Nessun debito
Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Nessun debito
articoliEconomia

Italia in digitale: fatturazione elettronica anche per regimi forfettari da un mese

La Pressa
Logo LaPressa.it

In commercio ci sono diversi gestionali - gratuiti o a pagamento, basilari ed avanzati – sviluppati in base a necessità diverse


Italia in digitale: fatturazione elettronica anche per regimi forfettari da un mese

L’estate 2022 sarà ricordata dai forfettari come l’alba di un nuovo inizio. Dallo scorso 1° luglio infatti, anche i liberi professionisti e contribuenti in regime forfettario con utili superiori a 25 mila € l’anno, sono stati toccati dalla nuova normativa 36/2022 per adeguarsi al sistema di fatturazione elettronica. Una realtà con cui si fanno già i conti, visto che l’obbligo è entrato in vigore da qualche settimana e le classiche fatture cartacee o in Pdf sono ormai un capitolo chiuso. D’altro canto, emettere fattura digitale attraverso un applicativo dedicato non è nulla di più semplice: la fatturazione elettronica non è altro che l’iter di emissione, invio e conservazione della fattura stessa, che viene “filtrata e certificata” dal Sistema di Interscambio (SDI) dell’Agenzia delle Entrate.
Probabile che i meno pratici ed i più restii al cambiamento digitale colgano l’occasione per compiangere da mesi la nuova normativa, pensando ad un altro gestionale che confonde le idee e rende la gestione burocratica più complessa. Nulla di più falso, visto che i software di fatturazione elettronica esistono invece apposta per semplificare al massimo il nostro lavoro, per ridurre margine di errore e per avere sotto totale controllo i nostri processi. In soldoni, possiamo vederlo come un “aiutante digitale” che in modo intuitivo e pratico ci aiuta a processare una fattura, compilare i dati necessari, gestire l’intera prassi di fatturazione fino all’archiviazione dei documenti.

In commercio ci sono diversi gestionali - gratuiti o a pagamento, basilari ed avanzati – sviluppati in base a necessità diverse, spaziando dal libero professionista all’azienda centenaria e ben organizzata. Una però delle soluzioni più dinamiche ed economiche nei confronti dei forfettari l’ha sviluppata FatturaElettronica APP, una realtà tutta italiana che propone ben un anno di uso gratuito ed è considerato il miglior software di fatturazione elettronica da Trustpilot (4.9 stelle su 5). Grazie ad una piattaforma intuitiva potrete facilmente gestire qualsiasi fattura in ingresso ed uscita, controllare su qualunque dispositivo la situazione in tempo reale, conservare in modo automatico qualsiasi fattura senza più aver bisogno di un archivio fisico e connettere le informazioni al vostro commercialista. Non male, se pensiamo a tutto ciò che erano gli stessi adempimenti senza un software di fatturazione elettronica! Per qualsiasi altra info, potete consultare direttamente l’homepage di FatturaElettronica APP.

FATTURAZIONE ELETTRONICA: CONVERGENZA TRA SEMPLIFICAZIONE E TRASPARENZA

Il progetto d’introduzione della fatturazione elettronica è stato intrapreso gradualmente dai vari governi italiani a partire dal 2018 per contrastare (da una parte) l’evasione fiscale e per convergere verso un livello estremo di semplificazione e trasparenza voluto in parte anche dall’Europa. I vantaggi principali nell’adottare questo modello digitale sono in primis il formato XLM, utile per stilare, trasmettere ed archiviare tutta la contabilizzazione dati e facilitarne i relativi controlli (validità ed autenticità dati). Altro elemento centrale è l’SDI, il Sistema di Interscambio che protegge i dati sensibili e rende ogni transazione più sicura attraverso la tracciabilità immediata dei pagamenti. Tra gli altri vantaggi - sebbene secondari ma comunque importanti - c'è l’eliminazione totale del consumo di carta, costi di stampa, spedizione e conservazione delle fatture e la caduta dell’obbligo di tenere i registri Iva per chi emette fatture esclusivamente digitali. Non un semplice cambiamento, una vera rivoluzione del mondo fiscale e contabile.



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Onoranze funebri Simoni

Economia - Articoli Recenti
A Modena nord il primo distributore a..
Firmato un protocollo di intesa tra enti per la creazione di un polo per la produzione e la ..
24 Settembre 2022 - 12:00
Allarme Cna: 'Costi energia, dal ..
'Servono ulteriori strumenti ed uno di questi è la moratoria sui mutui, che ha già dato ..
22 Settembre 2022 - 12:41
'Imprenditori schiacciati da cartelle..
Franchini (Ruote Libere): 'Non basta sventolare le cosiddette norme salva suicidi a ..
21 Settembre 2022 - 18:35
Fondazione Carpi, cda al completo: ..
L'ente presieduto dell'ingegnere Mario Arturo Ascari ora pienamente operativo
21 Settembre 2022 - 07:59
Economia - Articoli più letti
Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla ..
La Coop utilizza l'intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi ..
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41
Bper, correntisti ex dipendenti ..
'Se Bper non manifestasse un reale interesse a mantenere le migliaia di correntisti tra ..
03 Dicembre 2019 - 17:52
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0:..
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38