corso la sperimentazione diffusa del 5G: il Comune non ha sottoscritto alcun protocollo con nessun operatore. L’unica sperimentazione attiva in città, in collaborazione col Ministero delle Infrastrutture, è legata al tema dell’automotive e della mobilità sostenibile ed è limitata a un’area ristretta e a particolari attività del laboratorio Masa.

In attesa che le ricerche sugli effetti sulla salute umana riguardante frequenze utilizzate nelle fasi successive dello sviluppo 5G indichino i parametri di sicurezza entro i quali muoversi, dovrebbe vigere il principio di precauzione che non significa bloccare a prescindere le installazioni ma approfondire fortemente le conoscenze. Per non accorgersi tra dieci o 15 anni o più, come è successo per l'amianto o le stesse onde emesse dai cellullari, che ciò che è stato autorizzato ieri è diventato nocivo oggi

'Con il 5G non ce lo possiamo permettere' - afferma Fiorella Belpoggi, direttore del Centro di ricerca sul cancro “Cesare Maltoni” dell’Istituto Ramazzini di Bologna e membro del comitato scientifico Isde Italia (International society of doctors for environment), intervenuta, insieme ad altri tre esperti della materia (Davide Ferrari, direttore del Dipartimento di Sanità pubblica dell’Ausl di Modena, Giovanna Rubini, responsabile dell’Unità specialistica di Arpae Emilia-Romagna sui Sistemi ambientali aria campi elettromagnetici, e Laura Gaidolfi, referente regionale sui campi elettromagnetici) alla Commissione consigliare tematica convocata dal Comune e condivisa dai capigruppo consiliari. La politica, per decidere, ha bisogno di conoscenza, quella che proviene dai dati, dalla ricerca, dalle misurazioni e dalle sperimentazioni.

Rispetto alle tecnologie precedenti, la rete 5G si caratterizza per la gestione a fasci di onde molto più direzionali e 'dedicate' al singolo utilizzatore. A causa dei fasci rapidamente variabili, l'esposizione media a segnali 5G è molto più bassa rispetto a quella che si avrebbe per analoghi segnali di tipo 4G, ma si verificano valori di picco più elevati in brevi periodi temporali (inferiori a 6 minuti) 'direzionati' sugli utenti del servizio. In pratica, quando non usiamo il nostro dispositivo, l'esposizione si riduce o si annulla, ma quando si usa l'intensità è diretta, 'concentrata'. Con il 4G, in parole povere, noi abbiamo un flusso diffuso di onde costante che arrivano dai ripetitori ai nostri dispositivi, con il 5G questo flusso costante diffuso e di bassa intensità non c'è, ed il flusso si attiva nel momento in cui il nostro dispositivo si attiva, generando un picco di segnale nel momento, appunto, dell'utilizzo.
Tecnicamente si farà ampio utilizzo del beamforming, ossia della tecnologia per direzionare e concentrare il segnale verso la posizione fisica dei dispositivi utenti. Questo nuovo approccio sarà caratterizzato non più da una emissione costante di potenza in tutte le direzioni, ma da una emissione “adattativa” in base al numero di utenze da servire, dalla loro posizione e dal tipo di servizio. Il beamforming si otterrà facendo ricorso ad antenne adattative per ottimizzare la possibilità di invio e ricezione simultanea dei dati verso un maggior numero di dispositivi connessi.

'Gli aspetti sanitari legati alle onde elettromagnetiche delle reti radiomobili (precedenti al 5G) sono state oggetto di numerosi studi, che hanno messo in evidenza che le onde radio possano essere anche causa di effetti non termici, fino alla cancerogenesi. L'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro dell'OMS (IARC= International Agency for Research on Cancer) ha classificato le onde a radio frequenza tra i 'possibili cancerogeni per l’uomo' - ha ricordato Fiorella Pelpoggi

