Ufficiale: Bonaccini candidato in Europa. Emilia Romagna a elezioni anticipate
e-work Spa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliPolitica

Ufficiale: Bonaccini candidato in Europa. Emilia Romagna a elezioni anticipate

La Pressa
Logo LaPressa.it

Impossibile non ricordare quando Bonaccini prometteva: ‘Intendo onorare fino in fondo il patto con gli emiliani romagnoli come presidente'


Ufficiale: Bonaccini candidato in Europa. Emilia Romagna a elezioni anticipate
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'Le elezioni dell'8 e il 9 giugno sono una sfida decisiva per il futuro dell'Europa. E dobbiamo schierare tutte le energie migliori di cui disponiamo. Per questa ragione ho chiesto a Stefano Bonaccini di guidare la lista del Nord est: la sua esperienza decennale da presidente dell'Emilia-Romagna e il suo ruolo di presidente del Pd ne fanno una proposta molto forte per la battaglia che dobbiamo condurre e l'Europa che vogliamo costruire. Lo ringrazio per aver accettato'. Lo afferma in una nota la segretaria del Pd Elly Schlein.
Con queste parole viene dunque ufficializzata la decisione di Bonaccini di lasciare anzitempo la guida della Regione Emilia Romagna per candidarsi alle Europee. In questo modo la Regione andrà ad elezioni anticipate, a novembre invece che a inizio 2025. Impossibile non ricordare quando Bonaccini prometteva (video sotto): ‘Intendo onorare fino in fondo il patto con gli emiliani romagnoli come presidente della Regione Emilia Romagna’.

 
Sono passati pochi mesi e il governatore ha deciso di preferire la propria carriera personale.



'Questo non è un messaggio d'addio, non finisce nulla. Inizia invece un nuovo capitolo. Ho accettato la sfida delle elezioni europee perché sono convinto che il futuro sia sempre più l'Europa. Lo è per l'Italia che senza un Europa forte, unita, correrebbe e conterebbe sempre meno, al pari degli altri Paesi singolarmente presi del nostro continente'. Così, Bonaccini, spiega, in un video su Facebook, la sua scelta. 'Per l'Emilia-Romagna l'Europa è già il presente - osserva - è la dimensione con cui ci confrontiamo ogni giorno, con cui si confrontano le nostre imprese, i nostri territori essendo noi una delle regioni più aperte al mondo. Basti guardare ai risultati straordinari del nostro export.

Nonostante quell'alluvione che lo scorso anno causò 9 miliardi di danni le nostre imprese hanno esportato qualcosa come 85 miliardi raggiungendo il record mai raggiunto nella storia di questa regione'. 

'Quando fui eletto la prima volta nel 2014 ero consapevole della responsabilità che mi caricavo sulle spalle. Eravamo nel punto più basso nella storia della partecipazione, a quel voto partecipò poco meno del 40% degli elettori. Eravamo in un periodo in cui la fiducia nella politica era ai minimi termini, nel pieno di una recessione che aveva sconquassato l'Italia, l'Europa e l'Emilia-Romagna'. Due anni prima i terremoti che hanno 'prodotto 28 vittime, centinaia di feriti, oltre 12 miliardi di danni'. Oggi 'siamo la locomotiva d'Italia come ci riconoscono tutti'. Dalla disoccupazione agli asili nido alle università 'che attraggono talenti'. 'È la Regione che più combatte per salvaguardare la sanità pubblica'. 'Dobbiamo essere orgogliosi di questi risultati raggiunti insieme a tutte le parti sociali e a tutti gli amministratori di questa regine riuniti nel Patto per il lavoro e il clima. Vi garantisco che ho dato tutto ciò che potevo, ho sempre voluto essere presidente di tutti a prescindere da chi mi abbia votato, perché le istituzioni sono o dovrebbero essere la casa di tutti'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

e-work Spa

Vota Bruno Rinaldi  Forza Italia
Politica - Articoli Recenti
'Modena: Unimore partecipa attivamente al Gay pride, che errore'
Le parole di Mirko De Carli, candidato al Parlamento Europeo per la lista Libertà e ..
25 Maggio 2024 - 16:35
Modena Pride, migliaia in piazza: sindaco Muzzarelli e giunta Pd in testa
Il corteo che sfila lungo le strade del centro vede in testa il sindaco Muzzarelli, gli ..
25 Maggio 2024 - 16:12
'Manutenzione del verde pubblico: Modena nel degrado'
Rossini (Fdi): 'E' evidente che la tutela della biodiversità non può diventare la scusa ..
25 Maggio 2024 - 16:06
Mezzetti: 'Governo penalizza i Comuni, cosa dice la destra modenese?'
Nella bozza di decreto attuativo predisposta del Ministero dell’economia, infatti, spunta ..
25 Maggio 2024 - 14:20
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58