La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
articoliEconomia

Processo Aemilia e 'ndrangheta: si indaga sul ruolo del dirigente Cna, Mirco Salsi

Data: / Categoria: Economia
Autore:
La Pressa
Logo LaPressa.it

L'ex Vicepresidente CNA di Reggio Emilia e titolare allora della Reggiana Gourmet, azienda di Bagnolo del settore alimentare. Sotto la lente degli inquirenti un appalto per la ristorazione nelle carceri e la consegna di un milione 330mila euro in contanti.


Processo Aemilia e 'ndrangheta: si indaga sul ruolo del dirigente Cna, Mirco Salsi

Agosto è noto è tempo di vacanze o pause più o meno forzate. Ed è così che anche le udienze del maxi processo Aemilia, sul radicamento della ‘ndrangheta in Emilia-Romagna, sono sospese fino al 5 settembre per la chiusura ferragostana. Il processo, il più importante che si sia mai celebrato nella storia giudiziaria al nord, vede alla sbarra 147 imputati. Quasi nessun politico ma molti imprenditori veri o presunti tali. Tra questi vale la pena ripercorrere la storia giudiziaria e non di Mirco Salsi uno degli impresari protagonisti del processo e dell’ultima udienza, celebrata il 10 agosto presso il tribunale di Reggio Emilia, al quale sono state rivolte nuove accuse. Mirco Salsi è stato un dirigente di primo piano, per molti anni, della CNA di Reggio Emilia essendone il vice-presidente provinciale. Ee è stato inoltre componente della presidenza nazionale per la CNA Alimentare. 

E' il Gup Francesca Zavaglia,  in uno dei passaggi chiave delle 1.390 pagine della sentenza del processo concluso ad aprile con 58 condanne in abbreviato, che evidenzia come nell'indagine Aemilia si assiste alla “rottura degli argini” da parte della criminalità calabrese in Emilia dove “la congrega è vista entrare in contatto con il ceto artigianale e imprenditoriale reggiano, secondo una strategia di infiltrazione che muove spesso dall'attività di recupero di crediti inesigibili per arrivare a vere e proprie attività predatorie di complessi produttivi fino a cercare punti di contatto e di rappresentanza mediatico-istituzionale”.

E Mirco Salsi potrebbe secondo la tesi dell'accusa tutta da verificare (il processo è in corso) essere uno di quegli imprenditori cerniera. Titolare allora della Reggiana Gourmet, azienda di Bagnolo del settore alimentare , per vincere un appalto per la ristorazione nelle carceri avrebbe consegnato oltre un milione 330mila euro, in contanti, ad una donna con precedenti per truffa.  Ma l”affare” sarebbe sfumato e lui, Mirco Salsi (questo è ciò che gli inquirenti stanno tentando di ricostruire e verificare), potrebbe essersi avvalso dei servizi della ‘ndrangheta per recuperare il credito. 

E l'ultima udienza, svoltasi nell’aula del Palazzo di Giustizia di Reggio Emilia, è stata tra le più interessanti del processo;  attraverso le parole del capitano dei Carabinieri, Giovanni Mura, le domande del pm antimafia Marco Mescolini e il contro-interrogatorio svolto dal difensore di Salsi si è ricostruito  un caso da manuale di infiltrazione criminale nel tessuto economico reggiano. Tessuto che pur essendo sano e dinamico è disinvoltamente affascinato dalle 'opportunità' offerte dall’illegalità.

Il capitano Mura ha spiegato come il giornalista televisivo Gibertini (con cui Salsi aveva rapporti di confidenza tali da concedergli numerosi prestiti), abbia fatto da tramite per un incontro a tre con Silipo – a sua volta in stretto contatto con Nicolino Sarcone – che si sarebbe rivolto per il “recupero crediti” a Vincenzo Ferraro e Mario Calesse.

Ma se la somma utilizzata per “favorire” l’appalto tarda a rientrare nelle casse di Salsi, il clan chiede subito a Salsi di iniziare a pagare la parcella: subito 50mila euro, poi altri 300mila euro. Giustificati contabilmente con fatture per lavori inesistenti emesse dalla Trasporti Silipo nei confronti della Reggiana Gourmet. Non solo: il clan avrebbe dato a Salsi 750mila euro in assegni con firme falsificate, e poi continuato a chiedergli denaro.

