La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
articoliEconomia

In Emilia-Romagna 2.700 imprese in meno nei primi 3 mesi del 2018

La Pressa
Logo LaPressa.it

Continua la decrescita nel numero di imprese attive. Reggono solo i servizi, ma calano le realtà nel commercio, nelle costruzioni e nell'agricoltura


In Emilia-Romagna 2.700 imprese in meno nei primi 3 mesi del 2018

Più imprese nei servizi, meno nel commercio, costruzioni e agricoltura. Il primo trimestre del 2018 si chiude in “rosso”, con un saldo negativo tra iscrizioni e cessazioni delle imprese.

E’ quanto emerge dalla elaborazione del Registro imprese delle Camere di commercio effettuata dall’ufficio studi diUnioncamere Emilia-Romagna.

Le imprese registrate in Emilia-Romagna a fine marzo sono risultate 454.212 quindi 2.717 (-0,6 per cento) in meno rispetto alla fine del 2017, un dato ancora ampiamente superiore ai saldi prevalenti nel periodo precedente la crisi. A livello nazionale, nello stesso periodo, la tendenza negativa è risultata lievemente più contenuta (-0,3 per cento) di quella rilevata in regione. Nel trimestre, le iscrizioni (8.525) sono leggermente diminuite, come anche le cessazioni (11.275), ma le prime hanno segnato il nuovo minimo degli ultimi 20 anni.

Le imprese attive rendono la misura dell’effettiva capacità della base imprenditoriale. A fine marzo, erano 402.468, ossia 2.706 in meno (-0,7 per cento) rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno. La tendenza negativa ha mantenuto lo stesso ritmo dello stesso trimestre dello scorso anno, mentre a livello nazionale le imprese attive hanno segnato un lievissimo incremento (+0,1 per cento). Attività economica. A livello di macro settori, la base imprenditoriale regionale dell’agricoltura, delle costruzioni e dell’industria continua a restringersi, mentre quella dell’aggregato dei servizi resta sostanzialmente invariata. In dettaglio, la riduzione delle imprese attive è stata più rilevante nell’insieme del commercio (-1.188 unità, -1,3 per cento), nell’agricoltura, silvicoltura e pesca (-988 unità, -1,7 per cento) e nelle costruzioni (-816 unità, -1,2 per cento).

Segno rosso anche per l’industria manifatturiera (-641 unità, -1,5 per cento), al cui interno solo tre settori registrano un aumento delle imprese, le attività immobiliari e il trasporto e magazzinaggio. Segnali positivi vengono solo dagli altri settori dei servizi, in primo luogo dell’aggregato del noleggio, delle agenzie di viaggio e dei servizi di supporto alle imprese (+407 unità, +3,5 per cento), quindi dalla crescita delle attività professionali, scientifiche e tecniche (+264 unità, +1,7 per cento), dei servizi di alloggio e ristorazione (+167 unità, +0,6 per cento) e dei servizi alla persona (+221 unità, +1,5 per cento).

Spicca la rapidità della crescita delle attive nella sanità e assistenza sociale (+4,2 per cento) e dell’istruzione (+3,5 per cento), ambiti nei quali lo stato del settore pubblico ha lasciato ampi spazi all’imprenditoria privata.

La forma giuridica delle imprese. Gli andamenti sono nettamente divergenti anche per le tipologie di forma giuridica. La riduzione della base imprenditoriale è stata determinata dal più accentuato andamento negativo delle ditte individuali, scese di 2.607 unità (-1,2 per cento) e dalla riduzione, più contenuta, delle società di persone (-1.914 unità, -2,4 per cento). Queste ultime risentono dell’attrattività della normativa sulle società a responsabilità limitata, che sostiene invece l’aumento delle società di capitale (+1.918 unità, +2,2 per cento).



Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
Sfidanti boicottano Muzzarelli: regalo a sindaco uscente che gongola
Politica
22 Maggio 2019 - 21:16- Visite:2066
Fusione Lama-Montecreto: le imprese dicono sì
La Provincia
04 Ottobre 2018 - 13:26- Visite:1761
'Debiti verso imprese fornitrici, Comune di Modena 25esimo in Italia'
Politica
12 Maggio 2019 - 19:40- Visite:1759
Fatturazione elettronica: ecco i costi in più per una piccola azienda
Economia
29 Novembre 2018 - 12:27- Visite:1535
'Decreto Dignità, così le aziende non rinnoveranno i contratti'
Economia
09 Agosto 2018 - 10:17- Visite:1449
Economia - Articoli Recenti
Hera: con l'acqua del rubinetto ..
Investimenti Hera nell'idrico al di sopra della media nazionale: 18 milioni di euro nel 2018..
10 Ottobre 2019 - 16:40- Visite:379
Atersir, il sindaco Maria Costi nel ..
Francesca Lucchi, assessore alla sostenibilità del Comune di Cesena è la nuova presidente
09 Ottobre 2019 - 12:13- Visite:382
Fornero a Modena: 'Via quota 100, ma ..
L’ex ministro del governo Monti, che ha firmato una delle riforme più contestate degli ..
09 Ottobre 2019 - 04:14- Visite:603
Confindustria sulle Regionali: 'Serve..
'Qualunque forza che venga al governo della Regione deve trovare delle linee di continuità,..
08 Ottobre 2019 - 18:33- Visite:342


Economia - Articoli più letti


Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla ..
La Coop utilizza l’intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36- Visite:57443
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi ..
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:43893
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0:..
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38- Visite:27692
Coop Alleanza 3.0, bilancio ..
Una perdita drammtica sulla quale pesano svalutazioni di poste immobiliari, finanziarie, ..
01 Maggio 2019 - 00:27- Visite:24656