Mirandola, annuncio chiusura Mozarc Bellco: 350 lavoratori a rischio
Acof onoranze funebri
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Acof onoranze funebri
articoliEconomia

Mirandola, annuncio chiusura Mozarc Bellco: 350 lavoratori a rischio

La Pressa
Logo LaPressa.it

Lavoratori fuori dalla fabbrica. 'Un fatto grave e inaccettabile, che colpisce al cuore il distretto biomedicale di Mirandola'


Mirandola, annuncio chiusura Mozarc Bellco: 350 lavoratori a rischio
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

La ex Bellco, una delle aziende più importanti del distretto biomedicale modenese, vuole chiudere la parte produttiva dello stabilimento di Mirandola, conservando solo la ricerca e sviluppo. A rischio ci sono 350 dipendenti: 300 diretti e gli altri interinali. Bellco occupa oltre 500 persone a Mirandola.
Lo riporta l'Ansa. Atteso un intervento dell'ad di Mozarc Medical (l'attuale nome di Bellco) Ven Manda in videoconferenza in giornata. Per il biomedicale di Mirandola è uno shock. Non si era mai registrata una crisi aziendale del genere.
'Un fatto grave e inaccettabile, che colpisce al cuore il distretto biomedicale di Mirandola e contro il quale è iniziata immediatamente dopo l’annuncio, la protesta delle lavoratrici e dei lavoratori che, ne stia certa l’azienda, renderemo la protesta di un intero territorio e di una intera regione.

Da queste parti abbiamo combattuto e vinto contro un terremoto e contro una pandemia, rendendo il biomedicale il motore europeo della ripartenza e del riscatto. Di sicuro non ci fermerà il diktat di una multinazionale che pretende di rottamare la vita di oltre 350 lavoratori e l’intero indotto'. Così Lisa Vincenzi di Filctem Cgil Modena e Alberto Suffritti di Femca Cisl Emilia Centrale alzano lo scudo a difesa dei dipendenti di Mozarc-Bellco, una delle più grandi realtà del distretto biomedicale dell’Area Nord modenese. I vertici aziendali annunciano l’intenzione di chiudere la parte produttiva dello stabilimento di Mirandola e i lavoratori hanno risposto col gesto più semplice e più forte: l’uscita istantanea dalla fabbrica (in foto), primo step di una lotta che si annuncia a tempo indeterminato. Per ora l’unica certezza dopo lo shock dell’annuncio.

 

Appena un anno fa veniva dato l’annuncio dello spin off, frutto dell’investimento congiunto di due colossi del settore come Medtronic e Da Vita. Oggi lo showdown, con la multinazionale che decide di abbandonare al loro destino centinaia di persone e il distretto mirandolese. In questo momento l’azienda produce filtri e dispositivi per il trattamento delle patologie renali. 'E’ un azienda con grandi potenzialità, sia in termini di infrastrutture ma soprattutto in termini di competenze professionali', proseguono Vincenzi e Suffritti.

Per il momento la leadership di Mozarc-Bellco ha comunicato che vorrebbe mantenere operativo a Mirandola solo il reparto di ricerca e sviluppo e alcuni servizi a supporto, una strategia che aggiunge al dramma la presa in giro. 'Perché non può esserci ricerca se si blocca la produzione' attaccano Filctem Cgil e Femca Cisl che rimandano al mittente nel modo più duro e netto questo pacco avvelenato. 'Ora è il momento che tutta la Comunità delle forze politiche, del mondo imprenditoriale e delle Istituzioni, a cominciare dalla Regione e dal Governo col suo Ministero del Made in Italy, facciano una scelta di campo netta: oggi non dobbiamo solo difendere un’azienda che pure è enorme. Oggi siamo tutti chiamati a sbarrare la porta ad un modo di fare impresa tossico che può ammalare il biomedicale. Quindi, non lasciate soli le lavoratrici e i lavoratori, tenete insieme a noi altissima l’attenzione e portate questo tema anche in Europa. Non possiamo essere una volta di più il terreno di caccia per manager senza scrupoli'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Economia - Articoli Recenti
Formaggio marchiato come Dop, non lo era: sequestrate 545 forme
Presso la sede produttiva e nel magazzino delocalizzato di una azienda modenese. ..
19 Luglio 2024 - 09:03
Iren: a Rovigo il primo impianto agrivoltaico avanzato italiano
L'agrivoltaico è una soluzione innovativa che coniuga agricoltura e produzione fotovoltaica..
18 Luglio 2024 - 16:16
Economia circolare: partnership tra Fincantieri e Gruppo Hera
L'accordo prevede la costituzione di una newco partecipata da Fincantieri e dal Gruppo Hera,..
18 Luglio 2024 - 12:37
Global Wealth Report: 0,7% della popolazione detiene 40,4% della ricchezza
Numeri alla mano, nel 2021 la ricchezza mondiale ammontava a circa 530 trilioni di dollari ..
18 Luglio 2024 - 10:59
Economia - Articoli più letti
Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla speranza che i soci non chiudano i libretti
La Coop utilizza l'intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0: soci prestatori esigono risposte
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38
Bper, correntisti ex dipendenti Unipol sul piede di guerra
'Se Bper non manifestasse un reale interesse a mantenere le migliaia di correntisti tra ..
03 Dicembre 2019 - 17:52