Nel Dup del Comune di Modena la 'razza' esiste
e-work Spa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliPolitica

Nel Dup del Comune di Modena la 'razza' esiste

La Pressa
Logo LaPressa.it

Svista o corto circuito politico? Il documento economico presentato dall'amministrazione comunale di Modena non tiene conto delle indicazioni della proposta PD, votata all'unanimità in commissione affari costituzionali, per cancellare il termine dai documenti pubblici. E ne sancisce l'utilizzo che il PD contesta al centro destra


Nel Dup del Comune di Modena la 'razza' esiste
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Sono recenti gli attacchi degli amministratori PD a politici di centro destra, dalla Lombardia all'Emilia-Romagna, colpevoli a loro avviso di avere utilizzato il termine razza. Per distinguere le persone sulla base della loro provenienza o di particolari caratteristiche fisiche. 

Senza entrare nel dibattito scientifico che, proprio sulla base della scienza, destituisce il fondamento stesso del concetto di razza (dacché l’antropologia fisica e l’evoluzionismo hanno dimostrato che non esistono gruppi razziali fissi o discontinui), sta di fatto che in termini culturali, sociali ed istituzionali il termine non solo esiste (e richiamato anche in Costituzione), ma viene utilizzato per distinguere raggruppamento di individui che presentano un insieme di caratteri fisici ereditari comuni. 'Nel caso dell’uomo - citando la Treccani - tali caratteri si riferiscono a caratteristiche somatiche (colore della pelle, tipo di capelli, forma del viso, del naso, degli occhi ecc.), indipendentemente da nazionalità, lingua, costumi'.

Ma in un mondo ormai invaso da campagne politiche e culturali sul linguaggio di genere, anche il termine razza, sancito comunque in Costituzione, è finito al centro dello scontro politico al punto tale da fare definire razzista chi lo usa. Non soltanto in forma verbale ma soprattutto scritta. Una battaglia contro l'uso del termine razza di cui si è fatto paladino il Partito Democratico. Che su questo punto ha il nome di Arturo Scotto, Deputato PD che ha proposto la cancellazione del termine 'razza' da ogni documento amministrativo della Repubblica Italiana sostituendolo con Nazionalità. Proposta approvata all'unanimità il 30 maggio scorso dalle Commissioni Affari Costituzionali e Lavoro della Camera. La conseguenza è un corto circuito politico ed istituzionale. Anche alla luce dei documenti presentati dallo stesso comune di Modena.

Tra gli ultimi redatti, il DUP (il documento unico di programmazione alla base del bilancio di previsione), e che al suo interno, nel capitolo riguardante le pari opportunità e le azioni tese a rimuovere disparità e discriminazioni sul piano pubblico utilizza e riporta nero su bianco il termine ed il concetto di 'razza'.

In sostanza una tripla contraddizione: sul piano politico, amministrativo ed istituzionale: l'amministrazione a guida PD di Modena utilizza il concetto di razza in documento pubblico, esponendosi al medesimo utilizzo contestato ai politici di centro destra. Ma non solo. Il documento pubblico non tiene conto di quanto votato all'unanilità nelle importanti commissioni parlamentari su proposta dello stesso PD. In terzo luogo, rimane la volontà politica di abolire l'utilizzo di un termine che comunque è sancito e rimane scolpito nella Costituzione.

Alla luce di queste considerazioni, ciò che vediamo e leggiamo nel documento del Comune è quindi frutto di una svista, di un corto circuito politico o di cosa altro?

Gianni Galeotti


Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

e-work Spa
Articoli Correlati
Rottami di Costituzione
Le Vignette di Paride
10 Marzo 2024 - 18:58

Acof onoranze funebri
Politica - Articoli Recenti
Castelfranco Emilia: due arresti per evasione
I Carabinieri hanno fermato un uomo poteva uscire di casa solo per andare a lavorare, un ..
20 Maggio 2024 - 00:29
Mirandola, il Pd: 'La Budri viola la par condicio'. Ma nel 2019 i Dem fecero lo stesso
'Maino Benatti, così come altri membri dell’amministrazione (pure candidati), ..
19 Maggio 2024 - 18:27
Punti nascita, da Mirandola a Pavullo: promesse tradite di Bonaccini
Non solo non riapriranno i punti nascita in montagna, la Regione del governatore che promise..
19 Maggio 2024 - 07:31
Campagna elettorale, prof Modena: 'Dibattiti ridotti a narcisistiche passerelle'
'Vere e proprie narcisistiche passerelle utili alla visibilità di qualche responsabile di ..
18 Maggio 2024 - 18:23
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58