I nostri lettori sono i tuoi futuri clienti
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
I nostri lettori sono i tuoi futuri clienti
articoliChe Cultura

Squid game, così vita e morte perdono la loro sacralità

La Pressa
Logo LaPressa.it

La vita e la morte perdono la loro sacralità e ogni azione è governata dall’unico vero dio che dirige l’esistenza di tutti: il denaro


Squid game, così vita e morte perdono la loro sacralità

Oggi, la serie televisiva più seguita e che fa discutere è “Squid Game” prodotta nella Corea del Sud. Cosa racconta?
Seong Gi-hun (Lee Jung-jae), un uomo divorziato e sommerso dai debiti, è avvicinato da un misterioso uomo d’affari, che gli propone di partecipare a una serie di vecchi giochi per bambini. In cambio ha la promessa che, se sarà il vincitore, gli sarà consegnata una cospicua somma di denaro.
Rinchiuso in un luogo sconosciuto, insieme ad altre 456 persone con gli stessi problemi, scopre un ambiente fatto di sorveglianza e sopratutto violenza.
Nel primo gioco, una versione aggiornata di “Un, due, tre, stella”, molti compagni di Gi-hun sono uccisi da guardie vestite di rosso e guidate da un capo spietato. Man mano che si aggiungono episodi, la tensione si fa sempre più opprimente e i partecipanti al gioco, nella speranza di salvarsi da quello sterminio collettivo, stringono alleanze tra loro.


Come nella maggioranza dei videogames – ma anche Squid Game lo diverrà presto – la morte perde la sua drammaticità e diviene divertimento, assuefazione, normalità. È ciò che piace, che attira pubblico, soprattutto tra gli adolescenti che non hanno gli strumenti per filtrare il messaggio di violenza e relegarlo a un mondo irreale. Basti pensare che, in soli 29 giorni di programmazione, “Squid Game” è stato visto da 111 milioni di spettatori. L’insegnamento, se così possiamo definirlo, a sostenere “Squid Game” è molto semplice: i partecipanti dovranno affrontare sei giochi infantili e chi perde è destinato alla morte. L’ultima delle 456 persone rimaste, vincerà un enorme premio in denaro.
Come detto, la vita e la morte perdono la loro sacralità e ogni azione è governata dall’unico vero dio che dirige l’esistenza di tutti: il denaro.

La confezione cinematografica è stata curata nel dettaglio e colpisce per la qualità, appare seducente. Ne sono un esempio le scenografie inquietanti, i colori pastello della prigione in cui i contendenti sono rinchiusi, i guardiani dalle facce coperte che scandiscono la vita dei giocatori, le maschere dei vip che assistono ai giochi e sottintendono la fama per coloro che partecipano agli scontri. Tutto ciò è l’ingrediente di un gioco visivo che è anche psicologico e conduce all’imitazione. Su Amazon, infatti, sono introvabili i costumi ispirati alla serie e tutti gli altri gadget. Ma, a prescindere dal messaggio, l’emulazione si fermerà a questo?
Per qualcuno non sarà così. Ecco la ragione di una polemica feroce – e forse non sgradita ai produttori della serie televisiva – che accompagna “Squid Game”. É giusto che i bambini ne abbiano accesso alla visione? Gli adolescenti possiedono gli strumenti intellettuali e culturali per non sovrapporre questa realtà virtuale alla realtà vera? Quale seme è stato insinuato nelle menti degli spettatori? Quali saranno i suoi frutti futuri?

Sui “social” si moltiplicano i post con bambini che riproducono gli antichi giochi proposti da “Squid Game” ma con le nuove e violente regole. Nelle foto, mimano il gesto di uccidere i compagni che hanno perso. Anche in tempi passati il “gioco della guerra” andava di moda con lo scontro tra cowboy e indiani, ma i bambini di “ieri” non erano oggetto continuo di messaggi violenti come quelli di oggi e, soprattutto, non imitavano pedestremente ciò che avevano visto. Nei western era spesso proposto lo scontro tra truppe regolari e nativi americani, ma nella trasposizione infantile, i bambini inventavano di sana pianta le loro storie con una diversa ingenuità. Qui, entrano in gioco richiami psicologici sotto traccia le cui conseguenze future non possono essere calcolate.

Per questa ragione, è online una petizione per sospendere la serie. Forse, quella del divieto non è la strada giusta, ma sicuramente si può affermare che se oggi abbiamo ragazzi con valori alquanto discutibili, inclini alla violenza gratuita, spesso privi di rispetto verso le cose e, soprattutto, le persone, la responsabilità è nell’assenza di quella che si definisce “educazione”, un tempo compito della famiglia e della scuola ed oggi di “cattivi maestri” che agiscono indisturbati nel plagiare le menti con pochi ostacoli.

Massimo Carpegna


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Massimo Carpegna
Massimo Carpegna

Visiting Professor London Performing Academy of Music di Londra. Docente di Formazione Corale e del master in Musica e Cinema presso Istituto Superiore di Studi Musicali Vecchi Tonelli..   Continua >>



Che Cultura - Articoli Recenti
Pesca al cantautore in Emilia... ..
Per certi versi non è un libro, è un disco che suona. E la sua colonna sonora è quella ..
26 Novembre 2021 - 21:18- Visite:166
Bottura ancora al top: confermate le ..
Nella classifica della stelle per regioni la Lombardia mantiene la leadership grazie ai 56 ..
23 Novembre 2021 - 20:35- Visite:632
A Modena con Guicciardi i segreti non..
La prima presentazione si terrà a Modena sabato 4 dicembre presso l'associazione-libreria ..
20 Novembre 2021 - 17:42- Visite:802
Manovra finanziaria, 150 milioni per ..
L’opera lirica è l’unica ambasciatrice rimasta della nostra lingua, della nostra ..
19 Novembre 2021 - 07:55- Visite:438
Che Cultura - Articoli più letti
Gli italiani scoprirono che Muccioli ..
Intervista a Paolo Severi, uno dei protagonisti di SanPa, il documentario di Netflix. ..
17 Gennaio 2021 - 18:17- Visite:29845
Se la locomotiva di Guccini si ..
Guccini si scaglia contro l'opposizione brandendo l'arma più subdola, la bandiera di ..
27 Aprile 2020 - 10:59- Visite:21950
18 settembre 1977: al parco Ferrari ..
Il precedente al quale si aggrappa Muzzarelli per sperare che il primo luglio vada tutto ..
19 Giugno 2017 - 17:10- Visite:17565
La massoneria in Emilia e a Modena
Anche a Modena esiste una presenza Massonica organizzata tramite la Loggia 106 intitolata a ..
25 Giugno 2017 - 22:08- Visite:15584