Questi aspetti poco chiari della vicenda, che costrinsero Salsi in Questura a denunciare per estorsione gli “amici”, danno modo all’avvocato difensore di Salsi di sostenere che l’imprenditore in realtà fu vittima dei clan e di Gibertini.

Ed è qui il nocciolo della questione: Salsi sapeva o meno a chi si stava rivolgendo per il recupero crediti? Secondo la difesa no, Salsi non aveva consapevolezza che si trattasse di presunti ‘ndranghetisti. Per l’accusa invece si. E nel corso dell’ultima udienza, quella del 10 agosto, sono emerse nuove accuse nei confronti di Salsi in seguito alla testimonianza del maresciallo dei carabinieri Cristian Gandolfi. 

La scontro in aula fra accusa (il pm Marco Mescolini) e difesa (l’avvocato Noris Bucchi) si gioca sulla consapevolezza dell’imprenditore con chi aveva a che fare al momento dell’incarico per riottenere quella montagna di soldi.

E a tal proposito il maresciallo Cristian Gandolfi – in forza ai carabinieri di Reggio – che ha indagato su queste persone nell’inchiesta Octopus sul giro milionario di fatture fasulle è lapidario: «Salsi sa benissimo chi è Silipo e che è legato a Sarcone». Poi racconta dei telefoni-citofoni usati fra loro – «Dal settembre 2012 capiamo che vengono utilizzati» – a mo’ di circuito chiuso, inoltre facendo riferimento a un’intercettazione telefonica rimarca come Salsi sapesse di avere a che fare con la criminalità organizzata, riportandone questa frase: «Sarcone (definito “Sarcosì” in un colloquio fra l’imprenditore e Gibertini) è il numero uno in provincia». Una ricostruzione che l’avvocato Bucchi contesta: «Ho letto tutte le intercettazioni – dice il difensore – e ho un’idea diversa sulla consapevolezza di Salsi». Il legale dice che Salsi non afferma ma chiede a Gibertini se Sarcone è il numero uno in provincia («Perché non sa chi è»).

 



Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione poli..   Continua >>


Profilo Facebook di Redazione La Pressa Profilo Google+ di Redazione La Pressa Profilo Twitter di Redazione La Pressa Profilo Linkedin di Redazione La Pressa Profilo Instagram di Redazione La Pressa Indirizzo Email di Redazione La Pressa 


Articoli Correlati


Cna Servizi Modena in pre-fallimento, tutti i numeri della crisi
Economia
23 Luglio 2017 - 10:30- Visite:12756
Il pentito della 'Ndrangheta sulla dirigente del Comune di Modena: 'I ..
La Nera
27 Settembre 2017 - 12:00- Visite:12114
Maxi sequestro per un imprenditore edile modenese «contiguo alla ..
La Provincia
15 Giugno 2017 - 18:54- Visite:11550
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Quelli di Prima
02 Gennaio 2014 - 13:54- Visite:11478
Il fratello del nonno della dirigente modenese Maria Sergio era il ..
La Nera
10 Ottobre 2017 - 17:20- Visite:11359
Economia - Articoli Recenti
'Italpizza, gli incontri tra chi è già..
CGIL ribadisce la propria posizione all'indomani dell'incontro in ..
20 Marzo 2019 - 16:53- Visite:187
Legacoop Estense, Benini rilancia la ..
A tre anni dell'Unione delle tre centrali, la prima assemblea congressuale ..
20 Marzo 2019 - 00:35- Visite:265
Italpizza, avanti con Uil e Cisl: ..
L'esito del secondo tavolo in Confindustria con sindacati e cooperative. ..
19 Marzo 2019 - 22:13- Visite:297
Italia in recessione: come Argentina e ..
Una classe politica, quella italiana, che purtroppo arranca su posizioni di..
18 Marzo 2019 - 13:43- Visite:389

Feed RSS La Pressa

Economia - Articoli più letti


Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla ..
La Coop utilizza l’intero patrimonio dei soci più una parte del debito ..
15 Agosto 2018 - 10:36- Visite:52514
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del..
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, ..
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:36724
Voragine Coop Alleanza 3.0: plusvalenze ..
L'operazione finanziaria che ha trasformato gli immobili in titoli quotati ..
09 Maggio 2018 - 14:47- Visite:21964

Contattaci

Feed RSS La Pressa

Contattaci

Feed RSS La Pressa