Per far funzionare bene questo sito, a volte installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di dati che si chiamano "cookies". Anche la maggior parte dei grandi siti fanno lo stesso. Puoi scegliere a quali cookies vuoi negare il tuo consenso deselezionando le voci seguenti e cliccando su SALVA LE MIE SCELTE. Maggiori informazioni sulla nostra Privacy Policy.

Cookies Essenziali
Cookies Analitici
Cookies Pubblicitari
Cookies Social

La Pressa redazione@lapressa.it Quotidiano di approfondimento Politico ed Economico
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
articoliEconomia

Cottarelli: 'Io Ministro? Solo se chiamato per tagliare il debito'

Data: / Categoria: Economia
Autore:
La Pressa
Logo LaPressa.it

Forum Monzani esaurito per la presentazione del libro 'I sette capitali dell'economia italiana': 'Il reddito di cittadinanza, in deficit come oggi, è insostenibile'


Cottarelli: 'Io Ministro? Solo se chiamato per tagliare il debito'

'Io Ministro? Non credo perché non mi chiameranno, ma se dovessero chiamarmi direi di no se la prospettiva fosse quella di continuare ad aumentare il debito pubblico'. Risponde così, Carlo Cottarelli, alla nostra domanda su un possibile suo incarico di governo nel nuovo esecutivo che potrebbe nascere dall'alleanza M5S-Lega. Il debito pubblico, che dal 2014 è tornato a crescere, ha raggiunto livelli che non consentono spazi e per l'economista Carlo Cottarelli, oggi ospite del Forum Monzani per la presentazione del suo libro 'I sette peccati dell'economia italiana' è un vero e proprio chiodo fisso. 'Come fare ad invertire la tendenza? La formula non è così difficile, anche perché siamo in una fase di ripresa che va agganciata. Il prodotto interno lordo aumenta e allora bisogna agire sulla leva della spesa, riducendo l'evasione fiscale, la spesa superflua legata anche a contributi e sostegni senza controllo. Con l'obiettivo di migliorare il rapporto e giungere ad un punto fondamentale, il pareggio di bilancio. Siamo ancora in tempo per farlo'

L'economista, già delegato alla revisione della spesa pubblica chiamato come tecnico da Renzi, ma poi allontanato dallo stesso Renzi, risponde poco prima di parlare alla platea di un forum Monzani gremito (un migliaio tra le 800 sedute in platea e le centinaia in piedi nel tondo loggione), nell'appuntamento organizzato da Bper ed Arca per la presentazione dei sette peccati capitali dell'economia. Sintetizzati in altrettanti punti contenuti nel suo libro: Evasione fiscale ('se l'avessimo ridotta solo di un ottavo dal 1980 ad oggi avremmo un rapporto debito pubblico/pil come quello della Germania' - esordisce Cottarelli), corruzzione, burocrazia, lentezza della giustizia, crollo demografico, grande differenza tra reddito pro-capite di nord e sud. E Cottarelli si ferma qui, ai primi sei, perchè sono quelli che l'economista definisce peccati storici, che hanno sempre fatto parte dell'Italia, che hanno frenato il nostro paese. Il settimo peccato è più recente, anche se ormai compie 20 anni. Ed è legato alla difficoltà, che è più una incapacità, di convivere con l'Euro.  Del sistema Italia nel suo complesso e a tutti i livelli. Gli italiani e l'economia italiana dopo l'introduzione dell'euro,  'hanno continuato a fare le stesse cose e i divari, in termini di competitività (e qui Cottarelli illustra il grafico che confronta Italia e Germania nel parametro sul costo del lavoro per unità), dal quale emerge una realtà schiacciante'



Tornando al governo, Cottarelli afferma che il contratto di programma abbozzato da M5S e Lega contiene già molti obiettivi in termini di contrasto all'evasione, riduzione della spesa pubblica, ma - fa intendere - tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare. 'Ha il telefono acceso per rispondere ad una eventuale chiamata per un incarico di governo?' - gli chiediamo mentre si  dirige verso il palco, per iniziare. 'Si, ma non credo squillerà per quello'

Gianni Galeotti



Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione poli..   Continua >>


Profilo Facebook di Redazione La Pressa Profilo Google+ di Redazione La Pressa Profilo Twitter di Redazione La Pressa Profilo Linkedin di Redazione La Pressa Profilo Instagram di Redazione La Pressa Indirizzo Email di Redazione La Pressa 


Articoli Correlati


Bper, utile record: il miglior trimestre nella storia del gruppo
Economia
08 Maggio 2018 - 18:04- Visite:12106
Manifattura e Quadrifoglio spa, la storia di un fallimento colossale e..
Economia
24 Luglio 2017 - 07:30- Visite:10972
Semestrale Bper, ecco tutti i numeri
Economia
04 Agosto 2017 - 08:09- Visite:10881
Lutto nel mondo sindacale, è morto a 51 anni Claudio Zucchi
La Nera
23 Ottobre 2017 - 12:24- Visite:10855
Bper, partiti i 'bagordi' per i 150 anni: i 'valori' e i compensi ..
Pressa Tube
11 Giugno 2017 - 07:37- Visite:10685
Progetto periferie: i due annunci di Muzzarelli
Politica
11 Ottobre 2017 - 21:35- Visite:10594
Economia - Articoli Recenti
Manutencoop, il colosso cooperativo dice..
L'assemblea dei soci di Manuntecoop, riunita oggi a Zola Predosa, ha ..
26 Maggio 2018 - 21:29- Visite:461
'Sisma 2012, la bassa modello di ..
Il Presidente Lapam Confartigianato Gilberto Luppi interviene ricordando il..
25 Maggio 2018 - 17:36- Visite:44
Confagricoltura, Bergamaschi diventa ..
Sarà affiancata dai vicepresidenti Claudio Canali, allevatore di suini in ..
24 Maggio 2018 - 14:52- Visite:157

Derma Più

Economia - Articoli più letti


Truffa 'Voucher Coop da 250 euro': cosa ..
Un buono spesa, un voucher da 250 euro da spendere alla Coop. Se vi arriva..
11 Giugno 2017 - 18:18- Visite:13188
E' fatto a Lesignana il formaggio più ..
Da terremotato a premiato per il miglior formaggio del mondo: la rinascita ..
22 Novembre 2017 - 12:12- Visite:13128
Separati per finta, conviene davvero?
Almeno il 7% delle separazioni (oltre 6mila su 91mila) sono 'finte'. I ..
10 Agosto 2017 - 22:36- Visite:12773


Contattaci

Feed RSS La Pressa

Contattaci