Caf Italia
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Caf Italia
articoliSocieta'

La Regione spinge sulla pillola abortiva: RU486 anche nei consultori

La Pressa
Logo LaPressa.it

Si inizia a Parma ai primi di ottobre, poi nelle settimane successivi a Modena e Carpi. Lo scorso anno 3.505 interruzioni volontarie di gravidanza sono avvenute così


La Regione spinge sulla pillola abortiva: RU486 anche nei consultori
In Emilia-Romagna parte la somministrazione della pillola RU486 anche nei consultori: si inizia a Parma ai primi di ottobre, poi nelle settimane e mesi successivi a Modena e Carpi, Romagna (Ravenna e Cattolica) e Bologna. 'Si amplia dunque la possibilità per le donne di ricorrere, per l'interruzione volontaria di gravidanza, al trattamento farmacologico', annuncia la Regione: non più solo nei presidi ospedalieri -in Emilia-Romagna sia in day hospital dal 2005 sia in regime ambulatoriale da fine 2021- ma anche nei consultori. Potranno usufruirne donne maggiorenni entro il 49esimo giorno di età gestazionale.

Nell'annunciare la novità, la Regione evidenzia anche che il 2021 ha fatto registrare 'il numero più basso di interruzioni volontarie di gravidanza'. Dall'inizio della rilevazione, nel 1980, per la prima volta scendono sotto 6.000, esattamente a 5.671, -6% rispetto al 2020 e -52% rispetto al 2004 (quando sfiorarono quota 12.

000).

'Contemporaneamente, si registra un sempre maggiore ricorso alla pillola RU486 rispetto all'intervento chirurgico': lo scorso anno 3.505 interruzioni volontarie di gravidanza, ovvero il 62%, sono state effettuate con questo trattamento. 'Siamo pronti a partire per garantire alle donne un'ulteriore possibilità di effettuare, in sicurezza e con l'assistenza adeguata, l'interruzione volontaria di gravidanza- afferma l'assessore regionale alle Politiche per la salute, Raffaele Donini- iniziamo in alcune città, per estendere questa modalità anche alle altre province, man mano che le Ausl completeranno la predisposizione dei protocolli necessari su spazi e modalità, sulla base delle indicazioni definite dalla Regione. Siamo convinti si tratti di un diritto che deve essere garantito e rispetto al quale il servizio sanitario deve operare al meglio'.

La Regione ricorda che già a fine 2021 aveva recepito le raccomandazioni nazionali del ministero della Salute: dare alle donne la possibilità di eseguire l'interruzione volontaria di gravidanza con trattamento farmacologico in regime ambulatoriale anche negli spazi dei consultori, 'che da sempre svolgono un ruolo fondamentale in tutte le fasi della vita riproduttiva femminile'. In questo anno le Aziende sanitarie hanno lavorato per individuare le strutture, riorganizzare e attrezzare dove necessario gli spazi, formare adeguatamente il personale, costituito da equipe multiprofessionali, e costruendo protocolli e accordi con gli ospedali di riferimento, in modo da accogliere e seguire le pazienti nei diversi momenti dell'interruzione volontaria della gravidanza farmacologica. Non tutti i consultori, infatti, possono essere utilizzati per la somministrazione della pillola RU486: per garantire alle donne la massima sicurezza nell'assistenza, la Regione ha definito un protocollo sperimentale che sarà utilizzato unicamente dalle strutture che presentano determinate caratteristiche e autocertificate dalle Aziende sanitarie. Tra i requisiti che rendono una struttura idonea c'è la distanza ravvicinata (entro 30 minuti) da un ospedale, la presenza di un'equipe adeguatamente formata, la garanzia di un numero adeguato di personale ostetrico e ginecologico non obiettore, di attrezzature adeguate e rifornimenti farmacologici per gestire l'emergenza e il trattamento di effetti collaterali. Tra le condizioni per poter effettuare in consultorio il trattamento ci sono, oltre alla maggiore età, il certificato rilasciato dal medico e firmato dalla donna, il consenso informato. Gli aborti farmacologichi entro il 63esimo giorno di età gestazionale saranno invece eseguiti negli ospedali.


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 


Societa' - Articoli Recenti
Tragedia a Ischia, frana a ..
Ci sono 20-30 nuclei familiari isolati e una decina di immobili crollati
26 Novembre 2022 - 11:36
L'insicurezza dei fiumi modenesi ..
I dirigenti Aipo hanno illustrato i nodi critici. Il bacino del Secchia, in sicurezza solo ..
26 Novembre 2022 - 08:17
Al centro antiviolenza di Modena ..
La maggioranza sono straniere. Il punto sull'attività della Casa delle donne di Modena: ..
26 Novembre 2022 - 00:36
Covid, 66 decessi in una settimana in..
I pazienti ricoverati nei reparti Covid, sono 1.374 (+209 rispetto alla settimana ..
25 Novembre 2022 - 16:05
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto ..
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
'Altro che Tachipirina, ecco come ..
L'ex primario del Pronto soccorso di Modena: 'Antinfiammatori ai primi sintomi e poi, se il ..
31 Gennaio 2021 - 14:37
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 ..
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green ..
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39