La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
articoliChe Cultura

Vittorio Sgarbi: il nudo è contrario alla pubblica decenza?

La Pressa
Logo LaPressa.it

Sgarbi commenta la passeggiata bolognese della signorina svestita dei giorni scorsi: 'Il nudo non è un atto, è un essere. Tutti noi nasciamo nudi e tutti conosciamo l’immagine del nudo. Atti vogliono dire azioni. Cosa ha fatto, più che esistere in natura, la ragazza di contrario alla pubblica decenza? Il nudo è forse indecente? E allora Tiziano, Velasquez, Goya, Manet, rappresentando nudi meravigliosi ,hanno compiuto atti contrari alla pubblica decenza? E l’Abramovic, esponendo il suo corpo nudo, proprio a Bologna ,nel 1973 ,alla Galleria d’arte moderna, è stata indecente? O ha fatto un’opera d’arte? Nessuno lo può dire'


Vittorio Sgarbi: il nudo è contrario alla pubblica decenza?

Vittorio Sgarbi commenta così la passeggiata bolognese della signorina svestita dei giorni scorsi (https://www.lapressa.it/articoli/che_cultura/passeggia-nuda-a-bologna-3300-euro-di-multa) : 'I tempi ci fanno riflettere su quante cose sono mutate e, con esse, la nostra sensibilità. Due episodi concomitanti ci propongono diversi confini della libertà dell’uomo. Per esempio: qual è oggi la nostra reazione davanti al nudo? C’è una porzione del nostro corpo che non può essere scoperta? Dove inizia la provocazione? Una ragazza passeggia nuda in centro a Bologna, nessuno la ferma, forse per ore. Chi dovrebbe fermarla o coprirla? È più vista da lontano che da vicino. Gruppi Facebook si mettono in osservazione; i social network rilanciano le immagini.

La ragazza non è più nuda in qualche strada di Bologna, da via San Donato a via Irnerio, al Parco della Montagnola a Piazza XX Settembre, ma è nuda davanti al mondo. Finalmente, alla Stazione viene fermata dalla polizia ferroviaria che prende atto della sua condizione di totale nudità, come migliaia di immagini dell’Arte  da Eva a Marina Abramovc, e le comunicano che a lei non è consentito, contestandole “atti contrari alla pubblica decenza “.

Prosegue Sgarbi: 'Il nudo è contrario alla pubblica decenza? E il nudo non è un atto, è un essere. Tutti noi nasciamo nudi e tutti conosciamo l’immagine del nudo. Atti vogliono dire azioni. Cosa ha fatto, più che esistere in natura, la ragazza di contrario alla pubblica decenza? Il nudo è forse indecente? E allora Tiziano, Velasquez, Goya, Manet, rappresentando nudi meravigliosi ,hanno compiuto atti contrari alla pubblica decenza? E l’Abramovic, esponendo il suo corpo nudo, proprio a Bologna ,nel 1973 ,alla Galleria d’arte moderna, è stata indecente? O ha fatto un’opera d’arte? Nessuno lo può dire .

Come nessuno può dire che ,nel suo camminare, nel suo incedere, la ragazza performante ha fatto nulla di provocatorio. Era vestita della sua anima, o del suo temperamento. Eppure questa decisione, che non può essere definita “Show Sexy”, le è costata tremilatrecento euro di multa. Cosa si è risarcito con questa sanzione? Quale decoro? Quale soglia di decenza ?

Soprattutto oggi questa domanda non può ottenere risposta. E la multa è l’arbitrio di un’interpretazione di un codice che non dice, e non può dire, che essere nudi è osceno. In ordine a queste stesse oscillazioni dei comportamenti , va nella direzione opposta la sentenza della Cassazione che stabilisce che vivere per strada non è reato. In questo caso mutando evidentemente i confini.

