'Settore moda, ancora restrizioni inique, crisi senza fine'
Acof onoranze funebri
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Acof onoranze funebri
articoliEconomia

'Settore moda, ancora restrizioni inique, crisi senza fine'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Crollo di vendite, magazzini pieni. Roberta Simoni, Presidente Fismo Confesercenti Modena: 'Siamo allo stremo. Altri aprono, verso di noi scelta iniqua'


'Settore moda, ancora restrizioni inique, crisi senza fine'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Oltre alle restrizioni all'apertura, la preclusione di occasioni sociali, cerimonie, feste e l'allargamento dello smart working hanno provocato un drastico crollo delle motivazioni che spingono i consumatori all'acquisto di nuovi capi. Dall'inizio della pandemia, dopo il severo lockdown della primavera 2020, i negozi del settore, anche quando hanno potuto operare, nei fatti non sono mai tornati alla normalità delle vendite a prezzo pieno: prima i saldi estivi, poi la necessità di fare vendite promozionali per tentare di incentivare i consumi stagnanti per nuove restrizioni sociali e infine i saldi autunno-inverno. La quasi totalità delle imprese della moda si è vista costretta ad applicare sconti oltre la media, svendendo la merce, nel tentativo di recuperare un po' di liquidità per far fronte agli impegni di pagamento.

E adesso i magazzini sono pieni di nuovi arrivi: infatti la peculiarità di questo settore sta nella stagionalità delle collezioni, da ordinare diversi mesi prima, con ordini minimi talvolta imposti e importanti investimenti su merce che, come già accaduto nella scorsa stagione primavera-estate, per le chiusure imposte dalla Zona Rossa dovrà probabilmente essere svenduta o resterà in giacenza.

'Le nostre imprese sono allo stremo - interviene Roberta Simoni, Presidente Fismo Confesercenti Modena - Abbiamo sostenuto gravosi investimenti per adeguare le nostre attività alle misure sanitarie, eppure siamo nuovamente sottoposti a chiusura, quando tantissime altre attività possono lavorare. In questo modo si alimentano tensioni e divisioni fra le categorie del commercio, perché è impossibile comprendere la logica di certe scelte: la Zona Rossa consente ad esempio a fioristi, ferramenta, profumerie, negozi di articoli sportivi, di biancheria, di casalinghi, agli ottici, alle concessionarie d'auto, ai negozi di telefonia, di elettrodomestici, di cartoleria e anche ai negozi di abbigliamento per bambini, così simili ai nostri, di poter correttamente lavorare, rispettando i protocolli.

E' davvero una scelta iniqua per le nostre imprese, con i magazzini già pieni di merce primaverile. Una stagione su cui si contava per arginare, anche se parzialmente, il profondo baratro in cui ci ha gettato un anno di pandemia.
Ma gli annunci del prolungarsi di provvedimenti restrittivi ci tolgono speranze per il futuro: dobbiamo poter riaprire al più presto. Inoltre il Governo, per scongiurare la chiusura definitiva - che potrebbe tradursi in quasi duecento serrande abbassate per sempre nei nostri territori - deve prevedere nel prossimo Decreto sostegni correttivi urgenti e specifici per il settore moda che tengano conto delle sue specificità in termini di costi per giacenze deprezzate di magazzino e misure agevolate di accesso al credito per poter affrontare i pagamenti merce indifferibili e i tanti costi fissi' conclude Simoni.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Economia - Articoli Recenti
Energia, Orsini parla a convegno Bper e rilancia i microreattori nucleari
La linea Confindustria tracciata dal neo presidente nazionale in 7 minuti di collegamento ..
13 Giugno 2024 - 01:48
Augusto Ciarrocchi è il nuovo presidente di Confindustria Ceramica
Eletti anche i vicepresidenti Vittorio Borelli, Luigi Di Carlantonio, Giorgio Romani, ..
12 Giugno 2024 - 19:25
Esuberi Mozarc Medical, candidati in piazza con i lavoratori
I candidati al ballottaggio a Mirandola hanno raggiunto il presidio sindacale davanti ..
12 Giugno 2024 - 17:59
Choc a Mirandola, la Bellco conferma ufficialmente i 300 esuberi
'Dei 500 lavoratori attualmente impiegati, circa 300 saranno in esubero. Bellco ha informato..
12 Giugno 2024 - 17:43
Economia - Articoli più letti
Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla speranza che i soci non chiudano i libretti
La Coop utilizza l'intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0: soci prestatori esigono risposte
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38
Bper, correntisti ex dipendenti Unipol sul piede di guerra
'Se Bper non manifestasse un reale interesse a mantenere le migliaia di correntisti tra ..
03 Dicembre 2019 - 17:52