Alitalia, di bandiera è rimasta soltanto l'illusione
GIFFI NOLEGGI
Acof onoranze funebri
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Acof onoranze funebri
articoliEconomia

Alitalia, di bandiera è rimasta soltanto l'illusione

La Pressa
Logo LaPressa.it

Simbolo di una sindrome tutta italiana


Alitalia, di bandiera è rimasta soltanto l'illusione
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

E’ uno sport sempre più stanco, alzare la bandiera nazionale quando un nostro campione industriale o presunto tale diventa preda di investimenti o speculazioni straniere. Nel caso di Alitalia il problema non si pone: con una impressionante serie di bilanci in perdita, venti su trentaquattro nel periodo 1974-2007, e soprattutto la condanna di una struttura ibrida, né low cost né lungo raggio, qualora vi fossero appetiti ‘forestieri’ (Lufthansa ha smentito con tempi sprint) sarebbero per qualche portata dell’eventuale spezzatino. Se mai sia rimasto qualcosa di commestibile, ergo di valorizzabile, dopo il prestito ponte per non lasciare a piedi chi ha già acquistato il biglietto e magari usare l’argomento in campagna elettorale. Ovvio com’è che l’ex compagnia di bandiera, cotta dalle sue gestioni e dai suoi numeri, serva ormai soltanto a spiegare come non si fa business col trasporto aereo.

Ma Alitalia è soprattutto un simbolo di una sindrome tutta italiana: l’illusione di rappresentare una peculiarità salvifica anzichè dannosa, quella dell’italians do it better. Di vivere, in sostanza, come se tutto dovesse tornare d’incanto come un indefinito prima, ignorando che non ci sono più gli strumenti per ripetere la storia. La valenza è trasversale e naturalmente le classi cosiddette dirigenti rispecchiano noi, popolo: convinti di essere una specie di potenza europea, quando l’eurocentrismo è preistorico, convinti che mantenere il tradizionale potere d’acquisto delle varie gradazioni borghesi (chi ci riesce), sia un naturale avanzamento e non l’erosione di uno straordinario risparmio privato. Per inciso, una delle poche doti che ci mantengono ‘negoziabili’ e non già sacrificati sul cosidetto scacchiere internazionale.

Questa endemica illusione tricolore porta taluni a dire che non si può rinunciare a una compagnia aerea nazionale e che dunque si ‘deve’ salvare Alitalia.

Peccato che non sia stato solo il referendum tra i lavoratori ad affossarla, ma lo stesso mercato da anni. I sussidi (oltre sette miliardi di esborso pubblico dal 1974 al 2014, spiega uno studio di Mediobanca) hanno soltanto prolungato l’agonia.

E’ possibile che nella scelta del ‘no’ dentro alle urne aziendali abbia pesato questa illusione: quel ‘qualcuno tanto ci penserà’, che fa tanto peggior capitalismo all’italiana, perchè così hanno ragionato per decenni parecchi manager, non solo gli stipendiati. E’ possibile che abbiano pesato le condizioni eccezionali, in cui si trovano i dipendenti ‘paracadutati’: ammortizzatori sociali molto più generosi rispetto ad altre aziende, grazie ai proventi delle tasse aeroportuali. Ai contribuenti, il Fondo Speciale per il Trasporto Aereo, finanziato al 98% (dati 2013) dall’addizionale comunale sui diritti d’imbarco, secondo l’Inps (in un report del 2015), costava circa 220 milioni all’anno. Per i beneficiari, la prestazione integrativa tendeva a superare i 10 mila euro lordi al mese (soprattutto per i piloti), con casi ‘limite’ intorno ai 30 mila.

Sarebbe facile dire che Alitalia ha troppi dipendenti (quasi 14mila quando subentrò Etihad, passati a circa 11.600), e comunque, senza un piano industriale che connoti seriamente un vettore, mettendolo in concorrenza con low cost e Fs-Italo, o investimenti per dotarlo di una flotta capace di sostenere le più redditizie rotte intercontinentali, non si va da nessuna parte. Ma è chiaro che certi sostegni al reddito qualche incidenza possano averla avuta, nel rimandare al mittente la forse illusoria, a proposito, ipotesi di ricapitalizzazione degli azionisti creditori, Intesa e Unicredit.

Mentre si consuma la cottura di quanto resta della storia di Alitalia, l’illusione resta. Non soltanto quella che avere una compagnia ex di bandiera di fatto fuori dal mercato sia indolore, tanto da domandarsi se non sia meglio non averla e basta, ma anche quella che prima o poi arriveranno altri ‘capitani coraggiosi’, magari autoctoni, a fare la nuova Lufthansa. Il problema è che l’illusione è molto più generalizzata e si nota ovunque, paradossalmente meno che altrove nella politica che la alimenta. Un’illusione generalizzata, dell’Italia che se fa l’Italia non ce n’è per nessuno (Renzi dixit), del boom economico strutturale nei sogni ma nella realtà sempre più zavorrato da mafie, corruzione, cuneo fiscale assurdo e incompetenza. Un’illusione generalizzata e generale. Questa sì, rimasta di bandiera.

Francesco Tomei


Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo
Articoli Correlati
'Nel bilancio di mandato del sindaco la Modena che non c'era'
Lettere al Direttore
04 Aprile 2024 - 18:50
Ali tagliate
Le Vignette di Paride
26 Aprile 2017 - 12:19

Economia - Articoli Recenti
Bce taglia i tassi di 25 punti base
Il tasso sui rifinanziamenti principali scende quindi da 4,50% a 4,25%, quello sui depositi ..
06 Giugno 2024 - 15:02
Cooperativa muratori Soliera in piena crisi: 'Cantieri bloccati'
'La crisi può avere effetti sulla continuità produttiva, sull’occupazione e sul ..
06 Giugno 2024 - 13:42
'A Modena e provincia atteso un aumento di presenze, trainano gli stranieri'
Le previsioni di Assoturismo-CST indicano un +1,5% sull'estate 2023 e un 2,5% in più di ..
05 Giugno 2024 - 13:34
Modena, Raimondi spa celebra 50 anni di attività
Si sono riuniti oltre 100 ospiti tra distributori ed agenti giunti da svariate parti del ..
03 Giugno 2024 - 16:45
Economia - Articoli più letti
Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla speranza che i soci non chiudano i libretti
La Coop utilizza l'intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0: soci prestatori esigono risposte
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38
Bper, correntisti ex dipendenti Unipol sul piede di guerra
'Se Bper non manifestasse un reale interesse a mantenere le migliaia di correntisti tra ..
03 Dicembre 2019 - 17:52