 Un clochard da’ scandalo? Dormire per strada, tra materassi e cartoni, invece che nella propria stanza da letto,  ci impone di vedere ciò che non vogliamo, ammesso che non vogliamo vedere un nudo. In questo caso, la decisione del giudice annulla una sanzione da mille euro a un clochard che viveva, con i suoi cani, su un marciapiede, in una “baracca precaria costituita da cartoni e pedane in legno che intralciava il passaggio creando pregiudizi alla sicurezza pubblica”.

Questa volta non è la decenza, ma la sicurezza “pubblica”. Stabilendo ,come una media aritmetica, il limite di tolleranza della nostra sensibilità. La libertà del clochard è nell’uscire dall’ordine della società senza fare danni a nessuno e senza protestare. Il clochard sceglie di vivere in modo diverso senza discutere il modo di vivere degli altri.

Perché, stando nelle nostre comode case calde, dobbiamo impedirlo a lui? Gli uomini, ovunque e comunque decidano di vivere, non sono rifiuti, e possono stabilire comunità in qualunque luogo. Altra cosa è la pulizia dalla decisione di dormire per strada. La sentenza stabilisce inequivocabilmente che il decoro dei marciapiedi puliti non giustifica la multa e il dormiente non può essere condannato per pregiudizio alla pubblica sicurezza.


Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
Lgbt, la legge è stata approvata dopo 51 ore di dibattito: asse ..
Politica
27 Luglio 2019 - 06:19- Visite:48945
Crisi Coop Alleanza 3.0, ex leader Legacoop: 'Colpa di manager ..
Parola d'Autore
13 Gennaio 2019 - 18:31- Visite:23230
Coronavirus, 52 contagi in Emilia Romagna. Sette casi a Modena
Societa'
20 Agosto 2020 - 16:51- Visite:15394
Hera, compenso dell'ad Venier quasi raddoppia in un anno: ora guadagna..
Economia
30 Aprile 2020 - 11:21- Visite:14360
Nicoletta Mantovani, vedova Pavarotti, oggi si è sposata con Alberto
Societa'
20 Settembre 2020 - 19:59- Visite:13691
Fico, Coop Alleanza 3.0 entusiasta
Economia
31 Agosto 2017 - 18:10- Visite:13538
Che Cultura - Articoli Recenti
Antenna Uno Rockstation: intervista a..
Le serate al Pakko e al Mascotte, il mito dei CCCP e dei CSI. Parla lo storico dj della ..
24 Ottobre 2020 - 22:59- Visite:151
Shaloma Locomotiva Orchestra 44+1 con..
Progetto di Mirco Mariani con Mauro Ermanno Giovanardi, Paolo Fresu e Peter Pichler
23 Ottobre 2020 - 15:59- Visite:272
Coop Alleanza 3.0, a Modena arriva ..
Alle 20 di sabato appuntamento in streaming della tappa modenese sul sito e sulla pagina ..
22 Ottobre 2020 - 15:21- Visite:510
Modena si scopre internazionale con ..
Importante evento urban il 24 e 25 ottobre in città. Libri, magazines, fanzines da tutta ..
22 Ottobre 2020 - 10:24- Visite:306


Che Cultura - Articoli più letti


Se la locomotiva di Guccini si ..
Guccini si scaglia contro l'opposizione brandendo l'arma più subdola, la bandiera di ..
27 Aprile 2020 - 10:59- Visite:19028
18 settembre 1977: al parco Ferrari ..
Il precedente al quale si aggrappa Muzzarelli per sperare che il primo luglio vada tutto ..
19 Giugno 2017 - 17:10- Visite:15661
Diagnosi dell’ictus ischemico: ..
Baggiovara è il primo ospedale in Italia dove è stato installato questo software ..
13 Luglio 2018 - 11:24- Visite:13679
La massoneria in Emilia e a Modena
Anche a Modena esiste una presenza Massonica organizzata tramite la Loggia 106 intitolata a ..
25 Giugno 2017 - 22:08- Visite:13620