'Nell’attesa di maggiori evidenze scientifiche, pur riconoscendo i potenziali vantaggi tecnologici del 5G, l’approccio alla corsa al lancio della nuova tecnologia, da sovrapporre alle reti mobili preesistenti, non può che essere affrontato con grande precauzione, chiedendo alle autorità di frenare il dispiego rapido e omogeneo sul territorio di una tecnologia che non è oggettivamente fondamentali ai cittadini, considerando che gli stessi servizi nelle scuole, ospedali, banche, città, sono ad oggi erogati con le stesse prestazioni del 5G dalle reti fisse in fibra ottica+wifi di nuova generazione, tecnologia certamente più sicura a livello sanitario delle reti radiomobili'

Dobbiamo avere paura del 5G? Paura non è il termine giusto. Il termine giusto - afferma la Dr.ssa Belpoggi - ma cautela. Se i cittadini hanno paura è perché non c’è chiarezza nell’informazione e soprattutto perché nessun Ente istituzionale, compresi l’Istituto Superiore di Sanità e l’OMS, ci garantisce che non verranno innalzati i limiti di esposizione ai campi elettromagnetici attualmente in uso in Italia, fra i più bassi al mondo, che al momento ci permettono di considerare sostenibili anche a lungo termine le esposizioni attuali. E’ il campo elettromagnetico che induce effetti sui sistemi biologici, non la frequenza delle onde. Del resto è proprio nello studio dell’Istituto Ramazzini su animali da laboratorio, il più grande mai eseguito sulle frequenze 3G GSM emesse dalle antenne delle stazioni radiobase, si è visto che i tumori correlati al sistema nervoso centrale e periferico osservati ad esposizioni di 50 V/m, non subivano invece incrementi significativi a 5 V/m, e che quindi i 6 V/m permessi in Italia rappresentano una giusta cautela se considerati come misurazioni  da cui non eccedere mai, e non invece calcolati sulle 24 ore come avviene da anni.

Un principio di precauzione e cautela condiviso dai consiglieri di maggioranza e di opposizione partecipanti alla commissione consiliare in vista delle scelte che l'amministrazione comunale sarà chiamata a fare nel prossimo futuro. Un valore aggiunto rispetto alle condizioni di sicurezza e di cautela potrebbe essere dato dall'implementazione dei monitoraggi, non a spot o sul breve periodo come avviene oggi, ma sulle 24 ore e diffuso. Ma anche qui, si aprono diversi problemi, non immediatamente superabili, e più di carattere politico, nel senso lato. La necessità di affidarsi, su larga scala, ad organismi di verifica e di controllo davvero indipendenti, e con forti investimenti. Elementi che oggi non sono garantiti.

Gi.Ga.


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Articoli Correlati
5G, a Modena antenne attivabili dal 2022, Iliad in pole nelle ..
Societa'
03 Settembre 2020 - 08:30- Visite:4250
'Meeting di Rimini, così CL si fa sponsorizzare da Tim 5G'
Societa'
23 Agosto 2019 - 08:16- Visite:1100
Mirandola, 482 firme al sindaco per dire no al 5G
La Provincia
31 Ottobre 2020 - 15:30- Visite:800

Societa' - Articoli Recenti
Mobilità: inaugurata la diagonale ..
La cerimonia con la scopertura della targa di intitolazione alla ciclista Alfonsina Strada. ..
05 Ottobre 2021 - 01:29- Visite:226
Educare all'amore: da studentessa mi ..
Mi accorgo che non vi è corrispondenza tra i preziosi insegnamenti della Montessori e il ..
04 Ottobre 2021 - 19:01- Visite:420
Covid Modena, 51 contagi e due ..
I sintomatici sono 28, gli asintomatici 23. Due le persone ricoverate in Reparto
04 Ottobre 2021 - 18:58- Visite:1309
Instagram, Facebook e WhatsApp down: ..
Su Twitter, piattaforma non interessata dal down, tantissimi utenti si stanno lamentando di ..
04 Ottobre 2021 - 18:44- Visite:818
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto ..
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40- Visite:356916
'Altro che Tachipirina, ecco come ..
L'ex primario del Pronto soccorso di Modena: 'Antinfiammatori ai primi sintomi e poi, se il ..
31 Gennaio 2021 - 14:37- Visite:274989
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 ..
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11- Visite:174041
Il sindacato dei carabinieri: ..
‘Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39- Visite:158868